Guido Leonelli




[TRENTINO ALTO ADIGE] Guido Leonelli è nato a Valdaora (BZ) nel 1939, da padre modenese e madre trentina; vive da quasi cinquant’anni a Calceranica al Lago (TN).
Laureato in sociologia, è stato ricercatore del C.N.R., Consiglio Nazionale delle Ricerche.
Scrive versi nel dialetto di Trento. Ha ottenuto buoni riconoscimenti in concorsi a livello triveneto e nazionale con oltre centocinquanta poesie premiate o segnalate
: vincitore, fra gli altri, in quattro edizioni nel “Guido Modena” di S. Felice sul Panaro (MO), “Conte Milone” di San Bonifacio (VR), Enrico Zorzi di Negrar (VR), “Il Rivellino” di Castel Goffredo (MN), “Premio Castello” di Villafranca (VR). È presente con proprie opere in numerose riviste e raccolte antologiche.
Dal 2000 al 2010 ha dato alle stampe le raccolte: "Rèfoi de destràni" (Ventate di nostalgia), "Uce che spónze" (Aghi che pungono),"Sgéve de vita" (Schegge di vita), con ristampa nel 2003; "Amòr en zìnzorla" (Amore in altalena), ristampato nel febbraio 2006, "Sól e nùgole 'n riva al lach" (Sole e nuvole in riva al lago), "Far buti nòvi" (Fare germogli nuovi), "2008 an bisèst" (2008 anno bisestile) ha visto la luce nel gennaio 2009, "La ròda" (La ruota) nel maggio 2010.

Per alcuni anni e fino al termine del 2005 è stato collaboratore del mensile "Terra Trentina", edito dalla Provincia Autonoma di Trento, con una rubrica dal titolo "El cantón del dialèt en vèrsi e 'n prosa". Dal 1999 al 2009 ha collaborato col trimestrale "Tuttapovo", periodico delle Associazioni di Povo, con una rubrica dal titolo "L'angolo della poesia dialettale".
È coautore dell'opera "La voce dei dialetti" in Valsugana, con Tesino, Vanoi, Primiero, Editrice Senza Barriere Onlus, Scurelle (TN), 2007.
Abbina all'hobby per la poesia dialettale una grande passione per la montagna della quale, con il trascorrere degli anni, sempre più apprezza i concerti che la natura sa offrire nei suoi grandi e solenni silenzi. Come escursionista e viaggiatore curioso ed appassionato, oltre a tante cime delle nostre montagne, ha al suo attivo salite e trekking in diversi Paesi. Fra tutti, il Kilimanjaro (dicembre 2003).
Ha pubblicato due guide per escursioni con le racchette da neve sulle montagne del Trentino: "Ciaspolando sulle montagne del Trentino", Cierre Edizioni, 2006 e "Ciaspolando, ciaspolando", Edizioni31, 2007.
 

Vedi anche www.guidoleonelli.altervista.org

14 aprile 2011

Le poesie di Guido Leonelli


No gò paróni

El savé oramài zènt
che mi ghe 'n vègno a scrìver
demò quél che me bóie dént.
El savé che no sopòrto
né giòf né museròla:
no g'ò paróni mi, credéme,
che ve 'l digo per dal bòn
a mi me pias cantar
contènt ma fòr dal còro,
quél che me vèn en mént
cossì 'nté quél momént.
Credéme zènt.
Al dì de ancòi no 'l sarà tant
ma l'è tant de pu che gnènt
e mi són contént cossì
coi me penséri
piéni de sfrizzóni
stornìsie, dispiazéri
che a sitèle i se missia
'mpiturade
nté 'n zògh de lusentìni
che nissùn me smòrza zó.
Credéme zènt
che l'è anca far fadìga
sentìrse 'n pòch maródeghi
farse na pianzùda
de làgrime brovènte
ma 'l zògh cossì l'è nèt
e le passión che scóndo
dént a la me poesìa
tegnìmele da cónt
no sté a trarle via.
L'è 'l cant de na paìgola
o 'l brùzer de na bèstia
ferìda che la ziga
co la vóze che ghe rèsta.

Non ho padroni (traduzione letterale).
Lo sapete ormai gente/ che io sono capace di scrivere/ soltanto ciò che mi bolle dentro./ Lo sapete/ che non sopporto/ né giogo né museruola:/ non ho padroni io, credetemi,/ che ve lo dico davvero/ a me piace cantare/ contento ma fuori dal coro,/ quello che mi viene in mente/ così in quel momento./ Credetemi gente./ Al giorno d'oggi non sarà tanto/ ma è tanto di più che niente/ e io sono contento così/ con i miei pensieri/ pieni di fitte/ vertigini, dispiaceri/ che a lampi si mescolano/ pitturati/ in un gioco di brillantini/ che nessuno mi spegne./ Credetemi gente/ che è anche far fatica/ sentirsi un po' svuotati/ farsi un pianto/ di lacrime bollenti/ ma il gioco così è pulito/ e le passioni che nascondo/ dentro alla mia poesia/ tenetele in considerazione/ non gettatele via./ Sono il canto di un'ugola/ o il mugghiare di una bestia/ ferita che urla/ con la voce che le re
 





Me zògo la vita

Fórsi sto silènzio gréf per le contrade,
sto vènt melèns che ‘l zòga
a svoltolar fòie zamài mòrte,
che ‘l pirla a ‘mpizzar sperèi de case òrbe …

Fórsi la vòia de dirte na paròla
ennànz che ‘l se sèra ancór el ziél,
entél so nar lizér e silenzióso,
sóra a n’altro dì che adès se ‘ngruma …

Fórsi me zògo la vita drìo a coltrìne mute
spetàndo na vóze zita ‘ntél fruar solàgn
de óre amare ‘ntramezzade a ‘nsòni
e scainar de cani ‘n le fizze de la nòt.

Mi gioco la vita (traduzione letterale)
Forse questo silenzio pesante per le contrade,/ questo vento melenso che gioca/ a svoltolare foglie già morte,/ che rotea ad illuminare telai di case cieche …//
Forse la voglia di dirti una parola/ prima che si chiuda ancora il cielo/ nel suo andare leggero e silenzioso/ sopra a un altro giorno che adesso si rapprende …//
Forse mi gioco la vita dietro a tende mute/ aspettando una voce silenziosa nel consumare solitario/ di ore amare intramezzate a sogni/ e guaire di cani nelle pieghe della notte.





Làgreme scondude

Voialtri che ve scondé no se sa ‘ndóve
tant che ragni ‘ntél so bus,
amìzi che lezé quél che mi scrivo
‘nté ‘n dialèt desmentegà,
no sté a fermarve a parole
coìde una a una, zirése malmadùre,
zerché quél fil fin che ‘l le liga ‘ntrà de lóre.

Scavé zó sót entrà le fizze
de zòghi ‘ntorcoladi scampadi fòr,
squasi svoidadi da ‘n còr encarolà.
E se trové, chì e là, na qualche làgrema
sconduda a qualche vèrs,
sughéla su con na mòrbida carezza.
Se repèzza cossì sbrèghi e sfrizzóni:
animèla che l’à finì ‘l stopìn
de na vita sbrindolón che la schechéza.

Lacrime nascoste (traduzione letterale)
Voi che vi nascondete non si sa dove/ come ragni nel proprio buco,/ amici che leggete quel che io scrivo/ in un dialetto dimenticato,/ non fermatevi a parole/ raccolte una a una, ciliegie acerbe,/ cercate quel filo sottile che le lega fra loro.// Scavate giù sotto fra le pieghe/ di giochi arrovellati scappati/ quasi svuotati da un cuore tarlato./ E se trovate, qui e là, una qualche lacrima/ nascosta in qualche modo,/ asciugatela con una morbida carezza./ Si rattoppano così strappi e trafitte:/ fiammella che ha finito lo stoppino/ di una vita a brandelli che tartaglia.





Compìr i ani

Son zamài chì che compìsso i ani
n’altra vòlta e me vèn da girarme ‘ndrìo
cossì come se fa quan che se ‘riva
su ‘n zima a na pontara.
Sarìa ‘n bèl esercìzi, de tant en tant,
enmaginarse de gavér en brut mal
e nascòrzerse, fati fòr da la sonèra,
che la vita la ciapa na luce desgualìva.

Far finta de gavér i dì contadi
per rendérse cónt, en mìgol stralunadi,
che i è contadi per dal bòn.
Strolegar che ‘l parón de la giòstra
el pòda, cossì de cólp, domandarne
en biliét che no avén mai pagà
e, tant che putelòti, piànzer
come vigna a primavéra
perché ‘l ne lassa chì ancór
a far n’altro giro de balèra.


Compiere gli anni (traduzione letterale).
Sono già qui che compio gli anni/ un’altra volta e mi viene da voltarmi in dietro/ così come si fa quando si arriva/ su in cima a una salita./ Sarebbe un bell’ esercizio, di tanto in tanto,/ immaginarsi di avere un brutto male/ ed accorgersi, risvegliati dal torpore,/ che la vita prende una luce diversa.// Far finta di avere i giorni contati/ per rendersi conto, un po’ stralunati,/ che sono contati davvero./ Fantasticare che il padrone della giostra/ possa, così all’improvviso, domandarci/ un biglietto che non abbiamo mai pagato/ e, come bambini, piangere/ come vite a primavera/ perché ci lasci qui ancora/ a fare un altro giro di balera.





Sércio ‘nruzemì

Drìoman che se svizìna ‘l pòrt
e sta vècia barca ‘n cit encarolada
la taca a scriciolar per rèumi ai snòdi
vegnudi ruzenóni, me par che
de soportar se devénta ‘n mìgol pu bòni.

De nòt, quan che ‘l silènzio
‘l se fa pu spés e se pèrde i penséri
drìo a vèce stòrie che no le masna pu,
me védo tant che marionéta,
comparsa de ‘n gran spetacolo
che se sa zamài adès come ‘l finirà.

E seànca che la vernìs l’à za tacà
da ‘n pèz a vegnìr via a scàie,
‘ntél silènzio che l’è ancór el parlar
pu s’cèt, se sénte fòrt la vóze del còr
a coertar el clich de n’archét:
quél sércio ‘nruzemì che adès se sèra
‘nsèma al sipari de sta vècia sèna.

Cerchio arrugginito (traduzione approssimativa)
Via via che si avvicina il porto/ e questa vecchia barca un po’ tarlata/ comincia a scricchiolare per reumatismi alle giunture/ che hanno fatto la ruggine, mi sembra che/ di sopportare si diventi un po’ più capaci.// Di notte, quando il silenzio/ si fa più denso e si perdono i pensieri/ dietro a vecchie storie che non macinano più,/ mi vedo come una marionetta,/ comparsa di un grande spettacolo/ che si sa già ora come finirà.// E sebbene la vernice abbia già cominciato/ da un pezzo a venir via a scaglie,/ nel silenzio che è ancora il parlare/ più schietto, si sente forte la voce del cuore/ a coprire el clic di una tagliola:/ quel cerchio arrugginito che adesso si chiude/ assieme al sipario di questa vecchia scena.