Serrao, Zoppi e Luciani alla XXI Arte nel Portico a Roma


In un intenso reading poetico il 23 settembre 2010

Achille Serrao, Rosangela Zoppi e Vincenzo Luciani hanno dato vita il 23 settembre 2010 nel quartiere romano di Colli Aniene ad un intenso reading poetico rispettivamente nei dialetti campano, romanesco e pugliese, intervallato dai brani più popolari della tradizione romana, eseguiti dalla bravissima cantante Luisa Sorci, accompagnata dagli arrangiamenti musicali del M° Giancarlo Damilano.

L’iniziativa, che si è svolta nell’ambito della XXI edizione de L’Arte nel Portico ha, nella sua prima parte, ospitato la presentazione del libro di Achille Serrao “Poeti di Periferie” (Edizione Cofine, 2009), condotta con brio e levità da Riccardo Faiella del Centro di Documentazione della Poesia dialettale Vincenzo Scarpellino.
Faiella in apertura ha sottolineato positivamente l’incontro tra pittura e poesia in occasione della ventunesima edizione de L’Arte nel Portico (molti quadri degli oltre cento espositori adornavano i portici di viale Franceschini e via Ruini) e ha ringraziato gli sponsor della serata: Sogester, Aic (Associazione Italiana Casa), AIT Onlus e il V Municipio per il patrocinio.
Intervistato da Faiella l’autore del libro Achille Serrao ha sottolineato che il titolo del libro “Poeti di Periferie” fa riferimento non solo alle periferie delle città, ma anche alla perifericità della poesia dialettale ed al comporre appartato dei poeti ospitati nel corso degli anni dalla rivista “Periferie”, da lui stesso diretta da molti anni. La rivista edita da Cofine ospita poeti in lingua italiana e in lingua dialettale. Achille Serrao in questo suo volume raccoglie una selezione dei suoi saggi critici già pubblicati nel tempo sulla rivista stessa e dedicati ai vari poeti sia in lingua italiana che nelle diverse lingue dialettali.

Subito dopo ha preso il via la lettura poetica che ha avvinto i numerosi ed attenti spettatori attratti dalla musicalità delle poesie in dialetto campano di Achille Serrao, in dialetto pugliese di Ischitella nel Gargano di Vincenzo Luciani e in dialetto romanesco di Rosangela Zoppi, tutti e tre applauditissimi.

Luigi Polito, l’infaticabile organizzatore dell’Arte del Portico, ha poi premiato i protagonisti della serata con un trofeo rappresentativo della manifestazione, che si è conclusa con il canto trascinante di Luisa Sorci.