Annalisa Teodorani




[EMILIA ROMAGNA] Annalisa Teodorani è nata a Rimini nel 1978, ma risiede a Santarcangelo di Romagna, dove collabora con il locale Museo Etnografico ad una ricerca sugli antichi giochi di strada praticati nella sua regione. Scrive poesie nella lingua materna fin dalla giovanissima età. È vincitrice di numerosi premi e suoi versi sono stati pubblicati su quotidiani e riviste romagnole, tra cui “Ariminum”, “Confini”, “Graphie”.


OPERE DI POESIA: Par senza gnént, Rimini 1999 (Introduzione di G. Fucci); La chèrta da zugh, Cesena 2004 (Prefazione di A. Brigliadori, postfazione di N. Fattori).

Le poesie di Annalisa Teodorani


I zchéurs dla zènta

Dal vólti a m mètt ma la finèstra

e a stagh da sintói i zchéurs dla zènta:

da spèss i è acsè strach

che la s putrébb sparagnè

la fadóiga d’arvói la bòcca.

Mo se la zcòrr in dialètt

alòura i zchéurs i arciàpa vigòur,

énca al patachèdi,

e u m vén vòia d’andè ad ciòtta

a dói la mi.

 

(da Par senza gnént)

 

I DISCORSI DELLA GENTE – A volte mi metto alla finestra e sto a sentire i discorsi della gente: spesso sono così stanchi che si potrebbe risparmiare la fatica di aprire la bocca. Ma se parla in dialetto allora i discorsi riprendono vigore, anche le sciocchezze, e mi viene voglia di scendere in strada a dire la mia.





L'udòur de sàbdi

A n l’arcórd

l’udòur de sàbdi scapènd da scóla

arcórd snò ch’a séra lizìra

e l’aria datòunda

l’éra tótta da bòi.

 

(da La chèrta da zugh)

 

L’ODORE DEL SABATO – Non ricordo l’odore del sabato uscendo da scuola ricordo soltanto che ero leggera e l’aria intorno era tutta da bere.





E' malàn dla nòta

E’ malàn dla nòta e’sta

te fònd d’una cunchéa svóita

là do ch’u s racói e’ mèr

che ta ne vòid mo ta l sé ch’u i è

e ta l sint quant e’ cambia e’ vént.

 

(da La chèrta da zugh)

 

IL RUMORE DELLA NOTTE – Il rumore della notte sta nel fondo di una conchiglia vuota là dove si raccoglie il mare che non vedi ma sai che c’è e lo senti quando cambia il vento.