Giuseppe Bellosi




[EMILIA-ROMAGNA] Giuseppe Bellosi è nato nel 1954 a Maiano Nuovo di Fusignano (Ravenna) dove vive. Impiegato presso la Biblioteca comunale “C. Piancastelli” di Fusignano, ha contribuito con numerose pubblicazioni specialistiche alla documentazione ed allo studio del folclore e della letteratura dialettale della Romagna, affiancando a tale attività la ricerca poetica in dialetto. Collabora con diverse riviste, fra le quali “Il lettore di provincia”, “Tratti”, “Cartolaria”, “La Piê”.

OPERE DI POESIA: D’int al tër, Lugo 1973; Al foi di bdol, Lugo 1974; I segn. Puisèj in rumagnól, Ravenna 1980; E’ paradìs., Forlì 1982; E’ paradis., Faenza 1992 (con una letturadi L. Melandri); L’invéran, Lugo 1993; Bur, Venezia 2001, che recupera la raccolta precedente.

Le poesie di Giuseppe Bellosi


Nujétar

A cve in vôlta da nó

a scuren nench la dmenga in rumagnôl.

D’invéran i vec i pôrta incóra

la caparëla,

e tot quènt i ten dri a la lona

s’l’è óra d’mazê e’ pôrch.

Nenca me a salùt i murt

s’a pës dnenz a e’ cavsânt.

 

(da I segn)

 

NOI – Qui intorno a noi parliamo anche la domenica in romagnolo. D’inverno i vecchi portano ancora il tabarro, e tutti prestano fede alla luna se è ora di ammazzare il porco. Anch’io saluto i morti se passo davanti al camposanto.

 





D'la'

La strê sfaltêda l’ariva sot’a e’ pont,

la rata la va so d’böta

ins e’ rivêl cvért d’érba.

Da cl’êtra pêrt la strê giarêda,

i sid,

la zent ch’angn’ò maj scórt.

 

(da I segn)

 

DI LÀ – La strada asfaltata arriva sotto al ponte, la salita va su di colpo sulla riva coperta d’erba. Dall’altra parte la strada ghiaiata, i poderi, la gente con cui non ho mai parlato.