morto il poeta e scrittore in dialetto Vito Tartaro (1938 2014)


Si spento allet di settantacinque anni il dodici febbraio

 È morto il poeta e scrittore in dialetto Vito Tartaro (1938 – 2014)

La Sicilia, come il mondo, la Sicilia-mondo, direi, è isola di uomini eccezionali (che, cioè, vivono una vita d’eccezione) vissuti nell’ombra o nella penombra. 

Uno di questi uomini la cui vita è stata un progressivo ripiegamento su se stesso è Vito Tartaro di Ramacca. Poeta, narratore, studioso severo di dialetto, si è spento all’età di settantacinque anni il dodici di questo febbraio duemila e quattordici.

Impiegato comunale, si avvicinò alla scrittura in tarda età, pubblicando, dal 1980 ad oggi, un saggio storico-archeologico sulla montagna del suo paese, cinque libri di poesia (più una silloge antologica inserita in un collettivo di poeti), un romanzo, una raccolta di racconti, un volume di racconti alternati a poesie, altro saggio sulla storia della Sicilia e, infine, di prossima uscita, un libro di prose postumo. Tutta la sua produzione è in dialetto, ad esclusione della sua opera saggistica d’esordio.

La scrittura di Tartaro gira essenzialmente attorno a determinati nuclei-registri: l’essere ateo, condizione che si sviluppa approdando ad una “religiosità” della Natura e dell’Uomo; il canto accorato per gli umili e gli oppressi; gli affetti familiari come unico elemento salvifico; lo scavo nella parola dialettale pura, originaria, su una scrittura tesa, non scevra da neologismi e ricerca stilistica continue; il rimpianto per una sicilianità (e per la Parola siciliana) irrimediabilmente perduta . I toni sono quelli polemici dell’impegno politico-sociale, satirici, elegiaci, modulazioni liriche, senza mai scadere nei cascami tipici di tanta letteratura folclor-popolare.

Sulla sua opera hanno scritto in molti, da Vincenzo Di Maria a Manlio Cortellazzo, da Silvana La Spina a Giuseppe Cavarra, da Salvatore Di Marco ad Adalgisa Biondi e tanti altri. Svariati i premi letterari ottenuti, fra cui il Città di Marineo, il Vann’Antò-Saitta per l’inedito e il Musco.

Con lui se ne va (già Peppino Cavarra ci aveva lasciati) un pezzo della Sicilia letteraria dialettale di prestigio.

Giuseppe Samperi


VITO TARTARO –  LE OPERE

- La Montagna di Ramacca e l’antica città di Eryke , Ramacca 1980 Saggio storico
- Ateismu prim’e tuttu , Ramacca 1990 Poesie in dialetto
- Lu friddu di la storia, Catania 1992 Poesie in dialetto
- Russu Ramacca, Caltagirone 1994 Poesie in dialetto
- I senza anima, Catania 1996 Poesie in dialetto
- Nannaparola, Palagonia 1999 Poesie in dialetto
- Strata e terra, Catania 2001 Romanzo, in dialetto
- Camina ca ti camina , in Chiana e Biveri di AA. VV., Catania 2002 Poesie in dialetto
- Cuntannucuntannu, Catania 2004 Racconti in dialetto
- Carcariari, Castel di Judica 2007 Racconti e poesie in dialetto

- Siculicani , Castel di Judica 2011 Storia della Sicilia (Parte I), in dialetto

SICILIARI

Siminari accàttitu sbrinnuri
e ricogghiri shopping e sun.
Dumannari pospiri canigghia
e sintirisi diri” non ce n’è”
pirchì non capiscinu.
Jucari niputi
chiamannuli çiatu curina
e sapiri di lèsina
“ma come parli nonno” ?!
E circari d’agghiuttiri
trenta seculi di storia
tippa di paroli duci
ca chiantu cuddatu
e cutugna pilusi
fannu aggruppari.
Siminari
allura
e dormiri
dormiri cu Duceziu
Japicu di Lentini
Santu di Linguarossa.
Rusbigghiarisi
(rusbigghiari vivi-morti e morti- vivi)
quannu di criscimugna
spuntunu Siculi di vaglia:
Erykeni mafiuisi
Minioli risuluti
Palikeni ardimintusi.

E siciliari.

Seminare accàttitu sbrinnuri / e raccogliere shopping e sun. / Domandare pospiri canigghia / e sentirsi rispondere “non ce n’è” perché non capiscono. / Giocare con nipoti / chiamandoli çiatu curina / e sapere di lèsina / “ma come parli nonno” ?! / E cercare di ingerire / trenta secoli di storia / pregna di dolci parole / che pianto ingoiato / e cotogne acerbe / non fanno ingurgitare. / Seminare / allora e dormire / dormire con Ducezio / Iacopo da Lentini / Santo da Linguaglossa. / Svegliarsi / (svegliare vivi-morti e morti- vivi) / quando da lievito / nasceranno Siculi di vaglia: / Erykeni baldanzosi / Mineoli risoluti / Palikeni ardimentosi. / / E siciliare.