Maurizio Noris




[LOMBARDIA]  Nato nel 1958, bergamasco di Albino, in Val Seriana, Maurizio Noris svolge l’attività di libero professionista, formatore e promotore socioculturale soprattutto nell’ambito delle politiche per i giovani.
Inizia a scrivere poesie dall'adolescenza e verso la fine degli anni Ottanta scopre il dialetto come linguaggio personale e poetico, aiutato da L. Meneghello e da altri letterati e poeti contemporanei (tra cui Loi, Consonni e Marin).
Nel gennaio 2001 ha pubblicato Santì, libro artigiano di poesie dialettali con l’artista grafico Ivano Castelli, attraverso la casa editrice “Tera Mata” da loro fondata. Dal 1998 ha partecipato con successo a numerosi concorsi letterari.
I testi qui pubblicati sono tratti dalla raccolta vincitrice il Premio nazionale “Città di Ischitella - Pietro Giannone” 2008 ed ora pubblicati nel volume Dialèt de nòcc, d’amùr (Ed. Cofine, Roma, 2008, pp. 32 e. 6,00). 

La raccolta, in dialetto della Media Val Seriana, affronta tematiche dove risaltano testimonianze d’incroci tra consuetudini religiose, mai addomesticate e sempre drammaticamente vissute, ed eventi storici nel corso dei quali forze operanti – quelle della Nato – indirizzano le loro risorse a danno di vittime civili, del tutto disarmate e confuse. Le 21 poesie della silloge cantano però anche le lune, senza notti, l’alba che si enuncia con i suoi dolori. Il mondo tutto è come un bimbo che chiede soccorso (l’è ò s-ceti ca l’ ciama). Ci sono poesie d’amore a cui Noris ha dedicato un impegno inventivo, un sostanziale originale disegno d’incontri del cuore. Poeta tra i più fini e sensibili, con il suo “bergamasco” poetico ha un fascino destinato a resistere all’usura del tempo.


 

Le poesie di Maurizio Noris


La brögna del dialèt

Gh’è ö spetà
che a belàse
al sa fà sgrànf,
’n do che ’l tép
al delima
ol zél de la schéna
e l’ma fécia
pietùs
ön invìs.

I se pògia
a sto mür vècc de calsina
ure selvàdeghe,
a frantömà gré de sal
e delìrio de barbèl:
otömea de paròle
römegà
de rais.

Scaneladüre
sö ’l sfòi
che no i tróa
paradis.

La camera ardente del dialetto - C’è una attesa / che piano / si fa crampo, / dove che il tempo / consuma / il gelo della schiena / e mi affitta / pietoso / un desiderio. // Si appoggiano / a questo muro vecchio di calce / ore selvatiche, / a frantumar grani di sale / e delirio di falena: / autopsia di parole / ruminar / di radici. // Scanalature / sul foglio / che non trovano / paradiso.





Ègia us de la dé

L’è ché pogiada
sö i spale
stà ègia us rösnéta
e sènsa décc
la römmia.

La ma spìgla tra i caèi
mai cüèta
e de paròle sidrade
la me tormènta,
sömmia.

Sö l’oradèl de la dé
sgagne i mé nòcc
per mia pèrd ol cél che rìa,
culùr
caröl
de mömmia.

Vecchia voce dell’alba - È qui appoggiata / sulle spalle / questa vecchia voce arrugginita / e senza denti / rumina. // Mi spigola tra i capelli / mai quieta / e di parole assetate / mi tormenta, / scimmia. // Sull’orlo dell’alba / addento le mie notti / per non perdere il cielo che arriva, / colore / tarlo / di mummia.
 





Spète mas

To ma se mia compàgna,
lüna màder de gana,
in de sta nòcc
èdoa d’avril
e fantaséa.

C’a l’vègne mas,
l’è ’l scötöm
de ö ’nsògn
tacàt vià tra ’l fósch e magéa,
sturda ónda de sambüch,
ónda surda,
ónda gréa.

Ö sgiaér
de pensér
i se pògia
orfanèi
a ö cör lifròch,
bolseghécc
de esagerada ömbréa.

No l’fà mas
ö gerù desmöestàt
de paròle,
adóma arléa.

I sgùi imbreàch
di prim barbèi
de mas,
no i fà poeséa.

Aspetto maggio - Non mi sei compagna, / luna madre di falda, / in questa notte / vedova d’aprile / e fantasia. // Che venga maggio, / è il soprannome / di un sogno / appeso tra il buio e magia, / storda onda di sambuco, / onda sorda / onda greve. // Nugoli / di pensieri / si appoggiano / orfanelli / ad un cuore scioperato, / asmatici / di esagerata ombra. // Non fa maggio / un ghiaione smosso / di parole, / solo nausea. // I voli ubriachi / delle prime falene / di maggio, / non fan poesia.





Temporàl de nòcc in montàgna

Al s’è dervìt
ol mónd
in d’ö sul cólp
ol cör che spàca, me,
co i éne e i canalù.

Spòie de préda ’n de sgùl
– i par infina gógie –
i scortèla,
sèite,
ol cél nigher
de nigher
e sènte ö mör
che sbàt
ligér
tra i còrne grise sö al vólt,
i ganasse.

Temporale di notte in montagna - Si è aperto / il mondo / in un solo colpo / il cuore che spacca, me, / con le vene e i canaloni. // Schegge di pietra nel volo / – paiono perfino aghi – / accoltellano, / fulmini, / il cielo nero / di nero / e sento un morire / che sbatte / leggero / tra le rocce grigie su in alto, / le ganasce.
 





Turno de nòcc ai Uficìne Schwartz de Bergam

Sènte i us de la nòcc,
us de la sità
che la se sfant in del fósch;
s-ciopetàde sèche
di ólte,
ö saùr todèsch mecànech
a l’crida
come l’födèss ö mài che pèsta e che frantòia,
come l’födèss ö mài
che töt a l’trida.

Gh’è di nòcc che la bór ólta e lónga,
di nòcc che la sapùna surda, la sità,
di nòcc che la martèla
fónda.
Só dét e fò del ciarùr di fùregn,
operare de póca ómbra, visì,
ol nigher dóls di öcc,
ol róss del cör che brüsa,
ol zald saùr metàl
chè cùla
e ’ngrìsa.

Töt ol rèst
l’è fonderéa e fortüna.

Töt ol rèst
l’è ö blö
piö fórt
che l’sùna.

Turno di notte alle Officine Schwartz di Bergamo - Sento le voci della notte, / voci della città / che si disperde nel buio; / schioppettate secche / a volte, / un sapore tedesco meccanico / grida, / come fosse un maglio che pesta e che frantuma, / come fosse un maglio / che tutto trita. // Ci sono notti che abbaia alta e lunga, / notti che piccona sorda, la città, / notti che martella / fonda. // Sono dentro e fuori del chiarore dei forni, / operaio di poca ombra, vicino, / il nero dolce degli occhi, / il rosso del cuore che brucia, / e il giallo sapore metallo / che cola / e ingrigisce. // Tutto il resto / è fonderia e fortuna. // Tutto il resto / è un blu / più forte / che suona.

 





Öcc de formét

To ghé ’n di öcc ol formét,
gna te fös rondèna che sìga
ustinàda ’n del vólt,
denàcc a sto pögn làrch
de setèmber
che l’è
ol cél.

Bóca dólsa,
e zald insògn de pàia
e de mél.

Ol tò vis
tüso vènt impruìs,
al brüsa scàie de tramónt,
bassa lüs de marvéa,
che ria a ónde da la piànüra,
dal fónd,
sènsa pùra
catedràl d’ömbréa.

Biónda lüs
sö i cap,
öltima lüs
dopo ’l regói,
gréa.

Occhi di frumento - Hai negli occhi il frumento, / neanche tu fossi una rondine che stride / ostinata nell’alto, / davanti a questo largo pugno / di settembre / che è / il cielo. // Bocca dolce, / e giallo sogno di stoppia / e di miele. // Il tuo viso / come vento improvviso, / brucia scaglie di tramonto, / bassa luce di meraviglia, / che arriva a onde dalla pianura, / dal fondo, / senza paura / cattedrale d’ombra. // Bionda luce / sui campi, / ultima luce / dopo il raccolto, / greve.