Silvio Ornella




[FRIULI VENEZIA GIULIA] SILVIO ORNELLA, nato a Zoppola (Pordenone) nel 1958, insegna all’Iti Kennedy di Pordenone.
Ornella scrive in una delle parlate del friulano occidentale: quella di Zoppola.
Con il gruppo “Majakovskij” ha pubblicato l’antologia Da un vint insoterat (2000) e la silloge Rudinàs (Detriti), nel 2001. Ha curato con Giuseppe Zoppelli un’edizione postuma delle poesie di Luigi Manfrin, Zent de ciasa (2004). Nel 2005 è uscita la sua seconda raccolta, Ua (Uva) e nel 2007 il suo terzo libro Il paesagiu sculpìt, illustrato da dieci incisioni di Loris Cordenos.
Le poesie qui pubblicate fanno parte della raccolta Il polver ta la mània (La polvere sulla manica) 2a classificata al Premio Ischitella 2010.
 

Le poesie di Silvio Ornella


Cusina (recuārt di me mari)

’Na riva intrigada di ramassis
a l’era il to seglàr
– i deic ros si strambavin tai sclofs
ta scussis di patatis –.
No si disevin nuia:
pì secis li peraulis da la crosta
dal formài da gratà.
Tùrgul parsora ’l got dai me pensèirs
i vardavi la to schena
bràida* ingelata e ’sola.
Doma cuàn ch’a si fumava vissìns
i comedòns ta la plana
i vevin il stes vert tai vui.

CUCINA (RICORDO DI MIA MADRE) - Una proda indaffarata di ramaglie / era il tuo acquaio / – le dita rosse inciampavano nei gusci / in bucce di patate –. / Non ci dicevamo niente: / più secche le parole della crosta / del formaggio da grattugiare. / Torbido sopra il bicchiere dei miei pensieri / guardavo la tua schiena / campo gelato e solo. / Solo quando si fumava vicini / i gomiti sul davanzale / avevamo lo stesso verde negli occhi.
 

* Terreno discosto dall’abitato

 





Cori

Zatopek
giambis secis coma manaris.
Sgnerfs di coràn
dal sarvièl ai piè
sclissàs ta l’asfàlt.
E ’na ghigna di dolòur
’na plassa ch’a si slargia
ta li timplis glinis da operaio
petadis dal sudòur.
Do alutis vidrissis i comedòns
ch’a sbatin tai flancs.
Si’ ti eris coma chei polàs malàs
sensa plumis
doma satis par s-ciampà.

La sitàt a era blancia
e vers i veris.
Il còur un pùin
sieràt ta un mani.
Si vissina l’anèl dal stadiu
un anèl di ciadena
la ciadena dal cori.
Si vissina a cres
un businòur di espis…

Fantassùt da la via Pal
ch’i ti savevis doma che s-ciampà
dai granc dal mont
tra tassis di len
e gruns di ciarbòn

CORRERE - Zatopek * / gambe secche come accette. / Nervi di cuoio / dal cervello ai piedi / schiacciati sull’asfalto. / E una grinta di dolore / una piazza che si allarga / sulle tempie ciocche da operaio / appiccicate dal sudore. / Due alucce rinsecchite i gomiti / che sbattono sui fianchi. / Sì, eri come quei polli malati / senza penne / solo zampe per scappare. // La città era bianca / e verdi le finestre. / Il cuore un pugno / serrato su un manico. / Si avvicina l’anello dello stadio / un anello di catena / la catena del correre. / Si avvicina cresce / un brusio di vespe… // Ragazzino della via Pal / che sapevi solo scappare / dai grandi dal mondo / tra cataste di legna / e mucchi di carbone.

* Fondista cecoslovacco che alle olimpiadi di Helsinki vinse la medaglia d’oro nei cinquemila, nei diecimila e nella maratona.





Veciu

I voi murì
veciu
sintàt fòur la puarta di ciasa
un giat ch’a si russa ta li barghessis
il fres-c da la not di estàt
ch’al ven su pa li giambis
il got dal neri tal taulìn
distudami planc planc
coma ’na cica dismintiada.

VECCHIO - Voglio morire / vecchio / seduto fuori la porta di casa / un gatto che si strofina sui pantaloni / il fresco della notte d’estate / che sale per le gambe / il bicchiere del rosso sul tavolino / spegnermi pian piano / come una cicca dimenticata.





La fruta sineisa

A rit
sot la ploiuta di mars
parsora la bicicleta.
E ridin li sfesis dai so vui
ch’a mi par ch’a rivin
tant pi lontàn dai nustris.
I ciavièi di seda mora
libars di svualà
ta l’aria nova.
Un ingrissul i sint di frut
tai vecius sgnerfs
tal sanc / un afièt di pari.
La fruta sineisa
a va a lavorà
ridìnt.

LA RAGAZZA CINESE - Ride / sotto la pioggia fine di marzo / sopra la bicicletta. / E ridono le fessure dei suoi occhi / che mi pare giungano / tanto più lontano dei nostri. / I capelli di seta bruna / liberi di volare / nell’aria nuova. / Sento un brivido di ragazzo / nei vecchi nervi / nel sangue / un affetto di padre. / La ragazza cinese / va a lavorare / ridendo.