Nelvia Di Monte




[FRIULI VENEZIA GIULIA] NELVIA DI MONTE è nata a Pampaluna (Udine) nel 1952 e risiede in provincia di Milano, dove insegna lettere.
Ha pubblicato le raccolte in friulano Cjanz da la Meriche (1996), finalista premio Lanciano; Ombrenis (2002) e Cun pàs lizêr (2005). Poesie friulane sono state pubblicate su riviste, tra cui Galleria, Poesia, Tratti, micRomania (Bruxelles) e in antologie. Testi di critica letteraria e recensioni, oltre a testi poetici in friulano, sono apparsi su: Diverse lingue, Il Segnale, Pagine, Periferie.
Le poesie che seguono sono tratte dalla raccolta Dismenteant ogni burlaz (Dimenticando ogni temporale) vincitrice della VII edizione del Premio Ischitella-Pietro Giannone 2010.
 

Le poesie di Nelvia Di Monte


Peraulis sfrisadis - 1

Cussì lontan, ce storiis sino daûr
a contâsi in tune lenghe tant stranie
chi, dentri chest Ocean’s Club di Jave?
Mi distrachi un pôc intant che a cjariin
la stive de mê nâf, pieris e len
sot i pîs, finalmentri! Scolte ben
chei che nus fevelin intôr... framiez
scûrs lengaz e un inglês bastardât bon
dome par vivi sore di ogni tiare
e stravint, mi sint forest – a mi prime
che ai altris: ce ise alore identitât?

Al è il gust dal rivâ a cjase, no
chel che tu provis cuan che tu sês
tal sojâr ma il tornâ che ti ven daûr

dilunvie duc’ i mârs traversâts,
tiaris viodudis di lontan, cui lôr
confins picjâts fûr dal grîs di onde e cîl
o lis rivis tant dongje che a van parie
i voi cui omps colorâts ch’a si movin
o il fum parsore da cops e teaz

odôrs penz di tanârs, cjalt e vapôrs,
di cjarezis dentri bleons sudâts:
ti pâr di sintîju fin atôr de nâf,
messedâts al ajar brusât dai motôrs

PAROLE SCALFITE - Così lontano, che storie ci stiamo / raccontando in una lingua tanto strana / qui, dentro questo Ocean’s Club di Giava? 1 / Mi riposo un poco intanto che caricano / la stiva della mia nave, pietre e legno / sotto i piedi, finalmente! Ascolta bene / quelli che ci parlano intorno... in mezzo / a oscuri dialetti e un inglese imbastardito / buono solo per sopravvivere su ogni terra / e ai quattro venti, mi sento straniero – a me prima / che agli altri: che cos’è allora identità? // È il gusto di giungere a casa, non / quello che provi quando sei / sulla soglia ma il tornare che ti segue // lungo tutti i mari attraversati, / terre viste da lontano, con i loro confini sospesi fuori dal grigio di acque / e cielo o le coste così vicine che lo sguardo / va insieme agli uomini colorati che si muovono / o al fumo al di sopra di tegole e tettoie // odori densi di tane, caldo e vapori, / di carezze dentro lenzuola sudate / – ti sembra di sentirli fin attorno alla nave, / mescolati all’aria bruciata dei motori

 





Peraulis sfrisadis - 5

Robis e omps spaurîts che cirin un gnûf
destìn e s’imbarcjin d’ascôs e cuan che
tu ju cjatis, tu ju puartis istès
daûr – surîs che no tu viodis l’ore
di parâ vie, jù dal to granâr,
tal scûr, dentri cassis o cartons come
une mercanzie che va al mercjât

Simpri plui di spes o torni al gno puart
cun cualchi cuarp in plui – lis animis no,
chês a restin tal molo o tes andronis
o dentri puars scrosops, a spietâ
dongje dal fûc, dulà ch’a son nassudis

Global economy – mi à gambiât
in tun barcjarul framiez doi infiârs:
sence dignitât, dulà isal plui ben?
Se la tô cjâr no vâl une mone, se
tu viagis stocât piês dai sacs di cafè,
di un casc di bananis, chel almancul
di une cjarte al ven compagnât!

Merci e uomini spaventati che cercano un nuovo / destino e s’imbarcano di nascosto 2 / e quando li scopri, te li porti dietro / comunque – topi che non vedi l’ora / di cacciare via, giù dal tuo granaio, / al buio, dentro casse o cartoni come / una merce che si avvia al mercato // Ritorno sempre più spesso al mio porto / con qualche corpo di troppo – le anime no, / quelle restano sul molo o nei vicoli / o dentro povere catapecchie, in attesa / vicino al fuoco, dove sono nate // Global economy – mi ha trasformato / in un traghettatore tra due inferni: / senza dignità, dove è meglio? / Se la tua carne non vale niente, se / viaggi stoccato peggio dei sacchi di caffè, / di un casco di banane, che almeno / da una carta viene accompagnato!


1 Giava è un’isola dell’Indonesia, non la più estesa ma la più importante e la più densamente abitata per la presenza della capitale Gjakarta e di altre importanti e antiche città. La poesia è ambientata in un club per capitani di cargo internazionali, nel porto di Surabaya. In Indonesia c’è un intenso commercio di esportazione di legnami pregiati, minerali, prodotti tropicali.

2 Sempre più frequentemente persone disperate emigrano imbarcandosi come clandestini, contando sull’aiuto o corrompendo personale di bordo oppure nascondendosi tra le merci o nei container, con esiti spesso fatali.





Dismenteant ogni burlaz

Spessee, va sburide al cûr des robis,
deciditi daurman che il timp nol spiete...

inveci mi plâs gjoldi ogni moment
se al è penz di vite e di realtât

cuan che di bot tu t’incocalìs vie
a cjalâ l’ombrene che une niule
e incît te tjare, e brinche i cuarps
lant daûr al lôr torseâ

o cuan che un sbuf di ploe al interomp
i pinsîrs, un pôc confundûts sul prin
e podopo libars di scomenzâ

Propi di aghis o vorès contâ ma no
dal fons: de lôr inmagade serenitât
ch’e rive sence inacuargisi

dismenteant ogni burlaz traviarsât,
monsons ch’a messedin fôs e mâr,
burascjis ch’a rivochin ondadis
di pôre a torzeon dentri oceanis

Di aghis ch’a tornin tal cidinôr
sence fâti pesâ il frêt de ploe
che fâs riis sui veris di zornadis
come gots ribaltâts: umôrs dal vivi
savûts e dismenteâts... Aghe frescje
dopo une cjaminade d’istât, nuje
par tignîle di cont otri la sêt

come il timp, si imbrucje e si disfe – podie
la niule fermâsi? Aghis che colin
diluncvie dai claps e troi di tiare
o dai rubinets di cjase intant che
si lavìn la muse, lis mans a cope,
j sbrissin dentri flâts di cîl: lajù o
dongje e jè compagne la piel dal mont

DIMENTICANDO OGNI TEMPORALE - Sbrigati, vai rapida al cuore delle cose, / deciditi subito che il tempo non aspetta... // invece mi piace godermi ogni momento / se è denso di vita e di realtà // quando all’improvviso ti perdi / a osservare l’ombra che una nuvola / incide sulla terra, acciuffa i corpi / seguendoli nel loro vagare // o quando uno sbuffo di pioggia interrompe / i pensieri, un poco confusi dapprima / e poi liberi di ricominciare // Proprio di acque vorrei raccontare ma non / del fondo: della loro trasognata serenità / che giunge senza accorgersi // dimenticando ogni temporale attraversato, / monsoni che rimescolano delta e mare / tempeste che eruttano ondate / di paura a zonzo dentro oceani // Di acque che ritornano nel silenzio / senza farti pesare il freddo della pioggia / che riga i vetri di giornate / come bicchieri capovolti: umori del vivere / saputi e dimenticati... Acqua fresca / dopo una camminata d’estate, niente / per trattenerla se non la sete //come il tempo, si rapprende e si scioglie – può / la nuvola fermarsi? Acque che scendono / lungo pietre e sentieri di terra / o dai rubinetti di casa intanto che / ci laviamo il viso, le mani a coppa, / ci scivolano dentro sorsi di cielo: lontano o / vicino è uguale la pelle del mondo
 





Altrò

Forsi e jè la ploe che sbalze sore
il marcjepît daurman dentri lis scarpis,
i tons che si messedin cui clacson
incagnîts, lis ombrelis che si scontrin
a dîti che la citât e jè masse
grande e à masse int e par te nol reste
puest – saraje la zornade che va
dentri une plere, la stesse stazion
che supe duc’ tun gorc di presse e ansie

tu vens puartade vie sence olê,
come se nuje nol podès discjoli
ne fermâ cheste ore che mûr ma po...

Daûr de frute tignude par man
– un passèt di novelùt, un scjalìn
e si polse, un scjalìn e si spiete –
si jè formade une code di int
sù pe scjalinade, int che sbufe
par chest ritart, int che à pôre
di piardi minûts trenos coincidencis:

chel al cjale plui voltis l’orloj,
l’altri al conte cheste robe strambe
al cellular, cualchidun al domande
Ce isal? ma nissun nol sa parcé che
la file masse planc e va indenant

Fruts: e àn pîs pizzui ma lunc il timp
par contâ robis a un che ju ten
par man – a jessi dongje tu sintis
peraulis lizeris, bufulis di sons
fûr dai rizzots, bons di menâ ancje te
dentri contis che saltin a pîs fêrs
tun puest lontan ma cognossût

diluncvie di un binari dulà che
ti pâr di jessi partide une volte
viars altrò ma no tu j sês restade
cussì a lunc di tignîlu amèns

La presse che imbombìs l’ajar intôr
daurman e tae il to timp de sô vôs

e si piardìn, ognun viars il so fin
tal mont – intant che si spiete, il slavin
al à menât plui in là il so marum
e tal scûr un clâr di lune si sburte
fûr di une niule e j fâs l’orladure

jù cualchi fanâl si lustre tes pocis
e sui binari, a scjaldâ un pôc
la strade di cjase, i pinsîrs bagnâts

ALTROVE - Forse è la pioggia che rimbalza / sul marciapiede diritta dentro le scarpe, / i tuoni che si mescolano ai clacson / infuriati, gli ombrelli che si scontrano / a dirti che la città è troppo / grande e ha troppa gente e per te non resta / spazio – sarà la giornata che finisce / dentro un imbuto, la stessa stazione / che aspira tutti in un vortice di fretta e ansia // vieni trascinata via senza volerlo, / come se niente potesse distogliere / né fermare quest’ora che muore ma poi... // Dietro la bambina tenuta per mano /– un passetto di uccellino, uno scalino / e si sosta, uno scalino e si aspetta – / si è formata una coda di gente / su per la scalinata, gente che sbuffa / per questo ritardo, gente che ha paura / di perdere minuti treni coincidenze: // quello controlla più volte l’orologio / l’altro racconta questa cosa strana / al cellulare, qualcuno domanda / Cosa succede? ma nessuno sa perché / la fila procede troppo adagio // Bambini: hanno piccoli piedi ma lungo il tempo / per raccontare cose a uno che li tiene / per mano – a trovarsi vicino senti / parole leggere, bolle di suoni / fuori dai riccioli, capaci di condurre anche te / dentro favole che saltano a piè pari / in un luogo lontano ma conosciuto // lungo un binario dove / ti sembra di essere partita una volta / verso altrove ma non ci sei rimasta / così a lungo da tenerlo a mente // La fretta che impregna l’aria intorno / recide subito il tuo tempo dalla sua voce // e ci si perde, ognuno verso la propria destinazione / nel mondo – mentre si aspetta, il temporale / ha portato più in là il suo malumore / e nel buio un chiaro di luna si spinge / fuori da una nuvola e le fa l’orlatura // giù qualche fanale si lustra nelle pozzanghere / e sui binari, a scaldare un poco / la strada di casa, i pensieri bagnati