Sante Pedrelli




[EMILIA ROMAGNA] Sante Pedrelli è nato nel 1924 a Longiano (Forlì), di cui è stato sindaco dal 1951 al 1958. Ha compiuto, senza laurearsi, gli studi di Lettere moderne nelle università di Bologna e Roma, dove ha anche seguito i corsi per assistente sociale. È stato dirigente sindacale a Forlì, Cesena e Roma, dove risiedette dal 1969 fino alla morte avvenuta l'11 dicembre 2017. Suoi versi sono apparsi in numerose riviste ed antologie.

 

OPERE DI POESIA: L’udòur de vent, Roma 1993 (Prefazione di C. Vivaldi); E’ ghéfal, Faenza 1997 (Prefazione di R. Turci); E’ nòud me fazulètt, Rimini 2003 (Prefazione di P. Civitareale), A gli' ombri, Pazzini Editore, Verucchio, 2009, Extra time, Centro culturale l’ortica, Forlì, 2017


Le poesie di Sante Pedrelli


L'arturan

U mven da pinz sa pens chl i utum d

tla mi chsa si clmb, la bla strda.

Carghm int una machina, Lunzin,

una matina prst u sdvnta prbia.

Mar la sta poch ben e la np vni,

a m s zugh la vita int al parli.

 

(da E nud me fazultt)

 

IL RITORNO Piango se penso che son gli ultimi giorni nella mia casa coi colombi, la strada bella. Mettimi in una macchina, Longiano, una mattina presto si diventa polvere. Maria sta poco bene e non pu venire, mi son giocato la vita dentro le parole.

 





Cuntantezza

La trra de Castl

la lzza venezina,

e staria che la frzz

da tott i cantoun.

Inc da quas,

a btt un c a e munt

a btt un c a e mr,

pu a strll cm i rundun.

 

(da E nud me fazultt)

 

CONTENTEZZA La torre del Castello la loggia veneziana, e questaria che frizza da tutte le parti. Oggi da quass, lancio unocchiata al monte unocchiata al mare, poi strillo come i rondoni.





La surprisa

La matina a stagh s

e a trv e mnd in p,

e mnd che p s-ciup

cm una blla ad savun.

 

(da E nud me fazultt)

 

LA SORPRESA La mattina mi alzo e trovo il mondo in piedi, il mondo che pu scoppiare come una bolla di sapone.