'Picnic in campagna' di Fernando Arrabal in dialetto velletrano


Nella riduzione, adattamento e traduzione di Roberto Zaccagnini

Il pezzo teatrale qui presentato è l'oggetto della seconda Rassegna Nazionale Corti Teatrali "In dialetto come sarà", indetta nel 2013 dalla UILT, Unione Italiana Libero Teatro. Uno stesso testo teatrale proposto, che ogni Compagnia deve elaborare e tradurre nel proprio dialetto. Si tratta di Picnic in campagna, scritto nel 1952 dallo spagnolo Fernando Arrabal, pubblicato a Parigi nel '58, e lì rappresentato per la prima volta l'anno successivo, al Theatre de Lutec.
Alla prima Rassegna Nazionale, la nostra Compagnia fu scelta, assieme ad altre tre di Toscana, Campania e Sicilia, per la serata finale a Cannole (Lecce), e presentammo una relazione sul lavoro di riduzione e traduzione del testo proposto: Terzetto spezzato di Italo Svevo. In quell'occasione ragionammo sulla difficoltà - egregiamente superata - di trasporre nel nostro vernacolo espressioni di sentimento, assai rare o assenti nella nostra tradizione letteraria dialettale. Impegnativa ma non impossibile fu la traduzione di un testo assai forbito nel lessico e sofisticato nella costruzione del periodo.
In questa occasione, col testo di Arrabal, ci siamo trovati di fronte a difficoltà non affrontabili semplicemente dal lato linguistico. Esse ci hanno costretti a risoluzioni di carattere scenico, per rendere fruibile (e spendibile da parte nostra) un testo dialettale. L'appartenenza di Picnic in campagna al genere espressivo del teatro dell'assurdo, che ebbe il suo sviluppo proprio in Francia negli anni '40, '50 e '60 del XX secolo, ci è parso inadattabile a un testo dialettale. Ciò perché il teatro dialettale si è sempre attenuto all'estremo realismo della quotidianità, tanto nei costumi, quanto nella scenografia, quindi nell'ambientazione e nella struttura dei dialoghi. E, in definitiva, nell'eventuale messaggio morale, il quale è sempre riconoscibile in uno dei tanti proverbi o adagi della tradizione popolare.
Si aggiunga che generalmente la platea del teatro dialettale vuol ridere, e poco o nulla fanno le compagnie dialettali - non diciamo per educare il pubblico - ma quantomeno per tentare nuove soluzioni, preferendo assecondare i gusti di un pubblico prevedibile e garantito.
Si aggiunga ancora che il teatro dell'assurdo è guardato con diffidenza da gran parte del pubblico, e in special modo dal pubblico del teatro dialettale, il quale esige l'immediata sostanza già dalla prima scena. Chi ha frequentato il teatro negli anni ruggenti dell'assurdo ricorda bene - con un minimo di onestà intellettuale - quanto questo genere sia valso come alibi a tante compagnie; quanto l'estremo minimalismo sia stato il pretesto per non industriarsi nella scelta o nella confezione dei costumi, nella costruzione delle scenografie, fino all'assenza di un testo capace di reggersi in piedi, laddove al minimalismo si aggiungeva il genere assurdo, che arrivava a esonerare l'attore dal suo impegno primario: mandare a memoria il copione. Troppe volte si usciva dal teatro, come dal cineforum, dovendo dire di aver capito e di aver gradito, per non restare out. Non siamo più negli anni in cui il palco si riempiva di ortaggi provenienti dal loggione, ma certamente oggi il pubblico è meno propenso a dichiararsi soddisfatto, se non lo è. E il pubblico del teatro dialettale, volgare nel senso rispettabile del termine, lo è ancora meno.
In definitiva, un testo teatrale dell'assurdo può presentarsi con dignità se recitato in lingua, avvalendosi di una tradizione consolidata, che piaccia o no. Il teatro assurdo dialettale è stata una strada che abbiamo creduto pericoloso tentare ma, costretti, ci è parso utile derogare in più punti al copione e alla sceneggiatura. Per esempio: svolgendosi la scena su un campo di battaglia, un soldato dichiara di confezionare fiori di stoffa per passare il tempo. Qui, garantito l'assurdo, la battuta ci è parsa davvero scadente tanto che, traducendo in dialetto, abbiamo voluto ricordare una scena giocosa della nostra infanzia, facendo confezionare al soldato non fiori di stoffa, ma cartoccetti di carta da tirare con la cerbottana che, nelle battute aggiunte a contorno, gli sono tornati utili per alcuni giorni, mancando le munizioni. Un altro suo trastullo è la costruzione di castelli di sabbia, rubando sacchi dalle trincee nemiche, la quale variante ci ha esonerato dal trascinare in scena i previsti sacchi di sabbia, sostituiti da un cartello minaccioso contro i ladri di sabbia. Anche il telefono da campo è stato sostituito col barattolo di pelati e il cordino, secondo l'uso ludico della nostra infanzia.
Richiestoci di ridurre da sei a quattro i personaggi, ovviamente abbiamo sacrificato i due barellieri, personaggi minori. Ma le loro battute, alle quali ci dispiaceva rinunciare, le abbiamo sommariamente fatte citare dal signor Tepan.
Intorno a tutto, la morale: il disprezzo per la guerra. Una posizione ideologica che costò cara all'autore, ma che oggi - ancorché pressante e sacrosanta - appare fritta e rifritta alla pari del teatro dell'assurdo. Per ciò abbiamo previsto sul fondoscena la proiezione di scene di guerra, per mantenere l'idea che, mentre in scena i soldati "assurdamente" lavorano a maglia o confezionano cartoccetti, poco distante la tragedia si consuma ugualmente.

R.Z.

 

PICNIC IN CAMPAGNA di FERNANDO ARRABAL

PERSONAGGI

ZAPO
IL SIGNOR TEPAN
LA SIGNORA TEPAN
ZEPO

Un campo di battaglia.
Un cavallo di frisia con filo spinato da un lato della scena. Dall'altro lato, un telo mimetico steso su un cavalletto, sul quale campeggia un cartello: "Chi ha fregato i sacchi de sabbia, glie se pozzeno cioncà 'e mano".
La battaglia infuria. Si sentono spari, bombe, mitragliatrici. Zapo è al riparo del telo mimetico e, anche se impaurito, lavora a maglia coi ferri. Cessa il rumore della battaglia, e suona il telefono da campo, che si trova accanto a lui.

ZAPO – Pronto.. Pronto.. sì, sor capità,… Sì, so' io, 'a sentinella d''o reparto 47… No, gnente de novo, sor capità… Scusa, sor capità, ma quand'è che rincomìnceno a commatte? E co' 'sse bombe 'n mano, (da una busta di carta bianca, tira fuori un tovagliolo di carta e una bomba fritta) se pò sapé che ce tengo da fa? 'E tengo da iettà a parte annanzi, o a parte arèto? No, n' t''a piglià ccossì, sor capità, io n' te voléo scoccià …, però, sor capità, io qua me sto a morì de pizzichi … gnente gnente nun è che me potrìssi mannà 'n compagno? Fusse puro 'na crapa… (Senza dubbio il capitano lo rampogna aspramente) Vabbè, vabbè, sor capità (Zapo riattacca, borbottando fra i denti).
Silenzio. Entrano il signore e la signora Tepan con il paniere da picnic. Zapo, di spalle, non li vede arrivare.

SIGNOR TEPAN – Figliaccio mio, arìzzete e da' 'n bacio a madreta!
(Zapo, sorpreso, si alza e bacia sua madre sulla fronte).
E mó, puro a mmi.

ZAPO – Oh pa'! Oh ma'! Ma comme v'è passato p''o capo da venì fino a qua, co' chello che sta a succede? Cogliétev''a subbito.

SIGNOR TEPAN – Ce vorìssi capì più de patreto, de robba de guera? Tutta 'ssa rattatuglia, pe' mi, so' bruscolini! 'O pericolo … tse! … ma te ricordi quante vote so' zompato 'n corsa da 'o tranvetto?

SIGNORA TEPAN – Veramente … te ci hanno iettato, pecché n'eri pagato 'o biglietto! (al figlio) Semo penzato che t'eri stufato a sta' da solo, cossì semo venuti a trovatte. Me sa che 'sta guera tè' da èsse propa 'na palla …!

ZAPO – Beh, 'nzomma …

SIGNOR TEPAN – 'O saccio io comme vanno 'sse cose: all’inizio va tutto bbè, te diverti a ammazzà, a tirà 'e bombe, te piace a tené 'st'ermetto 'n capo, a tirà du' botte all'atra parte, ma gira gira te rompi i coglioni. Ce tenéi da stà ai tiempi mia, tu! Chelle sì, che ènno guere! E po', ce sténno i cavalli, 'n fregaccio de cavalli. Te sarìa fatto vedé, quando 'o capitano ce dicéa: “Gnate!”, comme azzecchéssimo subbito 'n groppa, tutti co' 'a divisa roscia. E doppo te trovéi denanzi 'o nemico, puro isso co' i cavalli – i cavalli ce sténno sempre, 'n frego de cavalli – e issi co' i stuali gliustri, e 'a divisa verde.

SIGNORA TEPAN – Ma 'ndó?! 'A giacchetta de chill'atri mica era verde! Era azzura! Me ricordo bbene ch'era azzura.

SIGNOR TEPAN – Te dicio che era verde!

SIGNORA TEPAN – Era azzura!

SIGNOR TEPAN – E vabbè, ce tenghi sempre raggione tu.

ZAPO – Sì, ma mó v''a tenéte da coglie pe' ddavero. Nun se pò arentrà 'n guera, si uno nun è sordato.

SIGNOR TEPAN – Ma chi se ne frega!? Stemo qua pe' fasse u' spuntino co' ti, e pe' passà 'a domegnica.

SIGNORA TEPAN – So' preparato 'n pranzetto da fatte alleccà 'e dita.

ZAPO – E vabbè, comme ve pare! Però si ariva 'o capitano se 'ncazza, eh!

SIGNOR TEPAN – N' te preoccupà, che ce parlo io, co' 'o capitano.

ZAPO – E si ce tocca de ricomincià a commatte?

SIGNOR TEPAN – E che te credi, che tengo paura? Fussero armeno battaglie a cavallo! So' atri tiempi, tu nun pòi capì. E po' semo venuti co' l'Apetta, e n' ci ha ditto gnente gnisuno. Semo solo trovato po' de traffico … 'mmezzo ai cararmati ... Ma se sa che 'n tiempo de guera bisogna aspettasse de tutto.

SIGNORA TEPAN – Bè, 'ncomincemo a magnà.

SIGNOR TEPAN – Sì, tengo 'na fame che me sto a torce. Sarà l'addore d''e schioppettate …!

SIGNORA TEPAN – Mettémose 'n cima 'a coperta.

ZAPO – Magno co' 'o fucile?

SIGNORA TEPAN – Gnorante, posa 'sso coso! N' se magna c''o fucile 'n collo. Ma tu, s'i zozzo comme 'n porco! Famme vedé 'e mano.

ZAPO – (vergognoso, gliele mostra) So' tenuto da cammina a pecoroni pe' fa 'e manovre.

SIGNORA TEPAN – E 'e recchie?

ZAPO – M''e so' lavate stammatina.

SIGNORA TEPAN – Ah, mbè …! E i dienti? (Zapo glieli mostra) Bravo! Pecché si ce sta 'na cosa che n' areggio, è che tu, co' 'a scusa d''a guera, n' te lavi.

ZAPO – Ce tenghi raggione.
Mangiano

SIGNOR TEPAN – E 'nzomma, dimme po', ne s'i ammazzati tanti, de nemici?

ZAPO – Quando?

SIGNOR TEPAN – 'Sti giorni!

ZAPO – Andó?

SIGNOR TEPAN – Qua! Ma stai a fa 'a guera, o no?

ZAPO – 'Nzomma … so' sparato ca' botta, ma n' ce so' accòto quasi mai.

SIGNOR TEPAN – E andó tiri meglio, ai cavalli o ai sordati?

ZAPO – Ma quale cavalli? N' ce stanno più, i cavalli, papà!

SIGNOR TEPAN – Allora, ai sordati?

ZAPO – Pò èsse …

SIGNOR TEPAN – Pò èsse? Manco s'i sicuro?

ZAPO – E' che… io sparo senza piglià 'a mira. E po' dicio 'n Padre Nnostro pe' chillo. Tante vòte 'o fussi acciappato ...

SIGNOR TEPAN – Ma allora fatte 'a mano avanzata, e diglie subbito 'na Rechiemeterna a tutti quanti!

SIGNORA TEPAN – Accegnémo 'a radio!
Il signor Tepan accende la radio. Musica. Tutti e tre seduti per terra ascoltano.

SIGNORA TEPAN – Esso musica! No, chella de mó!
Entra Zepo, soldato nemico. E’ vestito come Zapo, ma di colore diverso. Zepo ascolta la musica, dietro la famiglia che non può vederlo.
Zapo, girandosi, scopre Zepo, gli va incontro e gli punta il fucile. Zepo fa lo stesso. Tutti e due mettono le mani in alto.

SIGNOR TEPAN – Che stéte a fa? (spegnendo la radio).
Zapo reagisce e punta di nuovo il fucile contro Zepo.

ZAPO – Arizza 'sse mano!
Zepo alza le braccia ancora più in alto.

ZAPO – (Toccando rapidamente la spalla di Zepo) Tana! (A suo padre, con soddisfazione) So' acciappato 'n priggiognero!

SIGNOR TEPAN – Eh, e mó che te ce fai?

ZAPO – Che ne so? Pò èsse che me fanno caporale.

SIGNOR TEPAN – 'Ntanto aglìghelo!

ZAPO – Agligallo? E pecché?

SIGNOR TEPAN – Pecché 'n priggiognero va agligato!

ZAPO – Comme?

SIGNOR TEPAN – P''e mano, no?!

SIGNORA TEPAN – Ambè, è vero, 'O so' visto fa atre vote.

ZAPO – Vabbè. (Al prigioniero) Damme 'sse mano, pe' piacere.

ZEPO – Nu' strégne troppo.

ZAPO – No, acquanto te striscio!

ZEPO – Ahio! Me stai a fa' male!

SIGNOR TEPAN – E su, nu' maltrattà 'sso poraccio.

SIGNORA TEPAN – E’ chesta l'educazzione che te so' dato? Quante vote te tengo da dì de trattà bene 'a gente?

ZAPO – N''o so' fatto apposta. (A Zepo, sciogliendo il nodo che stava per stringere, e facendo un vistoso fiocco) Cossì, te fa male?

ZEPO – No, cossì no.

SIGNOR TEPAN – Aho, 'n te vergognà: si te fa male, dillo.

ZEPO – No, no, vabbè cossì.

SIGNOR TEPAN – E mó i piedi.

ZAPO – Puro i piedi. Gnent'atro?

SIGNOR TEPAN – Ma di' po', ma 'e regole n' t''hanno 'mparate?

ZAPO – Sì.

SIGNOR TEPAN – E allora?

ZAPO – (A Zepo, molto gentile) Pe' favore, nun è che te potrìssi assedé pe' ttera?

ZEPO – Sì, ma nu' mme fa' male.

SIGNORA TEPAN – Ecco, 'o vedi, mó va a fenì che se 'ncazza.

ZAPO – Macché?! Te sto a fa' male?

ZEPO – No, no, vabbè cossì!

ZAPO – (Improvvisamente) Papà, facce 'na fotografia: isso se sdelonga pe' ttera e io glie metto 'n piede 'n cima 'a trippa.

SIGNOR TEPAN – Manna, manna!

ZEPO – E no, eh!

SIGNORA TEPAN – Dì' de sì, nun fa' 'o capoccione.

ZEPO – No, so' ditto de no, e no! Vabbè?

SIGNORA TEPAN – Ma che sarà mai? E' 'na fotografia … 'A potémo mette 'n sala da pranzo, vecino 'a fotografia de pòro zi' Attilio.

ZEPO – No, no, nu' mme frega gnente.

SIGNORA TEPAN – E daglie, dicce de sì.

ZEPO – E vabbè. Ma solo pe' ffave contenti.

ZAPO – Ièttete pe' ttera!
Zepo si sdraia, Zapo gli appoggia un piede sulla pancia e afferra il fucile con aria marziale.

SIGNORA TEPAN – Méttete più 'mpettito.

ZAPO – Cossì?

SIGNORA TEPAN – Sì, cossì. Nu' refiatà.

SIGNOR TEPAN – Fa' 'a faccia da eroe.

ZAPO – Comm’è 'a faccia da eroe?

SIGNORA TEPAN – Chella che fa 'o norcino doppo ch' ha scannato 'o porco.

ZAPO – Cossì?

SIGNOR TEPAN – Sì, cossì.

SIGNORA TEPAN – Ecco, 'mpettito, e nu' refiatà.

ZEPO – Ve ce manca ancora tanto?

SIGNOR TEPAN – Abbi pazienza 'n attimo! Uno…due…fatto!

ZAPO – Speriamo che so' venuto bbè'.

SIGNORA TEPAN – Sì, sì, paréi propa 'n sordato.

SIGNOR TEPAN – Stéi benissimo.

SIGNORA TEPAN – Me voglio fa' 'na fotografia co' ti.

SIGNOR TEPAN – Bella penzata!

ZAPO – Si volete, v''a faccio io.

SIGNORA TEPAN – Damme 'st'ermetto, cossì paro 'n sordato.

ZEPO – Basta co' 'sse fotografie. Una è pure troppo.

ZAPO – E sméttela! Che sarà mai?

ZEPO – So' ditto che basta!

SIGNOR TEPAN – Lascételo perde, ai priggiogneri glie rode sempre 'o cuglio. Mó va a fenì che chisso se 'ncazza e ce rovina 'a festa. (A Zepo) Forza, arìzzete!

ZAPO – Mbè, 'nzomma, che ce tenémo da fa', co' chisso?

SIGNORA TEPAN – 'O potémo … 'nvità a colazione, che dici?

SIGNOR TEPAN – Pe' mi va bbè.

ZAPO – (A Zepo) 'Nzomma, vo' magnà ca' ccosa?

ZEPO – Eh … vabbè.

SIGNOR TEPAN – Semo portato 'na boccia …

SIGNORA TEPAN – Fa' comme si stéssi 'n casa da ti.

SIGNOR TEPAN – E tu, ne s'i ammazzati tanti, de nemici?

ZEPO – Quando?

SIGNOR TEPAN – 'Sti giorni …

ZEPO – Andó'?

SIGNOR TEPAN – Ma qua, no?! Ma 'nzomma, 'a stete a ffà 'sta guera, o no?

ZEPO – 'Nzomma … so' sparato ca' botta, ma n' ce so' accòto quasi mmai.

SIGNOR TEPAN – E andó tiri meglio, ai cavalli o ai sordati?

ZEPO – See … i cavalli … andó 'i trovi più, i cavalli?

SIGNOR TEPAN – Allora i sordati?

ZEPO – Pò èsse ...

SIGNOR TEPAN – Pò èsse? Ma manco tu, s'i sicuro?

ZEPO – E' che, io sparo senza piglià 'a mira. E po' dicio n’ Ave Mmaria. Tante vòte 'o fussi acciappato …

ZAPO – N' Ave Mmaria? Me credéo che glie dicéi 'n Padre Nnostro.

ZEPO – No, no, sempre n’ Ave Mmaria. E’ più corta.

SIGNOR TEPAN – Aho, abbasta che nu' glie dici 'a Rechiemeterna …!

SIGNORA TEPAN – (A Zepo) Si vòi, te potémo scioglie.

ZEPO – No, no, n' fa gnente.

SIGNOR TEPAN – Aho, n' tenghi mica da fa' comprimenti co' noa, eh?! Si vòi che te sciogliémo, diccelo.

SIGNORA TEPAN – Mettete còmmedo.

ZEPO – Beh, si propa 'nzistéte, scioglieteme i piedi.

SIGNOR TEPAN – Sbrìghete, sciòglielo.
(Zapo lo slega)

SIGNORA TEPAN – Te senti meglio, mó?

ZEPO – Sì, ma nu' vorìa da' 'mpiccio …

SIGNOR TEPAN – Ma manco pi' gnente! Anzi, si vòi che te sciogliémo puro 'e mano, basta che 'o dici.

ZEPO – No, no, po' pare che uno se n'approfitta.

SIGNOR TEPAN – Ma guarda che nun ce dai gnisuno scòmmedo.

ZEPO – Vabbè, allora scioglieteme 'e mano. Ma solo pe' magnà, eh? Nu' vorìa fa' comme chillo che glie dai l'ogna, e te se piglia tutta 'a mano.

SIGNOR TEPAN – (a Zapo) Leva 'ssi lacci!

SIGNORA TEPAN – 'Sto signor priggiognero è propa simpatico.

ZEPO – Signó, nu' mme chiamà signor priggiognero. Dimme priggiognero e basta.

SIGNORA TEPAN – N' te stranisci?

ZEPO – Ma 'ndó?!

SIGNOR TEPAN – Me sa che chisso tè' da èsse 'n bravo cristiano!
Rumore di aerei.

ZAPO – L'apparecchi! Tu guarda si, gira ggira, ce mitraglieno …!
Zapo e Zepo si riparano dietro il telo mimetico.

ZAPO – (Ai genitori) Ariparéteve! Senti che gragninata, mó!
Rumore di bombe. La signora Tepan prende dal paniere un ombrello e lo apre come se piovesse, mentre col marito parlano con calma. Silenzio. Il signor Tepan allunga un braccio fuori dall’ombrello per assicurarsi che dal cielo non cada più niente.

SIGNOR TEPAN – (Alla moglie) Andov'è!? Arichiudi 'sso 'mbrello. (Ai soldati) Arizzéteve, honno smisso.

ZAPO – (Rialzandosi) Ve séte fatti gnente?

SIGNOR TEPAN – Che glie tè' da succede, a padreto? (Con fierezza) Pe' quattro zaganelle? Nu' mme fa' ride! A proposito … me stéo a scordà … nun è che tenéte ca' muorto, qua?

ZAPO – (si guarda intorno) No, pecché?

SIGNOR TEPAN – Quando semo arivati, passata chella trincea laggiù, semo 'ncontrato du' barellieri d''a Croce Roscia, che volénno sapé si èssimo visto ca' muorto (anche lui si guarda intorno).

ZAPO – Ah mbè, sì, ero saputo che sténno 'n giro chilli d''a Croce Roscia. Tenénno da passà de qua, ma che fine hanno fatto?

SIGNOR TEPAN – 'Hanno levati da 'o copione (indica gli organizzatori in sala) pecché dice che bastéssimo 'n quattro. 'Nzomma, ce diceno: séte visto ca' muorto? Dicio: no! Allora fa: "Ecco, séte tutti uguali, quando se tratta de da' 'na mano … e n' se pò chiede 'n piacere a gnisuno … tutti che vònno fa' 'a guera, e po' quando va' a strégne, n''ha visto gnente gnisuno …!". Dicio: ma si i muorti n' ce stanno, n' ce stanno, no? Fa … dice: "Seee … dall'atra parte n'abbénceno a riccoglie muorti, e qua n' ce stanno!?". 'Nzomma, a'a fine, m'ha toccato a diglie che si trovéo ca' muorto, gli'o mettéo da parte.

SIGNORA TEPAN – Lascia perde: già se saranno scordati! (A Zepo) Ma dimme po': pecché tu sarìssi nemico?

ZEPO – Boh, nun è che so' studiato tanto.

SIGNORA TEPAN – Ma ce s'i nato, o ce s'i diventato doppo?

ZEPO – N''o so, nu' mm''o ricordo.

SIGNOR TEPAN – Allora, comme ce s'i venuto, 'n guera?

ZEPO – 'N giorno, 'n casa, stéo a ggiustà 'o fero da stiro a madrema, vénze uno, e me fa: “Tu s'i Zepo?” – Sì. – Bè, allora tenghi da venì 'n guera”. Glie faccio: “ Quale guera?” e isso me fa: “Ma n' t''i leggi, i giornali?”. Dicio: Sì, i giornali m''i leggio, ma no 'e storie de guera …

ZAPO – Propa comme a mi.

SIGNOR TEPAN – Mbè, sì, so' venuti a pigliatte puro a ti.

SIGNORA TEPAN – Sì, ma mica è 'a stessa cosa! Tu nu' stéi a ggiustà 'o fero da stiro. Me stéi a ggiustà 'a machina da cucì.

SIGNOR TEPAN – Ma che ci'arentra!? Io dicio 'o resto. (A Zepo) Dì' po': che è successo doppo?

ZEPO – Allora, è sceso padremo e ha ditto che io 'n guera n' ce potéo ì' pecché nun tenéo 'o cavallo.

ZAPO – Chello che ha ditto pure padremo.

ZEPO – Allora chillo dice: no, i cavalli n' ce sèrveno.

ZAPO – Comme a mi.

ZEPO – E cossì, so' venuto a fenì qua, solo comme 'n cane.

SIGNORA TEPAN – Comunque me sa che tu e 'sto signor priggiognero, visto che stéte vecini e n' tenéte gnente da fa', doppo pranzo ve potrìssivo fa' 'na briscoletta.

ZAPO – E no, chisso 'ntappa! E' u' nnemico!

SIGNOR TEPAN – E gnamo, su, nu' esaggerà!

ZAPO – Vo' scommette che, si glie metto 'e mano attorno, glie trovo 'e saccocce piene de carichi? (A Zepo) Arizza 'sse mano! (Lo fruga: gli trova in tasca quattro Assi e quattro Tre) Ha' visto? Assi e Tre!

SIGNORA TEPAN – Brutto birbaccione! E' cossì che se ringràzzieno i nemici?

ZAPO – Si sapessi che ci ha ditto 'o generale, de i nemici!

SIGNORA TEPAN – Che v'ha ditto?

ZAPO – Primo: ha ditto che i nemici tènno l'arma segreta. Perciò, appena n'acciappémo uno, glie tenémo da guardà 'n saccoccia pe' vedé si ce tènno i carichi. Po', ha ditto che i nemici so' disbosciati, e quando acciàppeno 'n priggiognero, glie métteno 'o brecciolino drento 'e scarpe pe' faglie male quando cammina.

SIGNORA TEPAN – Sarvognuno!

SIGNOR TEPAN – (A Zepo, indignato) E tu n' te vergogni, a sta' 'nzieme a 'sti birbaccioni?

ZEPO – Io n' so' fatto gnente a gnisuno.

SIGNORA TEPAN – Ce se voléa fumà, co' 'sso mucco da santarellino!

SIGNOR TEPAN – E' che n''o tenéssimo da scioglie! Chisso - 'o vé' ? - appena se giremo, è capace de méttece 'o brecciolino drento 'e scarpe.

ZEPO – Esséte boni, pe' piacere.

SIGNOR TEPAN – Ma che tenerìssimo da fa? Permetti, che me ggìreno? 'O saccio io, chello che tengo da fa': vaglio da 'o capitano e glie dicio de famme arentrà 'n guera!

ZAPO – N' te piglia: s'i troppo viéccio.

SIGNOR TEPAN – Allora, me crompo 'n cavallo, 'na spada, e ce vengo pe' conto mio.

ZAPO – Nun ce sèrveno, i cavalli!

SIGNORA TEPAN – Bravo! Si fusse 'n omo, farìa 'a stessa cosa.

ZEPO – Signó, n' t'araglià. De' resto, 'o sa' che nova c'è? 'O generale nostro, ci ha ditto 'a stessa cosa de voa.

SIGNORA TEPAN – Comme gli è passato p''o capo de dì' 'ssa fregnaccia?

ZAPO – Davero, 'a stessa cosa?

ZEPO – Ah no?!

SIGNOR TEPAN – Magara è 'o stesso generale, che ha fatto 'o stesso discorzo de qua e dellà.

SIGNORA TEPAN – Ma si è 'o stesso, potéa magara cambià ca' ccosa. Comme sarìa a ddì, che uno dice a tutti 'a stessa cosa?

SIGNOR TEPAN – Ma che ce capisci, co' chissi?! (A Zepo) Tu, vò' 'n atro goccetto? (Versa da bere a tutti).

SIGNORA TEPAN – Te sarà piaciuta 'a colazione, no?

SIGNOR TEPAN – Beh, sempre meglio de chella de domegnica scorza …

ZEPO – Pecché, che è successo?

SIGNOR TEPAN – Zitto, va …! Semo iti 'n campagna, e èssimo appoggiato 'a robba 'n cima 'a cuperta. Manco se semo girati, 'na vacca ce s'ha sgofonato tutto. Pure 'e sarviette!

ZEPO – 'Sta morta de fame …!

SIGNOR TEPAN – Eh, ma … glie disse: te faccio vedé io, a che ora te se fa ggiorno …! Glie semo levata 'a sete c''o preciutto!
ZEPO – V''a séte magnata?

SIGNOR TEPAN – Nau …! (Ridono) A 'a salute!

ZEPO – A la santé!

SIGNOR TEPAN – A ti e sòreta! Io n''o saccio che vordì, ma 'ntanto me metto a 'o sicuro!
Tutti bevono.

SIGNORA TEPAN – (A Zepo) E dimme po': che te metti a fa' 'n trincea, pe' passà 'o tiempo?

ZEPO – All'inizio, m'ero misso a fa' i castelli co' 'a sabbia …

ZAPO – (Guardando il sito dov'erano i sacchi) Se ne semo accorti …!

ZEPO – … Po' 'a sabbia è finita …

ZAPO – (ironico) Davero?

ZEPO – E allora n' sapéo che fa', cossì me so' misso a fa' i cartoccetti pe' tirà co' 'o cannello (mostra una cerbottana).

SIGNORA TEPAN – E andó ce tiri?

ZEPO – Andó ce tiro? Semo stati quattro giorni senza munizioni, e si 'n fusse stato pe' 'ssi cartoccetti …

ZAPO – Ecco chi è 'o stronzo che tira 'ssi cosi! (raccoglie una quantità di cartoccetti).

ZEPO – Ammazza, quanti!

ZAPO – Sì, ma n' se fanno 'sse cose! Stémo 'n guera, mica stémo a scola! I cartoccetti fanno male! Guarda! (mostra una escoriazione sulla fronte). Fa' comme mi, che me metto a fa' 'a carzetta!

SIGNORA TEPAN – Ma, facéteme capì … tutti i sordati stanno missi comme voa, che n' sanno andó sbatte 'o capo?

ZEPO – Dipende … si so' boni a 'nventasse ca' ccosa pe' sfangà 'a giornata.

ZAPO – Eh, pure de qua.

SIGNOR TEPAN – Ma allora, facémola fenita, co' 'ssa guera, no?

ZEPO – E comme fa'?

SIGNOR TEPAN – E' facile! 'O generale ha fatto 'o stesso discorzo de qua e dellà, pe' 'ncomincià 'a guera. Voa facete 'a stessa cosa, pe' falla smette. Tu dici ai compagni tii che i nemici nu' vònno fa' 'a guera, e tu dici 'a stessa cosa ai compagni tii. E cossì v''a cogliéte tutti 'n casa.

ZEPO – Fregna!

ZAPO – Pecché nu' mm'è venuta a mi, 'sta bella penzata?

SIGNORA TEPAN – Solo a padreto pònno venì 'ste penzate: n' te scordà che ha fatto 'e scòle arde …

SIGNOR TEPAN – Aho, stéo a 'o terzo piano, mica cavoli …!

SIGNORA TEPAN – E méttece puro che è 'n filatelico!

ZAPO – Eh! Vòi mette ?!

ZEPO – Mbè, certo …! Ma si fenisce 'a guera, che se métteno a ffa' i marescialli e i caporali?

SIGNOR TEPAN – Aho, glie darémo a tutti i cartoccetti, pe' falli 'sta boni!

ZAPO – Ancora co' 'ssi cartoccetti?!

ZEPO – 'Na bella penzata!

SIGNOR TEPAN – Ha' visto che ce vò'? … E semo risolto!

ZEPO – Pe' mi sarà 'n successone!

ZAPO – I compagni mii se moreranno d''a contentezza.

SIGNORA TEPAN – Arippiccémo 'a radio pe' festeggià?

ZEPO – Manna, sì!

ZAPO – Daglie, appiccia!
Il signor Tepan accende la radio. Musica. I quattro ballano. Si sente il telefono da campo, ma nessuno ci bada. Il combattimento riprende con grande fracasso. Essi continuano a danzare. Una raffica di mitra falcia i due soldati e la signora Tepan, che cadono a terra stecchiti. Il signor Tepan s'avvede dei tre morti.

SIGNOR TEPAN – Ah, meno male, va' …! (Chiamando in lontananza) Barellieri!
Un'altra raffica di mitra abbatte il signor Tepan. La musica continua per pochi secondi. Un'esplosione fa saltare la radio che tace, mentre sfuma il rombo di un aereo che si allontana.

SIPARIO 

 

12 marzo 2013