Alfredo Panetta




[CALABRIA] Alfredo Panetta è nato a Locri, in Calabria dove è vissuto fino al 1981. Da allora risiede a Milano dove svolge l’attività di artigiano nel settore infissi in alluminio. Ha partecipato a diversi concorsi di poesia, vincendo, per opere inedite, alcuni premi tra cui il Montale Europa Sezione Inediti nel 2004, il Premio “Città di Galbiate” nel 2006 e il “Laurentum” nel 2007. Nel 2005 ha pubblicato il suo primo libro Petri ’i limiti con la casa editrice Moretti & Vitali di Bergamo (Vincitore del Premio “Il Tripode” a Crotone nel 2007, del Premio “Albino Pierro” a Tursi nel 2007 e del Premio “Lanciano-Mario Sansone” Opera Prima nel 2008, Premio Speciale della Giuria Premio “Delta Poesia).
Le poesie che seguono sono tratte dalla raccolta finalista al Premio Ischitella 2010 Na folia nt’è falacchi (Un nido nel fango)
 

Le poesie di Alfredo Panetta


Ballata d’i cosi i nenti

Mi fidu u viju luntanu a deci metri

nu pùlici zziccatu nt’è pili ’i na crapetta.

All’intrasattu ncuathru nu cristiianu

’i comu signa ’u passu, ’i comu mi saluta.

Mi basta a sira ’u arzu l’occhji ò cielu

pemmu ndovinu quanti gocci jetta

o se domani ’u suli spacca ’i pethri.

 

Eu chistu sacciu e sacciu puru àutru

ma ammata non mparà cu sugnu eu.

 

Juciu nto scuru ’u mònacu di l’àbbitu

e du guardari u servu du pathruni.

Sacciu quand’unu parra ch’è c’ammuccia,

aundi stannu i pacci, aundi i bboni.

’I quali gutti nesci ’u vinu chi mi ciurru

e l’ògghjiu megghjiu ’i quali utri cula.

 

Eu chistu sacciu e sacciu puru autru

ma ammata non mparà cu sugnu eu.

 

Capisciu o volu a mbidia du mulu

quandu senti ’u cavaju galoppari.

O a paghura du sùrici nta tana

mentri ’u serpenti nci ncugna inta a lingua.

Sacciu cu guadagna e mbeci cu è perdenti

ogni juornu c’u mari faci a ruggia

e sburra novi vucchi da spamari.

 

’U Bbeni end’è mmucciatu eu puru sacciu

c’o Mali u trovi aggratis ò mercatu

sacciu c’a Morti esti a giusta misura

ma cu sugn’èu ammata no’ mparà.

BALLATA DELLE COSE DA NIENTE - Riesco a distinguere lontano dieci metri / una pulce sul manto di una capra. / In un istante inquadro una persona/ da come segna il passo, da come mi saluta. / Basta la sera che alzi gli occhi al cielo/ per indovinare quante gocce cadono / o se domani il sole spezza i sassi. // Io tutto questo so ed anche altro/ ma chi son io non ho imparato ancora. // Distinguo al buio il monaco dall’abito / e dallo sguardo il servo dal padrone. // Quand’uno parla ne avverto i sottintesi / so dove stanno i pazzi, dove i savi. / Da quale botte nasce il vino buono / l’olio migliore da quale otre cola. // Io tutto questo so ed anche altro / ma chi son io, non ho imparato ancora. // Capisco al volo l’invidia del mulo / quando sente il cavallo galoppare. / O la paura del topo nella tana / mentre il serpente vi ci infila la lingua. / So chi guadagna, chi invece è perdente / ogni giorno che il mare fa la ruggine / e sforna nuove bocche da sfamare. // Dov’è nascosto il Bene io pure so / che il Male trovi gratis al mercato / so che la Morte è la giusta misura / ma chi son io, non ho ancora imparato.

 





Vicini o nostru xati

Vicini o nostru xati

 

Ogni cebbia d’acqua

è n’Oceanu undi si nata

l’umbra ’i na sipala

esti a folia undi nzonnanu i stiji.

 

Cu voli u nchjiana i muntagni

ndavi u si menti scarpi ch’i pinni.

Cu arriva è bordi d’i nivolati

ndavi u teni llargati l’occhi

ndavi u ncrucia i jidita pe’ sucari

l’arma a ogni rèfulu chi passa.

 

’U figghjiolu perdì ‘u dentuzzu

e non sapi ca si rùppinu tutti

a ogni staggioni chi veni, non sapi

can u pathri perdutu è n’abbattaru

’i doluri pè generazioni a veniri.

 

È curpa d’i morti se simu tutti

scarrichi, e su sempi l’autri

chi ndi caccianu ’u salutu

a tradimentu, in una mattina

di nebbia. Nu c’u xatu vicini

quasi u toccamu i cosi.

 

VICINI AL NOSTRO FIATO - Ogni vasca d’acqua / è un oceano per nuotare / l’ombra dietro il cespuglio / è un nido dove sognano le stelle. // Chi vuole scalare montagne / deve calzare scarpe lordate di piume. / Chi raggiunge i bordi delle nuvole / terrà spalancati gli occhi / incrocerà le dita, per succhiare / l’anima a ogni brezza che passa. // Il bimbo ha smarrito il dentino / e ignora che si spezzeranno tutti / a ogni cambio di stagione, non sa / che il disorientamento del padre sarà / una fucina di dolore per le prossime generazioni. // È colpa dei morti/ se siamo tutti scarichi / e sono sempre gli altri / a levarci il saluto / a tradimento, in una mattina / di nebbia. Noi col fiato vicini / quasi a toccare le cose.