Gianni Fucci




[EMILIA ROMAGNA] Gianni Fucci è nato a Montbeliard (Francia) nel 1928, ma sin dall’infanzia risiede a Santarcangelo di Romagna. Ha fatto parte del gruppo di intellettuali santarcangiolesi “E circal de giudizei”, con Rina Macrelli, Tonino Guerra, Nino Pedretti, Raffaello Baldini ed altri. Perito edile, ha esercitato diversi mestieri, dal bracciante agricolo al muratore, dal gestore di ristorante all’aiuto regista con F. Nicolini ed E. Petri, chiudendo la sua carriera lavorativa come bibliotecario della Biblioteca Comunale di Santarcangelo. Storico della sua città, collabora con varie riviste, tra cui “Lengua”, “Tratti”, “Diverse lingue”, “Il lettore di provincia”. Nel 1986 ha avuto il Premio Romagna per la poesia.


OPERE DI POESIA: La mórta e e’ cazadòur, Rimini 1981 (Introduzione di L. Macrelli); Êlbar dla memória, ibidem 1989 (Introduzione di F. Brevini); La balêda de vént, Villa Verucchio 1996 (Introduzione di G. De Santi); E’ bastimént, Pasian di Prato (UD) 1997; Témp e tempèsti, Milano 2003 (Prefazione di F. Brevini); Vènt e bandìri, Rimini 2005 (Prefazione di L. Benini Sforza). Le traduzioni in lingua sono dell’autore, ad eccezione di quelle relative ai testi tratti da La balêda de vént, che sono di G.Lauretano.

Le poesie di Gianni Fucci


E' bastiment

Magari a s’inviarémm t ’na strêda nóva

e a sarémm tótt cuntént

cmè e’ pasaròt da néid ch’e’ fa la próva

e u s mètt te sbòcch de vént.

Ad che mumént ch’e’ spécca e’ su préim vòul

un’òmbra ligra la trapasa e’ sòul.

Mo e’ putrébb ès che da i rivêl dl’insógn’

al vòusi al daga fura t’un êlt mònd

(dvè che niséun l’arspònd)

a strènzti e’ cór t’un pógn.

Ult-éulta ma sti méur

chi ségn stil dla memória

i n fa piò còunt dla stória

i n’arcèra ste schéur.

Se crusêri dla nòta e’ mór e’ vént

ti finistréun e témp u s’impastròcia

ste póri bastimént

e’ viaza tl’aria férma d’una bòcia.

 

(da La balêda de vént)

 

IL BASTIMENTO – Magari c’incammineremo per una strada nuova e saremo tutti contenti come il passero da nido che fa le prove e si mette dove sbocca il vento. Nell’attimo stesso in cui spicca il primo volo un’ombra allegra già trapassa il sole. Ma potrebbe essere che dalle rive dei sogni le voci sbuchino in un altro mondo dove nessuno risponde a stringerti il cuore in un pugno. Lungo questi muri i segni sottili della memoria non tengono più conto della storia non rischiarano questa oscurità. All’incrocio della notte muore il vento nei finestroni il tempo s’impasticcia questo povero bastimento viaggia nell’aria ferma di una bottiglia.





Cme' un susórr

L’è stê che dè, quand dréinta la tu cambra

guèsi e’ parévva ch’e’ fóss éintri e’ mêr,

che a l’impruvéis, t’è trasantéi cla vòusa

ch’la gévva:“E’ sòul, la léuna, la Mafalda:

tott’ ròbi bèli, però ténti in mént:

e’ mònd l’è te su pasê”.

Cmè un susórr

ch’u s sparguiévva alè, tl’aria durêda,

at che gran svéit t’avévvi tònda e’ cor;

at che strémmal lizìr

cmè un vòul ad pavaiòta sòura un fióur.

 

(da Témp e tempèsti)

 

COME UN SUSSURRO – È stato quel giorno, quando nella tua stanza quasi sembrava fosse entrato il mare, che all’improvviso, hai percepito quella voce che diceva: “Il sole, la luna, la Mafalda tutte cose belle; però ricordati: il mondo è nel suo passare”. Come un sussurro che si propagava lì, nell’aria dorata, in quel gran vuoto che avevi attorno al cuore; in quel fremito leggero come il volo di una farfalla sopra un fiore.