Salvatore Gaglio




[SICILIA] Nato a Santa Elisabetta (Agrigento) nel 1949, Salvatore Gaglio, medico e letterato, è autore di poesie, di opere teatrali e romanzi, in italiano ed in dialetto.
Tra le pubblicazioni ricordiamo Quel tempo generò gli eroi ed il volume di poesie Il libro dei versi. E’ autore di un’opera teatrale in dialetto sabbatese dal titolo “Micheli e Maruzza”.
Le poesie qui pubblicate sono tratte dalla raccolta Lu tempu e l’omu (L’ùrtimu Cantu), finalista al Premio Ischitella-P. Giannone 2008.

Le poesie di Salvatore Gaglio


[E caminu, e camini, e caminamu]

E caminu, e camini, e caminamu,
e pari un gran piacìri l’acchianari.
Cu sulu, cu a struppati, e cu ad assamu,
vìnciri ognunu voli e trïunfari.
Crìsciri, sulu crìsciri, vulemu;
e nun ni vasta ma’ chiddru chi semu.
N’ammùttanu cu forza li famigli.
Ni spingi arditu l’addrivatu orgogliu.
Tu sì capaci sulu quannu pigli;
quannu nun po’, sì càmia di curdogliu.
Accuméncia la vita, e semu ’n guerra,
jénnu addrumannu pi ogni celu e terra.

L’unu ammuttannu a l’antru, ni pistamu,
e chiujému li strati a lu nimicu.
Cu li mani e li pedi n’aiutamu
pi fari nostra la muntagna a picu,
d’unni lu munnu è tuttu suttamisu
e di spécchiu ni fa, comu a Narcisu.

Chi pïaciri c’è? Aria vacanti
c’è a lu cucùcciu ’n capu a l’acchianata.
Qual è lu pregu d’arrivari ganti,
si si perdi la vita già campata?
Quantu si perdi! E quantu cosi cari,
pi l’affannu d’avìri e d’acchianari!

Lassi lu jocu, e ti fa sériu e granni,
pirchì lu jocu è stravacantarìa.
Ha crìsciri, e t’impegni, e ti ci affanni;
ha dimustrari la to gran valìa.
Ssu focu chi t’abbrùscia carni e peddri,
vali forsi lu cantu di l’anceddri?

E cammino, e cammini, e camminiamo, / e sembra un gran piacere lo scalare. / Chi solo, chi nel branco, o nello sciame, / vincere ognuno vuole e trionfare. /Crescere, solo crescere, vogliamo; / e non ci basta più quello che siamo. // Ci spingono con forza le famiglie. / Ci spinge ardito l’allevato orgoglio. / Tu sei capace solo quando pigli; / quando non puoi, sei causa di cordoglio. / Incomincia la vita, e siamo in guerra, / rinfocolando in ogni cielo e terra. // L’uno spingendo l’altro, ci pestiamo, / e chiudiamo le strade all’avversario. / Con le mani e coi piedi ci aiutiamo / per fare nostra la montagna a picco, / da dove il mondo è tutto sottomesso, / e da specchio ci fa, come a Narciso. // Quale piacere c’è? Aria vacante / c’è sulla cima sopra la scalata. / Qual è la gioia d’arrivar su in alto, / se si perde la vita già vissuta? / Quanto si perde! E quante cose care, / per l’affanno di avere e di scalare! // Lasci il gioco, e diventi serio e grande, / poiché lo spasso è stravaganteria. / Devi crescer, t’impegni, e ti ci affanni; / devi provare la tua valentìa. / Quel fuoco che ti brucia carne e pelle, / vale per caso il canto degli uccelli?





[Chi notti è chista? è tanta la stranizza]

Chi notti è chista? è tanta la stranizza,
ca nun canùsciu mancu li me stiddri.
Ognuna d’iddri sprallucìa biddrizza
e inghiva lu me munnu di faìddri
fina ad antura. Ed ora nun m’arriva
nenti di ddru splenduri di surgiva.

Pensu a li stiddri di la picciuttanza.
Fu un àrdiri di celu a la me via!
E mi dàvanu spranza, spranza e
[spranza,
quannu pi san Laurenzu ci cadìa
na lagrimuzza ténnira d’amuri
pi li jorna prisenti e li futuri!

Li striddi di sta notti hannu na luci
comu di lampa a finitura d’ogliu;
e mi fannu un parlari cu na vuci
senza valìa e senza cchiù rigogliu:
comu quannu la via cedi a la fini,
e ni réstanu l’ùrtimi stramini.

Pirchì lu celu ni sta notti scura,
iddru, ca ci affidamu lu distinu,
si siddrïà e ni nega la lustrura,
ch’era pi l’occhi ncantu di fistinu,
chi sbummicava all’aria focu e focu,
ed allustrava l’occhi lu so jocu?

Era la notti un àrdiri di stiddri;
mannava cuntintizza a tutta l’aria;
e scinnìa ni lu munnu cu faìddri
di vita calla, ardenti e millennària…
Celu, addrùmati arrè: dùnami spranza,
anchi si ormai passà la picciuttanza!

Che notte è questa? è tanta la stranezza, / che non conosco neanche le mie stelle. / Ognuna d’esse promanò bellezza / e riempiva il mio mondo di faville / fino a poc’anzi. Ed ora non mi arriva / niente di quel fulgore di sorgente. // Penso alle stelle della giovinezza. / Fu un ardere di cielo alla mia vita. / Mi davano speranza e poi speranza, / quando per San Lorenzo lor cadeva / una lacrima tenera d’amore / per i giorni presenti e pei futuri. // Le stelle questa notte hanno una luce / come di lampada al finir dell’olio; / e mi fanno un parlar con una voce / senza vaglia e neppure più rigoglio: / come quando la via cede alla fine, / e ci restano i rantoli finali. // Perché il cielo in questa notte oscura, / esso, al quale la sorte confidammo, / s’è oscurato e ci nega lo splendore, / che era per gli occhi incanto di festino, / e prorompeva all’aria fuoco e fuoco, / e dava lustro agli occhi quel suo gioco? // Era la notte un ardere di stelle; / mandava contentezza a tutta l’aria; / e scendeva sul mondo con faville / di vita calda, ardente e millenaria. / Notte, accenditi ancor: dammi speranza, / anche se ormai passò la giovinezza.
 





[I’ ni lu sonnu la vulìa acchiappari]

I’ ni lu sonnu la vulìa acchiappari;
iddra passava, e ardenti ni dicìa:
“Dai ca ti scappu! Curri! M’ha pigliari”!
L’assicùtu, e dicénnumi currìa:
“Nun circari li cosi terra-terra:
fùssiru di vaddruni o di la serra.

Stenni li mani sempri e sempri all’antu
e l’occhi ’n celu cu lu tantu arduri;
veni senza trimuri e senza scantu:
su’ ccà li cosi boni e di valuri.
Si tu ascunti la vuci di la luna,
granni-granni sarà la to furtuna”.

Pirchì la luna ’n sonnu cumparìa
e addrumava li chiani e li sbalanzi?
Pirchì era carusazzu, iddra vinìa?
Pirchì era tempu di disiddri e spranzi?
Ora ddru tempu me beddru chi fu,
ormai passà, e nun mi torna cchiù.

Capaci ca viniva pi daveru
ddr’immàgini ammantata di magia
sutta spécia di luna e di misteru.
Ma sì vinìa, cu dissi ch’era dìa:
la megliu di li megliu, ca a lu munnu
megliu nun c’è, mancu si giri ’n tunnu?

Capaci emmeci ca la fantasia
ddrà si stampava ni la gran lucerna:
disiddru chi figura si facìa
intra ddra beddra lustrurata eterna.
Capaci ca lu spìritu carusu
è un poviru e nnuccenti malu llusu.

Io nel sogno bramavo d’acchiapparla; / essa passava, e ardente mi diceva: / “Dai che ti scappo! Corri ad afferrarmi! “ / La inseguivo e dicendomi correva: / “Non cercare le cose giù di terra: / che siano a fondo valle o sulla vetta. // Stendi le mani sempre e sempre in alto / e gli occhi al cielo con il tanto ardore; / vieni senza tremore né spavento: / son qui le cose buone e di valore. / Se tu ascolti la voce della luna, / grande-grande sarà la tua fortuna”. // Perché la luna in sogno mi appariva, / e accendeva le piane e i precipizi? / Perché ero giovanotto, lei veniva? / Perché era tempo di speranze e brame? / Ora quel tempo mio bello che fu / è già passato e non mi torna più. // Può darsi che venisse per davvero / quell’icona ammantata di magia, / sotto specie di luna e di mistero. / Ma se venne, chi disse che era dea: / la migliore del meglio, che nel mondo, / meglio non c’è, manco se giri in tondo? // Può darsi invece che la fantasia / là si stampava nella gran lucerna: / bramosia che figura si faceva / in quella bella lucentezza eterna. / Può darsi che lo spirito fanciullo / sia povero e innocente mal illuso.