I poeti e il loro dialetto


Poesie sul tema o attorno al tema di Ignazio Buttitta, Claudio Spinelli, Ombretta Ciurnelli, Giampiero Mirabassi e tanti altri

In occasione della Giornata Nazionale del Dialetto e delle Lingue Locali del 17 gennaio 2013 abbiamo voluto predisporre un’antologia di testi di poeti che affrontano il tema del loro dialetto a partire da Ignazio Buttitta, Giuseppe Gioachino Belli, Pier Paolo Pasolini, Eduardo De Filippo, Andrea Zanzotto, Claudio Spinelli, Ombretta Ciurnelli, Giampiero Mirabassi, Walter Pilini, Grazia Stella Elia, Vincenzo Luciani, Laura Rainieri, Giovanni Nadiani, Giuseppe Bellosi, Sauro Roveda, Annalisa Teodorani, Giacomo Vit, Nelvia Di Monte, Renzo Favaron, Franco Loi, Maurizio Noris, Alessandro Moreschini, Mario D'Arcangelo, Daniel Cundari, Salvo Basso, Benito Galilea, Roberto Pagan, Nico Bertoncello, Guido Leonelli, Salvatore Bommarito... 
Siamo aperti a segnalazioni e proposte di altri poeti e lettori
 

IGNAZIO BUTTITTA

(da Lingua e dialettu, 1970)
 
Un populu
 
mittitilu a catina
spughiatilu
attuppatici a vucca
è ancora libiru.
 
Livatici u travagghiu
u passaportu
a tavula unni mancia
u lettu unni dormi,
è ancora riccu.
 
Un populu
diventa poviru e servu
quannu ci arrubbanu a lingua
addutata di patri:
è persu pi sempri.
 
Diventa poviru e servu
quannu i paroli non figghianu paroli
e si mancianu tra d’iddi.
Mi nn’addugnu ora,
mentri accordu la chitarra du dialettu
ca perdi na corda lu jornu.
 
Mentre arripezzu
a tila camuluta
ca tissiru i nostri avi
cu lana di pecuri siciliani.
 
E sugnu poviru:
haiu i dinari
e non li pozzu spènniri;
i giuelli
e non li pozzu rigalari;
u cantu
nta gaggia
cu l’ali tagghiati.
 
Un poviru
c’addatta nte minni strippi
da matri putativa,
chi u chiama figghiu
pi nciuria.
 
Nuàtri l’avevamu a matri,
nni l’arrubbaru;
aveva i minni a funtana di latti
e ci vìppiru tutti,
ora ci sputanu.
Nni ristò a vuci d’idda,
a cadenza,
a nota vascia
du sonu e du lamentu:
chissi non nni ponnu rubari.
 
Non nni ponnu rubari,
ma ristamu poviri
e orfani u stissu.
 
 
Buttitta legge la poesia

 
GIUSEPPE GIOACHINO BELLI (1791-1863)

Le lingue der Monno

Sempre ho ssentito a ddí cche li paesi
hanno oggnuno una lingua indifferente, [1]
che dda sciuchi[2] l’impareno a l’ammente, [3]
e la parleno poi per èsse intesi.

Sta lingua che ddich’io l’hanno uguarmente
Turchi, Spaggnoli, Moscoviti, Ingresi,
Burrini,[4] Ricciaroli, Marinesi,
e Ffrascatani,[5] e ttutte l’antre ggente.

Ma nnun c’è llingua come la romana
pe ddí una cosa co ttanto divario,
che ppare un magazzino de dogana.

Per essempio noi dimo ar cacatore,
commido, stanziolino, nescessario,
logo, ggesso,[6] ladrina[7] e mmonziggnore.

Roma, 16 dicembre 1832 - Der medemo

Note
1 Differente.
2 Ciuchi: piccoli ragazzi.
3 A mente.
4 Villani di Romagna.
5 Naturali della Riccia, già Aricia, da Aricia druda di Ippolito; abitanti di Marino e di Frascati, terre vicino a Roma.
6 Cesso.
7 Latrina.

 

PIER PAOLO PASOLINI (1922-1975)

(da Bestia da stile)
 
Il volgar’eloquio: amalo. 
                     Porgi orecchio, benevolo e fonologico,
     alla lalìa …
    che sorge dal profondo dei meriggi,
      tra siepi asciutte,
nei Mercati – nei Fori Boari –
nelle Stazioni – tra fienili e Chiese –
   Poi si spegne – e col sospiro
      di un universo erboso – si riaccenderà
        verso la fine dei crepuscoli.
                      Su tal lalìa chinati come sacerdote sulla Castalia
tra le api che si abbeverano laboriose.
 
 
Salute e augurio
 
Da “Salute e augurio” è l'ultima poesia in dialetto friulano di Pasolini.
 
(...)
Tu difìnt, conserva, prea:
ma ama i puòrs: ama la so diversitàt.
Ama la so voja di vivi bessòj
tal so mond, tra pras e palàs
 
là ch’a no rivi la peràula
dal nustri mond; ama il cunfìn
ch’a àn segnàt tra nu e lòur;
ama il so dialèt inventàt ogni matina,
 
par no fassi capì; par no spartì
cun nissùn la so ligria.
(...)
 
Tu difendi, conserva, prega:
ma ama i poveri: ama la loro diversità.
Ama la loro voglia di vivere soli
nel loro mondo, tra prati e palazzi
 
dove non arrivi la parola
del nostro mondo; ama il confine
che hanno segnato tra noi e loro;
ama il loro dialetto inventato ogni mattina,
 
per non farsi capire;
per non condividere con nessuno la loro allegria... 
 

EDUARDO DE FILIPPO (1900 –1984)

Il colore delle parole

Quant'è bello 'o culore d'e pparole
e che festa addiventa nu foglietto,
nu piezzo 'e carta -
nu' importa si è stracciato
e po' azzeccato -
e si è tutto ngialluto
p' 'a vecchiaia,
che fa?
che te ne mporta?
Addeventa na festa
si 'e pparole
ca porta scritte
so' state scigliute
a ssicond' 'o culore d' 'e pparole.
Tu liegge
e vide 'o blù
vide 'o cceleste
vide 'o russagno
'o vverde
'o ppavunazzo,
te vene sotto all'uocchie ll'amaranto
si chillo c'ha scigliuto
canusceva
'a faccia
'a voce
e ll'uocchie 'e nu tramonto.
Chillo ca sceglie,
si nun sceglie buono,
se mmescano 'e culore d' 'e pparole.
E che succede?
Na mmescanfresca
'e migliar' 'e parole,
tutte eguale
e d' 'o stesso culore:
grigio scuro.
Nun siente 'o mare,
e 'o mare parla,
dice.
Nun parla 'o cielo,
e 'o cielo è pparlatore.
'A funtana nun mena.
'O viento more.
Si sbatte nu balcone,
nun 'o siente.
'O friddo se cunfonne c' 'o calore
e 'a gente parla cumme fosse muta.
E chisto è 'o punto:
manco nu pittore
po' scegliere 'o culore d' 'e pparole.

 

ANDREA ZANZOTTO (1921-2011)

(da: Filò. Per il Casanova di Fellini)

Vecio parlar che tu à inte’l tó saór
Un s’cip del lat de la Eva,
vecio parlar che no so pi,
che me se á descunì
dì par dì ‘inte la boca ( e no tu me basta);
che tu sé cambià co la me fazha
co la me pèl ano par an
(…)
Girar me fa fastidi, in médo a ‘ste masiére
De ti, de mi. Dal dent cagnin del tenp
Inte ‘l piat sivanzhi no ghén resta, e manco
De tut i zhimiteri: òe da dirte zhimithero?
Elo vero che pi no pól esserghe ‘romai
Gnessun parlar de néne-none-mame? Che fa mal
Ai fiói ‘l petel e i gran maestri lo sconsiglia?
(…)
Ma ti vecio parlar, resisti. E si anca i òmi
te desmentegarà senzha inacòrderse,
ghén sarà osèi -
do tre osèi sói magari
dai sbari e dal mazhelo zoladi via -:
doman su l’ultima rama là in cao
in cao se zhiése e pra,
osèi che te à in parà da tant
te parlarà inte’l sol, inte l’onbria.

Traduzione:

Vecchio dialetto che hai nel tuo sapore
un gocciolo del latte di Eva,
vecchio dialetto che non so più,
che mi ti sei estenuato
giorno per giorno nella bocca (e non mi basti);
che sei cambiato come la mia faccia
con la mia pelle anno per anno
(…)
Girare mi dà fastidio, in mezzo a queste macerie
di te, di me. Dal dente accanito del tempo
avanzi non restano nel piatto, e meno
di tutto i cimiteri: devo dirti cimitero?
E’ vero che non può più esserci oramai
nessun parlare di néne nonne-mamme? Che fa male
ai bambini il pètel e gran maestri lo sconsigliano?
(…)
Ma tu vecchio parlare, persisti. E seppur gli uomini
ti dimenticheranno senza accorgersene,
ci saranno uccelli -
due tre uccelli soltanto magari
dagli spari e dal massacro volati via -:
domani sull’ultimo ramo là in fondo
in fondo a siepi e prati,
uccelli che ti hanno appreso da tanto tempo,
ti parleranno dentro il sole, nell’ombra.

 Cenin omagio a Andrea Zanzotto

 

CLAUDIO SPINELLI (1930-2002)

 ’L NOSTR’ DIALETTO

 
’L nostr’ dialetto ’nco cià la su’ storia
e ’na volta l’ parlàvon’ tutti quante.
Alora c’era sol che la memoria
ch’a sapé lègg’ e scrive ’nn eron tante
e quil che sucedeva, p’arcontallo,
tocca che lo ’mparave a pappagallo.
 
Per tramandà le cose ’n col parlàe
’l dialetto perugin’ è fatto a posta.
Sarà ’n po’ lemm’ lemme ’n tol callàe
ma ’nn è ’na cantilena che te scosta:
ndua che ’na cosa, quan che tu l’è ditta,
t’armane mejo che si fusse scritta.
 
È ’na parlata vecchia che ciarìva
da lontano ’n bompò. Tempo d’alora,
’n tra ’l latino bastardo che muriva
e ’l volgare ch’a stento nìva fora,
forèst’co, aguzzo, contadino
è nato ’sto dialetto perugino.
 
 
IL NOSTRO DIALETTO. Anche il nostro dialetto ha la sua storia / e una volta lo parlavano tutti. Allora c’era soltanto la memoria / perché a saper leggere e scrivere non erano in tanti / e quello che accadeva, per raccontarlo, / si doveva impararlo a pappagallo. // Per tramandare le cose oralmente / il dialetto perugino sembra fatto apposta. / Sarà un po’ lento nel calare / ma non è una cantilena che infastidisce: / dove una cosa, quando tu l’hai detta, / la ricordi meglio che se fosse scritta. / È una parlata antica che ci arriva / da molto lontano. Tanto tempo fa, / tra il latino bastardo che moriva / e il volgare che a stento veniva fuori, / rustico, duro, contadino / è nato questo dialetto perugino.
 
 
OMBRETTA CIURNELLI (Perugia)
 
I mi motte
 
Ta duèlle
pescolle
j’arispónne
 
 ta summio
flusumìa 
j’arsóna béne 

barutlo 
pu s’afóga
ntó ngluppasse 

e ranzla
mucce via da badarèllo
perché la guazzera 
vorrìa vecìn ta lia
 
Lore spajate
drent’a mi guaderno
s’arcercono
discurrono
s’arógon forte
qualca volta
ngrugnate areston mute
o sinunnò
lor fòn per muccì via
 
I mi motte arsentite
ta ‘l mi àbse
vorrion dittaje legge
quan lu poretto s’aplica
a buttè giù dó vèrse
 
 
Le mie parole - A in nessun luogo / pozzanghere / gli risponde // a sogno / fisionomia / gli suona bene / capriola / poi si affoga / in avvolgersi // e raucedine / scappa via da gioco / perché la rugiada / vorrebbe vicino a lei // Loro sparse / dentro il mio quaderno / si ricercano / discorrono / si rimproverano aspramente / qualche volta / offese restano mute / o altrimenti / fingono di fuggire via // Le mie parole piene di risentimento / alla mia matita / vorrebbero dettarle legge / quando lei poverina si impegna molto / a buttar giù due versi
 
 
GIAMPIERO MIRABASSI (Perugia)

 Lingua morta

La murigge... la solina,

l sórce... la ciambotta,

la sciutta... l dólco,
l picco… l cacchio,
néngue… granischia...
ma bada a gì!
Sta lingua povera
n cià più motti
p’arvestì stó casino
de benessere finto
e de tragedie vere.
Dietro a sta lingua c’è n penziero;
c’èn mill’anni de stagioni,
de fatti de gente qualunque
ch’éva da mette nziéme
la cena e l pranzo;
che quil poco che c’éva
costava sagrifici, fatiga e tempo.
E tempo sempre uguale:
ogge, dmane, dmanellà...
si nn è st’anno n altr’anno sarà...
Sta lingua more,
dietr’al su penziero.
 
 
Lingua morta - L'ombra... la solina / il topo... il rospo,/ la siccità... il dolco,/ la spina... il pampano,/ nevica... grandina.../ ma lascia andare!/ Questa lingua povera/ non ha più parole/ per rivestire questa confusione/ di benessere finto/ e di tragedie vere./ Dietro a questa lingua c'è un pensiero;/ ci sono mille anni di stagioni,/ di fatti di gente qualunque/ che doveva mettere insieme/ la cena e il pranzo;/ che quel poco che aveva/ costava sacrifici, fatica e tempo. E tempo sempre uguale:/ oggi, domani, dopodomani.../ se non è quest'anno sarà l'anno prossimo.../ Questa lingua muore,/ dietro al suo pensiero.
 
 
WALTER PILINI (Perugia)
 
L dialetto

Na lingua ch’è viva
che parlo, che scrivo
che batte che vibra,
che grido e sussurro
la cerco, la piego
l’adatto, la limo
la mpasto e rimpasto
e pu je do forma
la lingua, la mia
che metto m poesia
ch’osservo e che studio
ch’adòpro nchi mia
e pu n companìa
nchi amichi de sempre…
È vecchia mbompòe
m’ha dato l nutrìco
a meno nné fòe
e ancora ciaplìco.

Il dialetto. Una lingua ch’è viva / che parlo, che scrivo / che batte che vibra, / che grido e sussurro / la cerco, la piego / l’adatto, la limo / la impasto e rimpasto / e poi le do forma / la lingua, la mia / che metto m poesia / che osservo e che studio / che uso con i miei / e poi in compagnia / con gli amici di sempre… / È vecchia parecchio / mi ha dato il nutrimento / non posso farne a meno / e ancora mi ci impegno.
 
 
GRAZIA STELLA ELIA (Trinitapoli, Barletta-Andria-Trani)

Paràule

Mustetrédde calandrédde trappecédde
trustéddere stracquöle trönele
trepìete trasònne tramòusce
trüffele tumbàgne trumelìzze
struppejöte sdrammullöte sdulföte
sciacquétte sciapetüdene scequétte
sciammèrie salèschìne surdelléne;
zezéie zanganìgghie zumbétte zannédde
zàuche zucöre zengraréie;
salzarìedde nghiumarìedde cucchemìedde
freddelàzze fetendàzze sckumàzze…
paràule ca me zòmbene jìnd’è rrècchie
póure ca stonne lundöne
daràsse pezzìnghe
jìnd’o fünne du còure
andò cande angòure la ninna nanne
la nannòure ca nazzecàive
la navìquele
che nnu zuchelìdde mìeźźe strütte.

Paràule ca me sàpene appeccè l’alme
ca m’annücene l’addàure
di tatarànne
di càsere poverédde chiàine de fìgghie:
na morre de fìgghie
na mamme e nn’attöne
accése de fatéghe
ma sémbre annamuröte
de la famìgghie.

Paràule töste e ddolce
pacejàuse e mbucöte
ndurcegghiöte e ffàcele.

Paràule vìecchie mbrufumöte d’andéche
paràule de canźòune e dde delàure
paràule de prìesce e dde velöne
paràule de véte e paràule de mörte.

Parole - Federa canicola strettoia che dà al terrazzo / trespoli bretelle tuoni / treppiedi stradina tramoggia / orcio coperchio tremolio / storpio allentato sciancato / convivio sciocchezza scherzetto / marsina falsa pelliccia ronzio all’orecchio; / uomo fanghiglia saltello corsieri / corda funaio pettegolezzi; / piattino involtini gemme / brividi di freddo furbacchione bava …/ parole che mi saltano alle orecchie / anche se sono lontane / molto lontane / nel profondo del cuore / dove canta ancora la ninnananna / la nonna che faceva dondolare / la culla / con una cordicella quasi consunta. // Parole che sanno accendermi l’anima / che mi portano l’odore / degli avi / di case povere ricche di figli: / tanti figli: / una mamma e un padre / ammazzati di fatica / ma sempre innamorati / della famiglia. // Parole dure e dolci / pazienti e focose / attorcigliate e facili. // Parole vecchie profumate d’antico / parole di canzoni e di dolore / parole di gioia e di veleno / parole di vita e parole di morte.
 

 
VINCENZO LUCIANI (Ischitella, FG)
 
 Parole 
 
Ji notte e gghjurne vaje secutanne
parole. A une a une
i cape e i accragne
peje nu macerare che na macere
adda reje bella tese quatre e squatre
pe mantenè dda poca terre
che fa campà, ché pegghjesse
campàme...
 
Ji accumponne e scumponne i parole
cume ce accumponne e scumponne nu joche
na vote amice e n'ata vote allite.
 
Jucanne p'i parole
ji retorne guaglione.
Nu sciate avaste a scumugghjà
sotte a cènere u foche
d'u tempe de na vote...
 
PAROLE - Io notte e giorno inseguo / parole. Ad una ad una / le scelgo e le accatasto / come un maceraro che una macera / deve ordinare dritta e squadrata / per sostenere quella poca terra / che fa campare / ché per essa campiamo... // Io compongo e scompongo le parole / come si compone e si scompone un gioco, / una volta amici e un'altra volta nemici. // Giocando con le parole / io ritorno bambino. / Un fiato basta a scoprire / sotto la cenere il fuoco / del tempo di una volta...
 
 
LAURA RAINIERI (Fontanelle di San Secondo, Parma)

Dialàt

Scabrùs al dialàt da screvar
che quand las parla al cora les me l’oli
e la vusa l’é ’na melodia.
’L computer l’am diz: abilitato per il francese?
No, ag deg, l’é al mi dialàt!
Ma l’insista: ag vol la dieresi,
il circonflesso, l’ü francese,
la “esse” lésa e düra, paroli mosi,
e tot chij accenti gravi che gnüatar
’s limpòm la boca: vucali verti
me la genta d’adchè.
Mu l’é bel al dialàt parlà.
Le nasì par parlar.
Vromian ingabbiar anca cullè?
Farag tirar j ultim?

Ma serti robi
o is disan in dialàt o is disan mia.

DIALETTO - Scabroso il dialetto da scrivere / che quando si parla corre liscio come l’olio / e la voce è una melodia. / E il computer mi dice: abilitato per il francese? / No, gli dico, è il mio dialetto! / Ma insiste: ci vuole la dieresi, / il circonflesso, l’u francese, / la “esse” liscia e dura, parole tagliate, / e tutti quegli accenti gravi / che noi ci riempiamo la bocca: vocali aperte / come la gente di qui. / Com’è bello il dialetto parlato. / È nato per parlare. / Vogliamo ingabbiare anche quello? / Fargli tirare gli ultimi? // Ma certe cose / o si dicono in dialetto o non si dicono.

A farum nutàr

In bragheñi som andada
a farum nutàr.
Nutàr? “A iscriverti in prima elementare”
m’a arpuinà la maestra.
“Vergognati, non conosci l’italiano”.
Son dvintada rósa ’me ’n brèz
fen a la radisa di cavì.
Se vèrt ’na piaga, ’na piaga
tota italiana in dal cor.
Al dialàt l’era ’na roba bròta,
sporca, adata ai puvritass.
Alura i’ò ciapà in man i lebar
par studiar cla lengua straniera
’na veta intrega
cul bandat talian c’andava mia zò.
E adess ca nin so ’n po’
al ponza al ponza
par gnir a la luza al dialàt
püten in fasi
con tot la forsa d’alura
con tot al su prufòm.

 

ISCRIZIONE - In pantaloncini sono andata / a farmi segnare. / Segnare? “A iscriverti in prima elementare” / mi ha redarguito la maestra / “Vergognati, non conosci l’italiano” / Sono diventata rossa come una brace / fino alla radice dei capelli. / Mi si è aperta una piaga / tutta italiana nel cuore. / Il dialetto era una cosa brutta, / sporca, adatta ai poveracci. /Allora ho preso in mano i libri / per studiare quella lingua straniera / una vita intera, / quel benedetto italiano che non andava giù. / E adesso che ne so’ un po’ / punge e punge / per venire alla luce il dialetto / bambino in fasce / con tutta la forza d’allora / con tutto il suo profumo.
 

 
GIOVANNI NADIANI (Reda di Faenza, Ravenna)
 
 scorar
 
…mo cum a scorla mai la cinesa d’vent én
ch’l’impines e’ scartoz dl’Happy Meal
a e’ McDrive d’Furlè pr i babin ch’rugia e ch’selta
a la fësta d’cvél ch’e’ ciumpes j én
cun al cruchet d’pol ulandes e al patatin surgelêdi
dla Quinta Stagione arscaldêdi ’t al bol d’un gras
ch’u n’smet mai d’frezar per la gioia di tutti…
 
lì d’ind’a venla cum à la fat a finì pröpi a lè
a j èl nench una mafia di McJob
e pu a sràla da bon cinesa?
E s’invezi d’rësar d’Canton o a d’Changchun
la fos d’Dong Dang o d’Phnom Pehn
par cal mâmi toti licêdi in furastrê
ch’al s’dis tra d’lo al paról dla television
cs’a cambiarebàl mo e te d’toti ch’al lèngv
cs’a capiresta che orma t’a n’capes piò gnît
gnânch cvând ch’t’travirs la tu strê
tajênd a mez i scurs dal badanti
ch’al s’dà la vós da un os a ch’l’étar in ros
pinsend in pulach muldav e ucraino
cun i vec de’ pöst ins al caruzël
a sbavê j ultum gnèch ’t’na lèngva
ch’la murirà dè par dè cun lo…
 
e d’drì d’cal do carvaj d’oc inacvarì
sota l’ela de’ bartì ros cs’a vdiràla la cinesa
d’là da l’asfelt arbulì dla via Emilia
e’ fom de’ pulpiton ch’sfiameta ’s la lastra
e’ bancon cun al cas ch’sona l’incas brisa su?
Una steia cun di s-cen o una lerga a ris?
Dal muntâgn élti sémpar cun i vec
ch’i n’l’aspeta piò e j oc d’clu
ch’u j avleva dêr un bês prema ch’la s’aviês?
O la sua tâna cun étar dis coma lì
in via Risorgimento indó’ ch’la n’veda l’óra
d’turnê par cavês e’ gras da dos slunghêr i pì
dnenz a Sky e fumês ’na Emmesse….
 
(da Eternit®)
 
parlare – come parlerà mai la cinese di vent’anni / che riempie il cartoccio dell’Happy Meal / al McDrive di Forlì per i bambini che gridano / e saltano alla festa di compleanno / con le crocchette di pollo olandese e le patatine surgelate / della Quinta Stagione riscaldate nelle bolle di un grasso / che non smette mai di friggere per la gioia di tutti… // lei da dove viene come ha fatto a finire proprio lì / c’è forse anche una mafia dei McJob / e poi sarà davvero cinese? / E se invece di essere di Canton o di Changchun / fosse di Dong Dang o di Phnom Pehn / per quelle mamme tutte leccate in fuoristrada / che si parlano nella lingua della televisione / cosa cambierebbe mai e io di tutte quelle lingue / che cosa capirei che ormai non capisco più nulla / nemmeno quando attraverso la mia strada / tagliando a metà i discorsi delle badanti / che si chiamano da una porta all’altra in russo / pensando in polacco moldavo e ucraino / coi vecchi del posto sulle carrozzelle / a sbavare gli ultimi lamenti in una lingua / che morirà giorno per giorno con loro… // e dietro quelle due fessure di occhi annacquati / sotto l’ala del berrettino rosso cosa vedrà la cinese / oltre l’asfalto ribollito della via Emilia / il fumo del polpettone che sfrigola sulla lastra / il banco con le casse che suona l’incasso non suo? / Una stia con esseri umani o una distesa a riso? / Montagne altissime con i vecchi / che non l’aspettano più e gli occhi di colui / che la voleva baciare prima che partisse? / Oppure la sua tana con altri dieci come lei / in via Risorgimento dove non vede l’ora / di tornare per togliersi il grasso di dosso allungare i piedi / davanti a Sky e fumarsi una Emmesse…
 
 
GIUSEPPE BELLOSI (Maiano Nuovo di Fusignano, Ravenna)
 
Nujétar
 
A cve in vôlta da nó
a scuren nench la dmenga in rumagnôl.
D’invéran i vec i pôrta incóra
la caparëla,
e tot quènt i ten dri a la lona
s’l’è óra d’mazê e’ pôrch.
Nenca me a salùt i murt
s’a pës dnenz a e’ cavsânt.
 
 (da I segn)
 
NOI – Qui intorno a noi parliamo anche la domenica in romagnolo. D’inverno i vecchi portano ancora il tabarro, e tutti prestano fede alla luna se è ora di ammazzare il porco. Anch’io saluto i morti se passo davanti al camposanto.
 
 
SAURO ROVEDA (Vezzano sul Crostolo, Reggio Emilia)
 
Lèngua
 
Cun al raîši e tòtt
da la mèint a t’hò strapiantèe,
e cun al stàsi raîši
in dla lòma dal savér
a’t turnarò a piantêr
fiór ed paróla,
chersùda dèinter a la cûna dl’âlma.
Lè mè a’t farò gnîr sò…
fîn a fêret fiurîr,
fîn a fêret marsîr.
E dôp...e dôp...
A’t turnarò a piantêr
fiór d’poesìa!
 
 
LINGUA - Con le radici / dalla mente ti ho estirpata, / e con le stesse radici / nell’urna del sapere / ti ripianterò / fiore di parola, / concepita nella culla dell’anima. / Lì io ti crescerò… / fino a farti sbocciare, / fino a farti sfiorire. / E poi…e poi…/ ti ripianterò / fiore di poesia!
 
 
ANNALISA TEODORANI (Rimini)
 
I zchéurs dla zènta
 
Dal vólti a m mètt ma la finèstra
e a stagh da sintói i zchéurs dla zènta:
da spèss i è acsè strach
che la s putrébb sparagnè
la fadóiga d’arvói la bòcca.
Mo se la zcòrr in dialètt
alòura i zchéurs i arciàpa vigòur,
énca al patachèdi,
e u m vén vòia d’andè ad ciòtta
a dói la mi.
 
(da Par senza gnént)
 
 
I DISCORSI DELLA GENTE – A volte mi metto alla finestra e sto a sentire i discorsi della gente: spesso sono così stanchi che si potrebbe risparmiare la fatica di aprire la bocca. Ma se parla in dialetto allora i discorsi riprendono vigore, anche le sciocchezze, e mi viene voglia di scendere in strada a dire la mia.
 
 
GIACOMO VIT
 
Impresc' da l'anima
 
"Eco, chistu al è il falsèt ch'al pleava il siùn
da l'arba, chista la nera mantilina ch'al si meteva
intòr par confondi il crovat, chista la s'ciatula
in duà ch'al poiava il gust dal tabac, chistu il amp
par inciocà la truta, chista la pena, la pluma,
la pìria, la piera…"
I zovins intant a scrìvin tai compiuter chès
peraulis ulì, ch'a san di 'n'altri mond: doman
ta 'na stansia da l'Universitàt a si serciarà
di daghi sanc a chis'cius impresc'…
(Ma la fantassùta cu'l ricìn tal nas, vuardant
pal barcòn, a si inecuars che ulà di four
al è il spìrt dal veciu contadin ch'al fa
bociàtis…)
 
 (Sopis e Patus, Cofine, 2006,)
 
ATTREZZI DELL'ANIMA - "Ecco, questa è la falce che piegava il sonno / dell'erba, questo il nero mantello che indossava / per confondere il corvo, questa la scatola / dove metteva il piacere del tabacco, questo l'amo / per stordire la trota, questa la penna, la piuma, / l'imbuto, la pietra…" / I giovani intanto scrivono sui computer quelle / parole che sanno di un altro mondo: domani / in un'aula dell'Università si cercherà / di dare sangue a questi attrezzi… / (Ma la giovincella con il piercing al naso, guardando / per la finestra, si accorge che fuori / c'è il fantasma del vecchio contadino che fa / le boccacce.)
 
 
NELVIA DI MONTE (Pampaluna, Udine)
 
Peraulis sfrisadis -
Cussì lontan, ce storiis sino daûr
a contâsi in tune lenghe tant stranie
chi, dentri chest Ocean’s Club di Jave?
Mi distrachi un pôc intant che a cjariin
la stive de mê nâf, pieris e len
sot i pîs, finalmentri! Scolte ben
chei che nus fevelin intôr... framiez
scûrs lengaz e un inglês bastardât bon
dome par vivi sore di ogni tiare
e stravint, mi sint forest – a mi prime
che ai altris: ce ise alore identitât?
 
Al è il gust dal rivâ a cjase, no
chel che tu provis cuan che tu sês
tal sojâr ma il tornâ che ti ven daûr
 
dilunvie duc’ i mârs traversâts,
tiaris viodudis di lontan, cui lôr
confins picjâts fûr dal grîs di onde e cîl
o lis rivis tant dongje che a van parie
i voi cui omps colorâts ch’a si movin
o il fum parsore da cops e teaz
 
odôrs penz di tanârs, cjalt e vapôrs,
di cjarezis dentri bleons sudâts:
ti pâr di sintîju fin atôr de nâf,
messedâts al ajar brusât dai motôrs
 
(da Dismenteant ogni burlaz, Cofine 2010)
 
PAROLE SCALFITE - Così lontano, che storie ci stiamo / raccontando in una lingua tanto strana / qui, dentro questo Ocean’s Club di Giava? / Mi riposo un poco intanto che caricano / la stiva della mia nave, pietre e legno / sotto i piedi, finalmente! Ascolta bene / quelli che ci parlano intorno... in mezzo / a oscuri dialetti e un inglese imbastardito / buono solo per sopravvivere su ogni terra / e ai quattro venti, mi sento straniero – a me prima / che agli altri: che cos’è allora identità? // È il gusto di giungere a casa, non / quello che provi quando sei / sulla soglia ma il tornare che ti segue // lungo tutti i mari attraversati, / terre viste da lontano, con i loro confini sospesi fuori dal grigio di acque / e cielo o le coste così vicine che lo sguardo / va insieme agli uomini colorati che si muovono / o al fumo al di sopra di tegole e tettoie // odori densi di tane, caldo e vapori, / di carezze dentro lenzuola sudate / – ti sembra di sentirli fin attorno alla nave, / mescolati all’aria bruciata dei motori.
 
 
RENZO FAVARON (Cavarzere, Venezia)
 
Testamento
 
Anca mi 'no so meio de ti.
Ormai no' parlo pì gnente,
no' digo pì gnente,
manco me cognosso pì.
E no' solo mi.
Xe come se me ghesse
magnà tuto, parché sensa 'na lengua
se more solo, no' se vive on minuto.
E anca cuesta che 'doparo 'desso
la bochezza cofà on pesse
in-te 'na secia, cofà se anca éla
ghesse i giorni, le ore, i minuti contà.
 
Ben, a gò deciso che no' la morirà,
che la morirà cô sarò sóto tera.
Par zonta, me fis-cia le rece
ogni òlta che se alza da no' so 'ndove
chea vose che no' pare de gnessun
e che invesse xe la mia
o de cualcun che se vendica.
Parché no' semo fati solo de ore,
ma anca de sangue, de vento,
de 'sta lengua che te me senti senpre manco 'doparar.
 
TESTAMENTO – Anch'io non sono meglio di te. / Ormai non parlo più niente, / non dico più niente, meno ancora mi conosco. / E non solo io. / È come se mi fossi / mangiato tutto, perché senza una lingua / si muore solo, non si vive un minuto. / E anche questa che adopero adesso / boccheggia come una tinca / in un secchio, come se anche lei / avesse i giorni, / le ore, i minuti contati. // Bene, ho deciso che non morirà, / che morirà solo quando sarò di là. / Per giunta, mi fischiano le orecchie / quando si alza da non so dove / quella voce che non sembra di nessuno / e che invece è la mia / o di qualcuno che si vendica. / Perché non siamo fatti solo di ore, / ma anche di sangue, di vento, / di questa lingua che mi senti / sempre meno celebrare.
 

FRANCO LOI (Milano)

Me piasarìss a Po sentìt parlà,
amîs maister, de la tua busia,
scultà la tua Piacensa e fà büscià
quj quatter buttiliun de malvasia,
e pö cialà di donn, del culurnes,
di òmm che canten e de filusufia,
me piasarìss, pandin, al milanes
giüntàgh el culurnes, e de Milan
misc’cià la lengua a l’aqua del zenes...
Su no sé piasaria... Su che luntan
quajvün s'enventa un sò de giargianes
e a mì che sculti me par che sia Milan...
L’è no dumâ de lengua, aj tò paês,
o di Cavaj che vurarìa bufà,
ma cüntà i stèll, sentì ’l bujà di scês,
andà sü j’àrzen e d’un quaj diu sugnà...
Ma l’umbra va e la vègn, e i mè penser
turnen indré tra ’n gran bujà de can.

(Da I niül)

Mi piacerebbe a Po sentirti parlare, / amico maestro, della tua bugia, / ascoltare la tua Piacenza e far spumare / quei quattro bottiglioni di malvasia, / e poi chiacchierare di donne, del colornese, / degli uomini che cantano e di filosofia, / mi piacerebbe, pandino, al milanese / aggiungergli il colornese, e di Milano / mischiare la lingua all'acqua del genovese... / Non so cosa mi piacerebbe... So che lontano / qualcuno si inventa un suo di giargianese / e a me che ascolto mi pare sia di Milano... / Non è soltanto di lingua che, ai tuoi paesi, / o dei Cavalli io vorrei soffiare, / ma contare le stelle, sentire l'abbaiare delle siepi, / andare sugli argini e d'un qualche dio sognare.... / Ma l'ombra va e viene, e i miei pensieri / tornano indietro tra un gran abbaiare di cani.
 

 
MAURIZIO NORIS (Albino, Bergamo)
 
La brögna del dialèt
 
Gh’è ö spetà
che a belàse
al sa fà sgrànf,
’n do che ’l tép
al delima
ol zél de la schéna
e l’ma fécia
pietùs
ön invìs.
 
I se pògia
a sto mür vècc de calsina
ure selvàdeghe,
a frantömà gré de sal
e delìrio de barbèl:
otömea de paròle
römegà
de rais.
 
Scaneladüre
sö ’l sfòi
che no i tróa
paradis.
 
(Da Dialèt de nòcc, d’amùr, Ed. Cofine, 2008)
 
La camera ardente del dialetto - C’è una attesa / che piano / si fa crampo, / dove che il tempo / consuma / il gelo della schiena / e mi affitta / pietoso / un desiderio. // Si appoggiano / a questo muro vecchio di calce / ore selvatiche, / a frantumar grani di sale / e delirio di falena: / autopsia di parole / ruminar / di radici. // Scanalature / sul foglio / che non trovano / paradiso.
 
 
ALESSANDRO MORESCHINI (Castelmadama, Roma)
 
Lengua meja
 
O lengua meja, te nne vòjo tantu…!
Tu si ppiù mmare de la mare nòstra;
si stata sèmpe vocca, pocu ’nchiostra
de vesta schianta ’e tèra, tuttu vantu.
 
Tu ne revene da ’na fonte antica
che ffà ’nu rivu d’acqua che respèra;
la voce teja è ddoce, franca, vera…
…de cròsta bbòna e ppuru de mujica.
 
’N-te fa convonne da ’ssi furasteri
e tantu minu ’n-fatte ’bbavozane
da certi picuriji pocu seri…
 
O lengua meja, no ’n-te renfrascane,
remani sinché ppo’ vella de jeri,
simbrice e bbòna comme ’n-tocce ’e pane.
 
LINGUA MIA – Oh lingua mia, ti voglio tanto bene! / Tu sei più madre della mamma nostra*; / sei stata sempre bocca e poco inchiostro / di questa poca terra, tutto vanto. // Tu discendendo da una fonte antica / dai vita a un rivo d’acqua che rispera; / la voce tua è dolce, franca, vera… / di crosta buona e anche di mollica. // Non farti confondere da parlari forestieri / e tanto meno non farti ciancicare / da certa gente di poco valore… // Oh lingua mia non farti adulterare, / rimani finché puoi quella di ieri / semplice e buona come un pezzo di pane. (trad. V. Luciani)
                    
*La lingua italiana
 
 
MARIO D’ARCANGELO (Casalincontrada, Chieti)
 
Ci-hanne lassate
 
Quande se n’hanne jìte
ci-hanne lassate aunite a la fehùre
felare de parole sparpajate,
sumenta vive de sta parlature
che jéme areccujènne
tra l’olme e lu fejéne,
sopre a lu fuculare e ammezze all’are.
 
Po’ se n’ha n’ome jìte
zitte e cujète e senza’arefiatà,
nghe na pene a lu core pe parole
che nen capéve chiu.
 
(Da Albe e ne albe, Ed. Cofine 2011
 
CI HANNO LASCIATO - Quando se ne andarono / ci hanno lasciato insieme all’amor proprio / filari di parole sparpagliati, / semenza viva di questa parlata / che andiamo raccogliendo / tra l’olmo e il fieno, sopra al focolare e in mezzo all’aia. // Poi se ne sono andati / zitti e tranquilli e senza più fiatare, / con un cruccio nel cuore per parole / che non capivano più.
 
 
DANIEL CUNDARI (Rogliano, Cosenza)
 
Civi de paròe
 
Figùrate nu pratu de cùnti,
Nivère de cristiàni, ‘na
Fiua de nùmi s’chètti e
Prisùtti ccu òssa singàte.
Vecchie senza cchiù vvùce,
pìsci chi càntanu, ‘mpiciàte
de fràsi e de uìbbri.
‘Nterra versi scordàti
catìne ‘mpigliàte
ca dìcianu tutti chìllu
ch’ancòra nun avìmu dìttu.
Nòni parràte citu cittu,
nòni iusciàte ‘ntre rìcchie,
nzòmma,
civi de paròe
chi iurìscianu
cum’ u piacìre duerùsu
de na mamma ca
fìglia allu scùru.
 
(Da Cacagliùsi, Lepisma 2006)
 
SEMI DI PAROLE – Immagina un prato di racconti, / tormente di uomini scapoli e / prosciutti con le ossa segnate. / Vecchie senza più voce, pesci che cantano, coperte / di frasi e di libri. / A terra versi dimenticati / catene intrecciate / che dicono tutto quello / che ancora non s’è detto. / No parlate silenziose, né sussurrate negli orecchi, / insomma, / semi di parole / che germogliano / come il piacere doloroso / di una mamma che / partorisce al buio.
 
 
SALVO BASSO (Giarre, Catania)
 
*
Ho mescolato troppe cose, ma
La volontà era quella, giusta e
Dedicata. Ritorno all’italiano,
Come e promesso. Non mi sono
Fermato nella terra del mio
Dialetto, alla grandezza apertissima
Dell’aria. Ho benedetto cieli, e
Qualche nuvola. Ritorno all’italiano,
Aspetta, leggi. E’ la lingua del
Pensiero, quando non ho più
Nulla a dirmi. La lingua, insomma,
uguale alla lingua.
 
 
FRANCESCO GRANATIERO (Mattinata, FG)
 
Chi vóle l'óve 
 
U panaríedde a u vrazze
e ll'óve nde la pagghie,
Ndòneje Cheruzze a stagghie
vórle nd'a vicche e cchiazze:
 
 
«L'óve, chi vóle l'òve!»
Paròule chièine, tónne,
che l'ajénghiene, o pònne,
l'àreje fine a llu sòule.
 
 
CHI VUOLE UOVA - Il paniere al braccio / e le uova nella paglia, / Antonio Cheruzze senza posa / grida in vicoli e piazze:  // «Uova, chi vuole uova!» / Parole piene, tonde, / che la riempiono, o possono, / l'aria fino al sole.
 
 
BENITO GALILEA (Martone, Reggio Calabria)
 
Palori
 
Se mi resci u scrivu ’a poisia
chi gira dintr’’o cori, forzi
mischjata c’’u sangu du passatu
e lacrimi prisenti, o magari tirandu
na campana cu cordi chi junginu e stoccanu,
chi stringinu e dassanu, mi sentarrìa
nu ngamu ligatu cu nu filu eternu.
 
Sentistivu mai vù ca nu vecchju
poti ndaviri sulu vinticincu anni?
Eppuru nta sti ripati nostri
si passija senza sonna, supa e sutta
cu nu cappeju ntesta, rasuli e campagni
comu s’appartanìanu ad attra genti.
 
Ed’eu chi scavavi perrera
cu l’unghji i tanti notti, eu chi tanti
voti sucavi u hjatu du mundu
restandu ammagatu nto jermanu, pregu
pemmu campu giratu ca facci i l’attra parti.
 
Cu nu pinninu ruttu mi fermu
ncuna vota e po’ vi scrivu ca nuja
parola è duci quantu chija dintra,
e mentri u nchjostru scindi dilicatu
pari na rosa senza cchjù na spina.
 
Nto sonnu paru nu sordatu nticu
e difendu cu forza sti palori. Ma
se mi tagghjassaru puru sti misteri,
mi sentarrìa nu povaru pupu i carnavali.
 
PAROLE – Dovesse riuscirmi di scrivere una poesia / che gira dentro il cuore, magari / mischiando nel sangue il passato / con lacrime presenti, o forse tirando / una campana con corde che legano e spezzano, / che stringono e allentano, mi sentirei / un ebete stretto a un filo eterno. // Avete mai udito che un vecchio / possa avere soltanto venticinque anni? / Eppure in queste nostre contrade / si va a passeggio senza sogni, su e giù / con un cappello in testa, terreni e campagne abbandonate / come fossero d’appartenenza ad altri. // Ed io che ho scavato pietre / con le unghie della notte, io che tante/ volte ho succhiato il respiro del mondo / restando ammagato in mezzo alla segala alta, prego / affinché possa vivere girato con la faccia da un’altra parte. // Con un pennino rotto mi fermo / talvolta e poi scrivo che nessuna / parola è più dolce di quella che c’è dentro, / e quando l’inchiostro scende delicato / mi sembra una rosa senza spina. // In sogno sono certo d’apparire come un antico soldato / che difende con forza ogni parola. / Ma dovessero tagliarmi pure questi misteri, / mi sentirei un povero pupo a carnevale. 
 
 
ROBERTO PAGAN (Trieste)
 
 
Dialetica del dialeto
 
Qua xe question de “mimèsi”, xe lavor de ripristino
de boche che parla dal vivo, a la bona, de ugole
magari che stenta, de lingue che sbrissa
su la dentiera, de vosi de muli che sbraita a sussulti
come cani che baia co’ ste vocali slargade
che se slambrecia fora misura, come ch ’i sa,
xe natura ch’insegna, forsi la bora che sufia
fin su la cuna dove che nassi sto mondo
de piera e de mar. Pur ch’el verso sia s-ceto
coi contorni precisi. La copia del vero, i diseva
co’ andavimo a scola: un pomo xe un pomo, una cìcara,
[un pero
una naranza. Xe colpa del soramànego se un pomidoro
no ghe someia a un limon? Mi go fato el disegno
de quel che vedevo. Sta musica ga ’l dialeto, tastiera
con pochi bemol. El parlato no va pe’l sutil,
el va ’vanti drio el naso, el fa quel che ’l pol
no ’l ga figure retoriche nel cassetin, se ’l le ga
no ’l capissi. Che el mus no sa corer
come un caval. Se po’ quel che conto ga i verbi
più che altro al passato, protestè co’ l’anagrafe. I veci
se sa ch’i camina la testa voltada de drio. Da ’torno
[o in avanti
no ’i vedi, za ’ssai se ghe resta neuroni ’bastanza
per ricordarse el su’ nome
 
DIALETTICA DEL DIALETTO. Qua è questione di “mimesi”, è un lavoro di ripristino / di bocche che parlano dal vivo, alla buona, di ugole / magari stentate, di lingue che scivolano / sulla dentiera, di voci di ragazzi che sbraitano a sussulti / come cani che abbaiano con queste vocali larghe / che si dilatano fuori misura, come sanno, / è la natura che insegna, forse la bora che soffia / fin sulla culla dove nasce questo mondo / di pietra e di mare. Purché il verso sia schietto / preciso nei contorni. La copia del vero, dicevano / quando andavamo a scuola: una mela è una mela, una chicchera, una pera / un’arancia. È colpa del sopramanico se un pomodoro / non assomiglia a un limone? Io ho fatto il disegno / di quel che vedevo. Questa musica ha il dialetto, tastiera / con pochi bemolle. L’oralità non va per il sottile, / procede dietro al naso, fa quello che può / non ha figure retoriche nel cassetto, se ce le ha / non se ne accorge. L’asino non sa correre / come un cavallo. Se poi quel che racconto ha i verbi / soprattutto al passato, prendetevela con l’anagrafe. I vecchi / si sa che camminano con la testa girata all’indietro. Ciò che sta attorno o davanti / non lo vedono. Già è molto se gli restano abbastanza neuroni / per ricordare il proprio nome. 
 

NICO BERTONCELLO (Bassano del Grappa)

El me diaéto

El me diaéto
el respira l’erba
inbonbà de aguàsso,
el se sparpagna
fa ’a sgramégna
che se tien co’ ’e ónge
drio i sulchi ’pena fora
de ’a casa vecia.

El me diaéto
el ze sconto
rento so ’e càmare
quando che i spusi
se dise de note
paroe dolse
sora ’na vita
de strussi e fadìghe
che s-ciòca ’a schena.

El me diaéto
el ciama par nome
tute ’e ordégne
che ’desso dorme
pontàe sol muro
soto el pòrtego grando
’ndove se ingropava
i sighi dei bòce
col sbaiàre del can

e le stajón jera
quatro corse so i prai
pa’ stare continti!

Il mio dialetto - Il mio dialetto / respira l’erba / inzuppata di rugiada, / si dissemina / come la gramigna / che si tiene con le unghie / lungo i solchi appena fuori / della casa vecchia. // Il mio dialetto / è nascosto / dentro le camere / quando gli sposi / si dicono di notte / parole dolci / sopra una vita / di logorii e fatiche / che rompono la schiena. // Il mio dialetto/ chiama per nome / tutti gli attrezzi / che ora dormono / appoggiati al muro / sotto il portico grande / dove si annodavano/ le grida dei ragazzi / con l’abbaiare del cane // e le stagioni erano / quattro corse sui prati / per essere felici! 

GUIDO LEONELLI (Trento)

Sui dédi de na man

Sén restadi ‘n pochi
che podén contarne quasi sui dédi de na man.
Sén restadi ‘n pochi
che, ‘nté sto tèmp de prèssa e ‘n pòch vilàn,
quan che volén davèrzer el còr
doprén na ciave
che l’èi deventada pròpi rara:
no fén tanta cagnara a ‘nzolar na canzón nòva
a méter zó le nòte sóra al rigo.

L’è tant che tòr per man en pòr veciòt
da le gambe fórsi ‘n mìgol tremolènte
ma coi òci sempre vispi
e bèn onzùde le rodèle.
L’è darghe na man a far n’altro tochét de salesà
a tegnirlo fòr da gazèri e trabochèi
da scherzi de putèi che no i à ‘mparà la storia.

Che i tasa alór quei quatro sapientoni
che i vorìa taiar quél fil che ancór ne liga
ai nossi vèci, robàrne quel bòn saór de lat
che ancór ancòi el ne ‘nsaorìs la boca.
Sén noialtri le stèle de na zòca
che la fa fadìga ma la rebuta
tant che na cara vècia melodia
che a le tante la néva a morìr
‘ntéi silènzi zigadi de l’angonìa.

(13.01.2013)

Sulle dita di una mano - Siamo rimasti in pochi/ che possiamo contarci quasi sulle dita di una mano./ Siamo rimasti in pochi/ che, in questo tempo di fretta e un po’ villano,/ quando vogliamo aprire il cuore/ adoperiamo una chiave/ che è diventata proprio rara:/ non facciamo tanta cagnara ad allacciare una canzone nuova/ a disporre le note sopra al rigo.// È come prendere per mano un povero vecchietto/ con le gambe forse un poco tremanti/ ma con gli occhi sempre vispi/ e gli ingranaggi ben unti./ È dargli una mano a fare un altro pezzetto di selciato/ a tenerlo fuori da confusioni e tranelli/ da scherzi di ragazzi che non hanno imparato la storia.// Che tacciano allora quei quattro sapientoni/ che vorrebbero tagliare quel filo che ancora ci lega/ ai nostri avi, rubarci quel buon sapore di latte/ che ancora oggi ci saporisce la bocca./ Siamo noi le schegge di quella ceppaia/ che fa fatica ma torna a germogliare/ come una cara vecchia melodia/ che alla fine ndava a morire/ nei silenzi urlati dell’agonia.

El dialèt de me mama

I dis che scriver
de quéi che se ghe vòl bèn
l’è ‘n mìgol
come ciamarli ancór en vita.

La mia l’è na parola zita
entrà le rodèle del tèmp
a resentar recordi dal saór de antico.
Endó sé rudolade
vèce parole sgranzolade de me mama?
Endó v’alo portà el vènt zugatolón
entéi cantoni scondudi del somàs*
o sót a la so banchéta de le Dasine?
Averé trovà ‘ntél mondo ‘n cantonat
vèce parole zimberline
per binarve a far filò
a far en girotondo
enté l’èco de na vóze lontana?
No ve sento pu, góze de colór,
empiturar quadri co la cornìs:
v’ala portade drìo éla ‘n la valìs?

La ròda l’à missià le carte
ma ‘l s’ciopetar del dialèt de me mama
l’è tant che l’amór:
pu che te ‘l sparmi e pu ‘l va de mal.
Graspi de parole co la so mesura,
en destrani dal saór fòrt che se pòl palparlo
adès che ‘ntrà l’erba bòna
buta l’agràm.

 

* sala rustica al centro della casa rurale

Il dialetto di mia mamma - Dicono che scrivere/ di coloro cui si vuole bene/ è un po’/ come chiamarli ancora in vita.// La mia è una parola zitta/ fra gli ingranaggi del tempo/ a sciacquare ricordi dal sapore di antico./ Dove siete rotolate/ vecchie parole sfarinate di mia mamma?/ Dove vi ha portato il vento giocherellone/ negli angoli nascosti del somàs* / o sotto la sua panchina delle Dasine? Avrete trovato un angolino di mondo/ vecchie parole spensierate/ per trovarvi a fare filò/ a fare un girotondo/ nell’eco di una voce lontana?/ Non vi sento più gocce di colore,/ dipingere quadri con la cornice:/ vi ha portato con sè nella valigia?// La ruota ha mescolato le carte/ ma lo schioppettio del dialetto di mia mamma/ è come l’amore:/ più lo risparmi più va a male./ Grappoli di parole con la propria misura,/ una nostalgia dal sapore forte che si può palpare/ adesso che fra l’erba buona/ spunta la gramigna.

26.07.2012 

 

SALVATORE BOMMARITO (Balestrate, PALERMO)

'Stu misteri di palori

'Stu misteri di palori
mi portu ’nta li spaddi
comu ’nu saccuni
chi jincu
e poi sbacantu
e sempri tornu a jinchiri
e a sbacantari.

Ma lu pirchì di ’stu
travagghiu mancu ju
lu sacciu e sulu cridu
a ’na vucidda chi mi parra
chi quannu la sgridu
fa ’nu picchiu
accussì strittu ca
pi nun sentilu
mi ’ntappu l'aricchi
e addumu ’stu ’ncenzu.

Nun m’addumannari
allura si nun haju
autri cusuzzi
si nuddu trenu mi parti
’nt’’a stazioni ...

Nun cridiri ca
mi nni priju
a farimi gaddu
pi cantari chicchirichì
a ogni ciauru di suli.


QUESTO MESTIERE DI PAROLE. Questo mestiere di parole/ mi porto sulle spalle/ come un sacco/ che riempio/ e poi svuoto/ e sempre torno a riempire/ e a svuotare.// Ma il motivo di questo/ lavoro nemmeno io/ lo conosco e solo credo/ a una vocina che mi parla,/ che quando la sgrido/ fa un pianto/ così insistente che/ per non sentirlo/ mi turo le orecche/ e accendo questo incenso./ Non chiederrmi/ allora se non abbia/ altre cosette (da fare)/ se nessun treno mi parte/ alla stazione...// Non credere che/ me ne compiaccia/ di farmi gallo/ per cantare chicchirichì/ ad ogni indizio di sole.