Gianfranco Miro Gori




[EMILIA ROMAGNA] Gianfranco Miro Gori è nato nel 1951 a San Mauro Pascoli, dove tuttora risiede. Poeta, narratore, esperto di cinema, dirige la cineteca del comune di Rimini e l’Associazione Cinema dell’Adriatico. Dal 1999 al 2004 è stato assessore alla cultura del comune di San Mauro Pascoli e dal 2004 ne è sindaco.


OPERE DI POESIA: Strafócc (Versi e storie in dialetto romagnolo), Rimini 1995; Gnént, Villa Verucchio 1998 (Presentazione di P. Meldini, postfazione di G. Bellosi).

Le poesie di Gianfranco Miro Gori


Pinèdi

Te’ pacéugh, tla pòrbia,

t cóich par lasé

e’ ségn dal pinèdi.

L’aqua la impinés

al scarvai, e’ vént

e’ ciócia al garnèli.

Al ròbi andèdi

agli è andèdi, quèli

ch’agli avnirà,

ancòura a n gn’è.

E tè t arvénz

instèch ti tu pi.

 

(da Gnént)

 

PEDATE – Nel fango, nella polvere, spingi per lasciare il segno delle pedate. L’acqua riempie le fessure, il vento risucchia i granelli. Le cose andate sono andate, quelle che verranno, ancora non ci sono. E tu rimani infilato nei tuoi piedi.

 





Nadèl

Nadèl

l era la vz. óglia,

quant che l udòur

dla zambèla

l impinés i nasél,

l insópa e’ paiòis,

e la tu nòna la t dà

zòinch frénch

pr un mandaròin.


(da Gnént)

 

NATALE – Natale era la vigilia, quando il profumo della ciambella riempie le narici, intride il paese, e tua nonna ti dà cinque lire per un mandarino.