Paolo Borghi




[EMILIA ROMAGNA] Paolo Borghi è nato nel 1939 a Ravenna dove ha abitato per oltre cinquant’anni. Dal 1992 si è trasferito nella limitrofa Marina.
In dialetto sono stati i suoi iniziali tentativi di poesia, ed alla lirica dialettale va dedicando da vari anni gran parte del suo tempo, quale redattore del mensile la Ludla, il periodico della “Associazione Istituto Friedrich Schürr, per la valorizzazione del patrimonio dialettale romagnolo”. (www.argaza.it)
Negli anni i suoi versi hanno conseguito numerosi riconoscimenti e pubblicazioni. Gratificanti sono stati i consensi riservati da critici e giurie alla sua prima raccolta di poesie in dialetto D’e’ cânt de’ mêr (Dalla parte del mare), 2005, Pazzini.
Le poesie pubblicate sono tratte dalla raccolta Un fes-c int l’urecia (Un fischio all’orecchio) Poesie in dialetto Ravennate 2004 – 2007, terza classificata al Premio Ischitella 2008.
In questa raccolta Borghi mostra un senso e un gusto della forma che obbedisce ad un pathos bilingue. Il titolo si riferisce ad una delle sue poesie che anticipa “lo spazio-natura” dominante tutti i risvolti creativi. “Il silenzio della neve” che ghermisce la notte, desta il personaggio-attante (il silenzio è per lui sempre parola interiorizzata), così come è plausibile alternanza, approdo lontanante e nello stesso tempo affettivo il fischio del treno, irreticente messaggio come l’affetto della donna che sembra giungergli all’orecchio. Lo sforzo creativo è sempre attraversato dall’amore per la natura, sfaldata dalle invasioni edilizie e dal decadimento rovinoso degli spazi storici vivi e operanti in un passato che non c’è più.
 

Le poesie di Paolo Borghi


Resoldör

Chisà s’u-m sarà
mëj cunzës ad zarchêt
fra i s˘giùl de’ cino paruchiêl
(dó’ int e’ bur a-m sturbéva de’ tu pët)
fra ‘l z˘óvni péni d’amór
fra l’urmëj s˘mèngh savór
di nìgar palutin de’ Resoldör
l’arcôrd d’alóra
u-n pö scanzlêr’incù e’ castigh ’d s˘marit
mo u-m sarvirà int un dmân
fórsi
a stagnê’
e’ tu fatêl s˘brisêm vi’ da la ment
simben ’nenz ch’ e’ suzéda
al dvintarà un castigh cutidiân
ch’a i chignarö cunvìvar
al tu mân i tu oc
al cavej sflidi
e’ dólz udór dispötich
di tu cavel in premavira

RESOLDOR® - Chissà se mi sarà / mai concesso cercarti / fra i sedili del cinema parrocchiale / (al cui buio mi turbavo del tuo seno) / fra giovanili pene d’amore / fra il disimparato sapore / dei pippoli bruni del Resoldor®
/ il ricordo d’allora / non può cancellare l’attuale castigo di perderti / ma servirà un domani / forse / a stagnare / il tuo fatale scivolarmi dalla mente / sebbene prima che questo succeda / diverranno un castigo quotidiano / cui converrà convivere / le tue mani i tuoi occhi / le snelle caviglie / il dolce profumo dispotico / dei tuoi capelli in primavera
 





Te ciâma

Amór brìs˘ol druvê
fantas˘ì
afughêda int e’ nàsar
a la bês˘
u j’è un des˘ért d’afezion ch’u s’è fat
us˘uêl distret dl’öman
manifëst
at d’acus˘a a un stichêt
livê contr’al pasion
te int igna môd
te t’a-n n’è ’d colpa
te nö-t sintì’ sóla
te se la nöta t’aré bsogn
te ciâma

CHIAMA - Amore non usato / fantasia / soffocata sul nascere / alla base / c’è un deserto affettivo che s’è fatto / usuale distretto dell’uomo / manifesto / atto d’accusa a uno steccato / alzato alle passioni / tu comunque / tu non ne hai colpa / tu non sentirti sola / tu se di notte avrai bisogno / chiama





E cvest simben

A jarvulz˘en’e’ gvêrd intórn’ e’ mònd
insarvèndos tot cvènt di stes oc
a das˘en stura a i nost pinsir druvènd
tot cvènt i stes cunzet:
una sèngula scvêdra d’invurnì
ad mes in riga
ad livalé int la masa.

A chi avèma zidù j’oc d’una vôlta
chi ël ch’u s’è ciap i nòstar oc nativ?
A chi afidèsom al parôl vartiri
chi ël stê a gafês al nöst’ piò s-cet’ parôl?

E cvest simben te dìman nench sól óna
s-t’aré chêra che in cvela a zirca scâmp

CIONONOSTANTE - Rivolgiamo lo sguardo attorno al mondo / servendoci tutti di identici occhi / diamo stura ai pensieri adoperando / tutti gli stessi concetti: / una singola squadra di storditi / d’allineati / di massificati. // A chi cedemmo gli occhi originari / chi ci ha sottratto i nostri occhi nativi? / A chi affidammo le parole autentiche / chi si è appropriato delle nostre più schiette parole? // Ciononostante tu dinne anche una sola / se avrai piacere che in quella cerchi scampo

 





Abitaren dal ca biancus˘i ad z˘ez˘

Cvând a e’ tragvêrd arivaren biancus˘
abitaren dal ca biancus˘i ad z˘ez˘
né al curarà fra ’d nó dagli afezion
a cujmê dla su éco
chi s˘biavì sintir ’d mêrom

sól a jadusaren’e’ nöst’arcôrd
adös i viv ch’i-s piânz˘
e senza scòrar
a javren tot ’na vós˘

i-s lugrarà etìran i mument
e agli ór e i dè e j’èn
dla de’ rimpiânt

a saren’int un mont da nö cuntês
tènt da ras˘ê’ e’ singulêr
tènt da imbruiês a e’ gnint

ABITEREMO BIANCHICCE CASE DI GESSO - Quando, giunti al traguardo, lattescenti / abiteremo bianchicce case di gesso / né correranno fra noi affezioni / a colmare della loro eco / quei pallidi sentieri di marmo, // solo addosseremo il nostro ricordo / ai vivi che ci piangono / e senza discorrere / avremo tutti una voce // consumeranno eterni gli istanti / e le ore e i giorni e gli anni / al di là del rimpianto // saremo numerosi da non potersi contare / tanti da rasentare l’unità / tanti da ingarbugliarsi col niente
 





A è mod d’un dent

E’ chignarà ch’a la s˘meta ‘d zarchêt
int al pagin d’un lìvar
int j’insogn
in che sbaf ad ruset
int e’ parfòm
ch’ l’impregna incóra i caset de’ cumö

a-n rinsirö a razêt mai da la tësta
s’a jazët che t’a-m dventa
a e’ môd d’un dent
ch’u s’incmenza a ciucêl
sól d’ e’ mument ch’e’ taca a dulurê’

NEL MODO DI UN DENTE - Converrà che la smetta di cercarti / fra le pagine di un libro / dentro i sogni / in quello sbaffo di rossetto / nel profumo / che impregna ancora i cassetti del comò // mai riuscirò a raschiarti dalla testa / se accetto che tu mi divenga / nel modo di un dente / che si prende a succhiarlo / dal momento in cui inizia a dolere