Giampiero Mirabassi


Poesie e un video

Giampiero Mirabassi è nato nel 1942 a Perugia, dove vive ed esercita la professione di avvocato. Ha trascorso di vignettista, umorista (“La legge è uguale per tutti, salvo complicazioni” - Volumnia Ed. 1973; “ Fuga dal Paradiso” Piria Ed. 1994) e illustratore (“Scilla nel tempo “Piria Ed. 2002 ; “Un po' per celia, un po' per non...” Piria Ed. 2008).

Ha sempre scritto, ma solo dal 1995 ha tratto fuori dal cassetto la sua produzione letteraria “seria” in dialetto e in italiano, sia poetica che narrativa, conseguendo lusinghieri riconoscimenti in numerosi concorsi a carattere nazionale ed internazionale.

È l'unico poeta dialettale perugino cui sia stata dedicata una serata dallo storico caffè letterario “Florian” di Venezia (maggio 1996).
 

Le poesie di Giampiero Mirabassi


La mi poetica

Ntra le rogaie de stó scatrafosso
a pel del macco de na tròscia sporca,
dorme l cignale da matina a sera,
sopra n cuvil de scopi e lalleroni.
Pu a notte sorte for de l’infrauschio
e mmezz’ a n macchitello de cerquatti
nfròcia l grugno a asaggià la terra molla
che j à da fa da guida e sentinella.
Alfin ecco la guazza del maggese
e atacca a fa l su solco bongustaio.
Ncontra n tartufo, n verme, n lumacone;
s’afèrma per guardà na cosa tonda
ch’arluccica ntól fondo de na pozza
e mentre l grugno arprende l su lavoro,
la zzanna va a ncoccià n pezzin de stella.
 
LA MIA POETICA - Tra i rovi di questo burrone/ vicino al fango di una pozzanghera sporca,/ dorme il cinghiale da mattina a sera,/ sopra un giaciglio di eriche e corbezzoli./ Poi a notte esce fuori dal folto/ e in mezzo ad un piccolo bosco di quercioli/ affonda il grugno per assaggiare la terra bagnata/che gli deve fare da guida e sentinella./ Infine ecco la rugiada del campo mietuto/ e comincia a fare il suo solco buongustaio./ Incontra un tartufo, un verme, una limaccia;/ si ferma per guardare una cosa tonda/ che luccica nel fondo di una pozza/ e mentre il grugno riprende il suo lavoro,/ la zanna va ad urtare un frammento di stella.
 




Orgójo

N fosso cinino ncó
vol èsse fiume.
E gni tantin ce prova
ma gnarièsce
anche si fa spaurà
quan che s’atizza.
Ta gnènte servirà
ma ntanto spurga
e pò fa l fanfarone
pé n momento
che l miron con temènza
i contadine.
 
ORGOGLIO - Anche un ruscelletto/ vuole essere fiume./ E ogni tanto ci prova/ ma non gli riesce/ anche se spaventa/ quando si inquieta./ A nulla servirà/ ma intanto si ripulisce/ e può fare il fanfarone/ per un momento/ che lo guardano con timore/ i contadini.




Èrme

Umbri èrme
umbri e contadini
nascémme da le pietre
l dónca e la toletta
e l tempo era l cimento
e l pane la fatiga.
Raiche d’ulivo
de sta terra sciutta.
E case costruimme
n cima ai toppi
acòsto al cèlo
ch’era l nostro mare
coi strilli di rondoni
a navigallo.
Te lascio na torraccia
te lascio na torraccia e n campanile.
Te lascio na bastigna
e n’orazzióne
ti lascio tutt’i dó
per divozzióne.
 
ERAVAMO - Umbri eravamo/ umbri e contadini/ nascevamo dalle pietre/ con il dónca e la toletta/ e il tempo era il cemento/ e il pane la fatica./ Radici d’ulivo/ di questa terra avara./ E case costruivamo/ in cima ai colli/ vicino al cielo/ che era il nostro mare/ con le strida dei rondoni/ a navigarlo./ Ti lascio una torraccia/ ti lascio una torraccia e un campanile./ Ti lascio una bestemmia/ e una preghiera/ te le lascio tutte e due/ per devozione.




Ultimi

Nó sémo j ultimi

che gimme a scòla a piedi
coi calzoni corti
la cartella de fibra col guadèrno
e l grembiul nero col colletto e l fiocco.
Che c’émme sopra l banco l calamaro
e ntla saccoccia l pane nostro sciapo.
 
Nó sémo j ultimi
che giocamme a tappini e figurine
mmezzo a le strade senz’avé paura
e gimme giù ple scese a capoficco
sul carrozzon có i cuscinetti usati.
 
Nó sémo j ultimi
ch’ém visto le botteghe
có i boconotti sfusi nti cassetti,
la saponina, la carta moschicida,
l òjo che se comprava a butijne
e l sale fraido drént’a la buca scura.
 
Nó sémo j ultimi
col sacchettin de la canfora
sott’a la camigina
e l santin per giunta, contro le fantignole.
Che ce lavamme i ricci có l’aceto
e li lustramme có la brillantina.
 
Nó sémo j ultimi
che facémme festa pé na pigna,
na merangola, na melagrana.
Ch’ém visto l rosso vero del cocomero,
grande, verdenero, che scricchiava a tajallo.
 
Nó sémo j ultimi
che facémme i bómbli col sapone
per colorà quele stradette buie
del centro, che nn évon visto mai farfalle.
Ch’ém visto l car chi bovi a l’Alberata
nì su per recà l mosto tai padroni
 
Nó sémo j ultimi
che sguillamme ch’i ferretti
sott’a le scarpe nove e rare.
 
Nó sémo j ultimi a sapé
quil che voleva di nn avécce gnènte
e non sentisse poveri.
Sotto stó cèlo,
mmezz’a sti muri,
de sta città.
 
ULTIMI - Noi siamo gli ultimi/ che andavamo a scuola a piedi/ con i calzoni corti/ la cartella di fibra con il quaderno/ ed il grembiale nero con il colletto ed il fiocco./ Che avevamo sopra il banco il calamaio/ e nella tasca il pane nostro senza sale.// Noi siamo gli ultimi/ che giocavamo con i tappini e le figurine/ in mezzo alle strade senza avere paura/ e andavamo giù per le discese a capofitto/ sul carrozzone fatto con i cuscinetti usati.// Noi siamo gli ultimi/ che abbiamo visto le botteghe/ con i maccheroni sfusi nei cassetti,/ la saponina, la carta moschicida,/ l'olio che si comprava portando piccole bottiglie/ e il sale fradicio dentro la buca scura.// Noi siamo gli ultimi/ con il sacchetto della canfora/ sotto la camicina/ insieme ad una immaginetta sacra, contro la poliomielite./ Che ci lavavamo i riccioli con l'aceto,/ e li lucidavamo con la brillantina.// Noi siamo gli ultimi/ che facevamo festa per una pigna,/ un’arancia, una melagrana./ Che abbiamo visto il rosso vero del cocomero, grande, verdenero, che scricchiolava quando si tagliava.// Noi siamo gli ultimi/ che facevamo le bolle di sapone/ per colorare quelle stradette buie del centro,/ che non avevano visto mai farfalle./ Che abbiamo visto il carro con i buoi all'Alberata/ venire su per portare il mosto ai padroni.// Noi siamo gli ultimi/ che scivolavamo con i ferretti/ sotto le scarpe nuove e rare.// Noi siamo gli ultimi a sapere/ quello che voleva dire non avere niente/ e non sentirsi poveri./ Sotto questo cielo,/ in mezzo a queste mura,/ di questa città.




Tran tran

Ddio, stó novembre!
Ma è giorno o no?
Alzasse de sorbe acerbe.
Cercasse ne lo specchio
na scusa d’identità,
n filo de penziero,
che n fusse la fatiga
d’armette adòsso
sta vita gualcita.
N piattin ta i gatti,
n’occhiata al tempo,
scottasse có l caffè
e s’arcomincia.
 
TRAN TRAN - Dio, questo novembre!/ Ma è giorno o no?/ Alzarsi di sorbi acerbi./ Cercarsi nello specchio/ una scusa di identità,/ un filo di pensiero,/ che non fosse la fatica/ di rimettersi addosso/ questa vita sgualcita./ Un piattino ai gatti,/ un’occhiata al tempo,/ scottarsi con il caffè/ e si ricomincia.