Paolo Procaccini




(LAZIO) PAOLO PROCACCINI, romano di genitori romani, dopo la maturità classica e la laurea in Legge, tenta la strada dell’arte e della cultura. Entra in varie compagnie di teatro sperimentale.

Nel 1975 scopre il dialetto romanesco, come attore e scrittore di testi teatrali e poetici. Frequenta l’Ass. Naz. Poeti e Scrittori Dialettali, il Centro Rom.sco Trilussa, la redazione de la Boccaccia.

Nel 197879 fa parte della compagnia di Checco Durante in 2 spettacoli. Dal 2005 al 2010 è segretario generale dell'A.N.Po.S.Di. Dal 2008 partecipa come Direttore alle attività della neonata Accademia Romanesca.

É consulente del Rugantino. Attualmente si dedica al teatro per l'allestimento di una commedia musicale storica bidialettale della quale è coautore.

Sue opere sono pubblicate, a cura di Lamberto Picconi in Er Patto esatto. Proesie, commediole e racconti brevi in dialetto romanesco, Roma, Edizioni Progetto Cultura, 2010 (www.progettocultura.it)

12-03-2011

 

Le poesie di Paolo Procaccini


Arie

Noi semo palloncini, che volamo,
quanno ciabbotta er soffio de la vita,
ma doppo che quell'aria c'è fenita,
ritornamo pellaccia e s'ammosciamo.





La rota

La rota der tempo sa ciancicà fino:
ciallunga, ciabbotta, ce sguercia, ce piega,
ce mozza le cianche, ce scorcia de sega,
ce macina a tutti e ce scola ar passino.
Chi prima, chi doppo, s'ariva ar destino;
la fine mortale nisuno la nega,
er fine mortale nisuno se spiega.
S'innizzia, crature, un incerto cammino,
che sai da do’ parte e l'arivo nun sai,
addopri na vita e li giorni che ciai,
so’ tanti pezzetti e la somma da fasse,
è para a na striscia, che pò misurasse,
ma, doppo li pizzi, t'affacci sur ... gnente.
De faccia ar busilli ciaresti demente,
te sperdi penzanno a tamanto creato,
t'accorghi esse rota, da quanno sei nato!





Labberinti ner deserto

Ner labberinto de la mente mia
l’amori mejo, che nun so sbocciati
pe fiacca, pe paura o fesseria,
me li trovo, gni tanto, là inguattati.
Ripìeno fòrze ne la fantasia
sti sentimenti bell’e sotterati,
che incoccio ner museo de nostargia
tramezzo a l'antri cocci imporverati.
Scacciati a compromessi da la vita,
ricicceno a un momento de tristezza
e gni inzogno ariapre na ferita.
Poi, ner deserto indove che vivemo,
si je cerco a mi moje na carezza,
me guarda e se domanna si so scemo.





Nuvole

Ner celo se inturcineno cor vento,
pe pitturacce sopra a casa mia
tante crature de la fantasia.
Io ciò st'amiche sole e me l'invento.





Aicu

Li mannoli se spojeno.
Ce so' millanta petali ner vento.
Io sgrullo li pensieri.





Viaggio

Ce lo so, sto in viàggio:
nun so da indove vengo o indove vo.
E nun sapello, poi, nemmanco è brutto,
er bello è scoprì tutto,
scrivendo su li foji ar calennario
er dolore e lo svario,
le puncicate e le risate grasse.
Stirilicchio le carte
pe’ giocà sempre na partita nòva.
Sur tavolino sotto ar finestrino
chi ce fa a scopa e chi ce fa a ramino,
ma chi vince e chi perde,
ar treno nun j’emporta un accidente.