Nico Bertoncello




[VENETO] Nico Bertoncello è nato il 1948 a Bassano del Grappa, dove risiede. 

Da oltre vent'anni scrive poesie in lingua e in dialetto veneto.
La natura, la gente e l'intimo spirituale sono i temi più ricorrenti delle sue poesie.

Ha pubblicato 6 raccolte di poesie tra dialetto veneto e in lingua: - "Na sbatua de ae" - Tipografia ISG, Vicenza, 1981;  "E co vien sera" - Ghedina & Tassotti Editori, Bassano del Gr., 1987; "Passaggio segreto" - Stocchiero Editrice, Vicenza, 1992; "El dolse dei cachi" - Editrice Cesar, Vicenza , 1996  ( 2° al premio triveneto  “Aque Slosse 2001”);  “Oltre il fiume, le case, le strade…” – Editrice Itinera progetti, Bassano del Gr., nel 2000;  “I giorni delle pannocchie” – Editrice Veneta, Vicenza, 2003 ( 2° premio nazionale “G. Floriani”, Riva del Garda TN).

Nel 2001 ha edito una cartella artistica “Omaggio a Marostica” contenente otto sue poesie e sei grafiche di Ugo Munari.

Ha partecipato a numerosi concorsi regionali e nazionali ottenendo lusinghieri riconoscimenti, tra cui ricordiamo il primo premio al "G. Modena" - S. Felice sul Panaro (Mo).
Nel 2000 ha ricevuto dalla Città di Bassano del Grappa e dall’Accademia “Aque Slosse” il riconoscimento “Alfiere d’oro” per il suo impegno e per l’alto profilo nella poesia dialettale.

Le poesie di Nico Bertoncello


['A vos del mondo]

‘A vose del mondo 

… e ‘riva ‘a luna

che sbianchesa i muri

e scrive sol scuro

paroe sconte. 

No’ ga voja ‘e seje

de vardare lontan,

fora dal vero

ghe ze massa bordeo. 

‘E fisime strache

se descatija pa’ cunarse,

basta che ‘a vose del mondo

no’ passe pa’ ‘e sfese. 

Man, massa man

me maca i sintiminti

e tira via da la tonbola

solo i me numari. 

Serco so i strosi del core

on canton sconto

pa’ zugare bau-sete

co ‘riva ‘a luan. 

LA VOCE DEL MONDO - … e arriva la luna/ che imbianca i muri/ e scrive sul buio/ parole nascoste.// Non hanno voglia le ciglia/ di guardare lontano,/ fuori dal vetro/ c’è troppo rumore.// Le fantasie stanche/ si sgrovigliano per cullarsi,/ basta che la voce del mondo/ non passi per le fessure.// Mani, troppe mani/ mi ammaccano i sentimenti/ e tolgono dal gioco della tombola/ solo i miei numeri.// Cerco sui sentieri del cuore/ un angolo nascosto/ per giocare a nascondino/ quando arriva la luna. 





'Na paveja

So’ ‘na paveja co’ ‘e ae brusae

se ‘l magon me sofega ‘a vita

e i sogni se rapossa

strachi so zughi despetenai. 

‘E paroe fa giri sensa senso

parché ‘e ga perso ‘a voja

e i sorisi ze scunti so i casseti

de l’armaron dei dì passai. 

Sgrìsoi so ‘e onge del vento

sgrafa ‘a vose del core

‘desso che i giornai conta

robe stranbe del nostro ‘ndare 

e l’anima cussì me more rento

fa seje che se stua e sconde el soe.

‘Na luna nova furego sol scuro

pa’ semenare mejo el doman. 

Vorìa catare i oci de ‘e sisìe

che strissia ‘a matina,

vorìa siensi lunghi de quaderni

pa’ far balare i me colori. 


UNA FARFALLA – Sono una farfalla con le ali bruciate/ se l’angoscia mi soffoca la vita/ e i sogni si riposano/ stanchi su giochi spettinati.// Le parole fanno giri senza senso/ perché hanno perso la voglia/ e i sorrisi sono nascosti nei cassetti/ dell’armadio dei giorni passati.// Brividi sulle unghie del vento/ graffiano la voce del cuore/ ora che i giornali raccontano/ cose strane del nostro andare// e l’anima così mi muore dentro/ come ciglia che si spengono e nascondono il sole./ Una luna nuova cerco al buio/ per seminare meglio il domani.// Vorrei trovare gli occhi delle rondini/ che segnano la mattina,/ vorrei silenzi lunghi di quaderni/ per far ballare i miei colori. 
(da I giorni delle Pannocchie)





Stajon finìa

Là, so i buschi alti

de autunno i laresi

destira i so pensieri

so i trodi del mus-cio; 

nel siensio pì fondo

‘e speranse se pica

so ‘e ponte dei pini,

le caressa el vento. 

On tabàro de neve

querce tuti i ricordi

e ‘e malghe vode

pianse i dì d’istà. 

Qua in paese i camini

scrive sol cieo griso

pagine, ultime righe

de ‘na stajon finìa. 

Stao co’ on sbajàr de cani

e l’anima piena de malinconia. 
 
STAGIONE FINITA – Là, sul boschi alti,/ in autunno i larici/ distendono i loro pensieri/ sui sentieri del muschio;// nel silenzio più profondo/ le speranze si abbracciano/ alle punte dei pini,/ le accarezza il vento.// Un mantello di neve/ copre tutti i ricordi/ e le malghe vuote/ rimpiangono i giorni d’estate.// Qua in paese i camini/ scrivono sul cielo grigio/ pagine, ultime righe/ di una stagione finita.// Sto con un abbaiare di cani/ e l’anima piena di malinconia.