Rocco Brindisi




[LUCANIA]  ROCCO BRINDISI, nato a Potenza nel 1944, da genitori contadini, lavora nella scuola, dove tiene laboratori di linguaggio e di lettura per i bambini delle materne, elementari e medie.

Dopo lunghi anni di nascosta quanto accurata elaborazione poetica (scrive versi dal 1973), Brindisi venne pubblicato dalla Einaudi, nel 1984, nei Nuovi poeti italiani (n. 3).

Suoi racconti sono usciti su “Il Manifesto”, “Freibeuter” (Wagenbach) ed altre riviste.
Ha pubblicato due raccolte di poesie in dialetto: nel 1986 Rosa du pruatorie e nel 1990 Carienn li nir da li ccagg (S. Marco dei Giustiniani); una raccolta di racconti, Racconti liturgici (Sestante); una rielaborazione in dialetto del “Woyzeck” di Büchner; tre racconti, nel volume Narratori delle riserve (Feltrinelli) e la raccolta di racconti Il silenzio della neve (Quiritta 2002). Con Elena guarda il mare (Quiritta) ha partecipato al Premio Strega 2004.
L’ultimo suo libro è La figliola che si fidanzò con un racconto (Empiria 2006).

Con la raccolta inedita in dialetto lucano Morte de nu fra ca uardava (Morte di un amico che guardava), da cui sono tratte le poesie qui pubblicate, ha vinto il premio nazionale di poesia in dialetto "Città di Ischitella-Pietro Giannone" 2007, ed è stata poi pubblicata dalle Edizioni Cofine (VEDI SEZIONE Libri >>>)

Le poesie di Rocco Brindisi


Piccininne

I

I piccininne ca restene criature…

a quinnesce anne, spurene sova la mane e fanne

                                           [lu mare,

gecchene i pipele, quanne passa na dascerta…

dìscene ca lu ciele addòra’ de chiuse…

se fanne pettenà…

i figliole assèttare a li fenestre

stipene mbiette u pèttene larghe,

e l’ate, buone pi procchie…

piccininne ranne, accungiare da li mmamme

ca gne crescene lu sonne inte na ngidda,

gne dèvene la carcìa,

li fanne iesce cu li cammisce sterare

a cinta di giuvanotte...

gn’appennene, a li recchie,

léttere de zite da fa mmiria a la luna...

 

II

Bàscene a tutte quante,

o manche a Criste,

stese sova na tàula,

purtare a u sole…

piccininne ca nun’àcchiene la bocca,

o manche se n’addònene…

nun se ’ngaverene maie li mmane a lu sole…

nu li dascene maie inte na sacchetta...

ngègnene i cuaderne de l’auciedde,

nun sanne appenne nu muccature

i piccininne ca restene criature

fanne l’amore cu “i coscche a deva l’anema”

pigliene pe zite i mare appese…

 

BAMBINI: I - I bambini che restano creature… / a quindici anni, si sputano sulla mano e fanno il mare, / gettano petali di ginestre quando passa una lucertola // si lamentano del cielo / che odora di chiuso…// si lasciano pettinare da figliole sedute alle finestre, / che tengono, tra le mammelle, un pettine largo / e quello stretto, buono per i pidocchi…// bambini cresciuti nello specchio, vestiti dalle madri / che gli crescono il sonno dentro un vaso, / gli tolgono la colla dagli occhi, / li fanno uscire con la camicia stirata, / gli appendono, alle orecchie, / lettere di amanti che fanno invidia alla luna…

 

II - Passano il tempo a baciare, / o neanche Cristo, / steso sopra una tavola, / portato al sole…// i bambini che non trovano la bocca, / e quelli che non se la ricordano…// non incantano mai le mani al sole, / non le perdono mai in una tasca..., // aprono i quaderni delle rondini, / non sanno appendere un fazzoletto alla fune, // i bambini che restano creature… / fanno l’amore con “le puzze che tolgono l’anima” / si fidanzano ai mari dipinti sugli atlanti…





Morte de nu fra ca uardava

Lu vente, stanotte, m’arrecorda li passegge all’ascure

la voscia ca tenìa averte i libbre

u paravise di morte...

u Padraterne sonna d’esse uardare…

Angela fa veré Sciarlò inte li sccole

e quanne s’arretira, s’addorme

cu nu turse de mela annurca...

Anna stasera ha regettà

pi sccande, i panteche d’amore…

e quanne agge terà d’acqua

m’ha tenure a mmende,

cu la risa de na mamma ca cunzola,

e m’ha ditte ca tenìa ancora da regettà…

 

III

M’è venù nzonne, e m’ha dditte

«Rocchì, l’ata matina agge viste nu ciele belle stese,

bbelli nuvule…

li nuvule èrene accuscì cuiète,

manche la cavezetta de na figliola

inte nu specchie».

 

IV

«L’ata notte so calà a ssonne leggènne,

e u cunte s’è addormù nzieme a mi.

qualcune me devava li scarpe...

agge viste na mane,

la resara de na figliola, ca m’aggirava de late

pe farme uardà la luna.»

 

MORTE DI UN AMICO CHE GUARDAVA - Il vento, stanotte, / mi ricorda le passeggiate al buio / la voce che teneva aperti i libri, / il paradiso dei morti… // dove Dio elemosina uno sguardo… // Angela fa vedere Charlot ai bambini delle scuole... / quando torna / prende sonno con il torso di una mela sul petto // mia figlia Anna stasera ha vomitato / per gli spaventi, i trasalimenti d’amore… / e quando ho tirato lo sciacquone / mi ha guardato / col sorriso di una madre che perdona / e mi ha detto / che doveva vomitare ancora...

 

III - Mi è venuto in sogno, e mi ha detto / «Rocchì, l’altra mattina ho visto un cielo aperto / e belle nuvole, // le nuvole erano così quiete, / neanche la calza di una figliola / in uno specchio».

 

IV - «L’altra notte ho preso sonno leggendo, / e il libro si è addormentato con me. // qualcuno mi toglieva le scarpe, // vedevo una mano, / la risata di una donna, / che mi girava da un lato / per farmi guardare la luna.»





Pulvinie

I

Nun agge maie viste mi mamma dorme...

ere criature, e savìa

ca da u sonne soie nascìa la neve…

n’ata cosa savìa,

i fagliocche èrene penziere de l’angele

appezzecare a i vetre,

penziere ca nu mpigliavene recuia mparavise...

sova la terra, mmocca a i fenestre, a i porte

s’accuietavene...

u pulvinie chiatrava li scorze di mandarine,

l’ombra de la Maronna…

i piccininne tenienne cumbassione de Ddie

ca nun era neve…

 

NEVE GELATA, SOLLEVATA DAL VENTO: I - Non ho mai visto mia madre dormire, / ero un bambino, e sapevo / che dal sonno di mia madre nasceva la neve. // un’altra cosa sapevo, / i fiocchi erano pensieri degli angeli incollati ai vetri / pensieri che non prendevano pace in paradiso… // sulla terra, sopra le finestre e le porte, si acquietavano.. // la neve e il vento gelavano le bucce dei mandarini, / l’ombra della Vergine… // i bambini avevano compassione di Dio / che non era neve…





Denzuole

U vecchie, arranzare a la finestra,

tenìa a mmende li figliole

ca stennienne i panne a u sole…

una se stringìa u denzuole mbiette…

su basciava cume a nu zite…

la riccia se muzzecava i dire,

gne rerrienne d’uocchie,

appennìa cavezette scumpagnare,

cume a quedde ca pénzene a l’amor…

la figliola senza recchìne se mettèse a ccandà..,

a u criature ca gne purgìa i ngappette

discese: «Canda pe nun sccattà!»…

u vecchie uardava,

e verìa la miglièra soia, a quinnesce anne,

ca sbattìa li maccature,

e se rattava, addù pigliava uste…

pe farse perdunà da l’angele,

se fascìa u segne da croscia…

 

LENZUOLI - Il vecchio, affacciato alla finestra, / guardava le figliole / che stendevano i panni al sole… // una si stringeva il lenzuolo al petto, / se lo baciava come un innamorato… // la figliola con i ricci si dava piccoli morsi alla mano, / le ridevano gli occhi, / appendeva calzette spaiate, / come quelle che pensano all’amore… // la figliola senza orecchini si mise a cantare… / al bambino che le porgeva le mollette, confidò, / in un orecchio: «Canto per non crepare!»… // il vecchio guardava / e vide sua moglie, a quindici anni, / che appendeva i fazzoletti, / e si grattava / dove è bello grattarsi di nascosto… // per farsi perdonare dall’angelo, / si faceva il segno della croce…