Paula Gallardo e Achille Serrao sposi


A Roma il 17 settembre 2007

ROMA 18 settembre 2007 - E' stata festa grande per il matrimonio di Achille Serrao e Paula Gallardo celebrato il 17 settembre nella suggestiva sala comunale di Villa Lais.
Il capogruppo capitolino dell’Ulivo Pino Battaglia che li ha uniti in matrimonio ha sottolineato in un breve discorso il valore artistico degli sposi e il loro impegno profuso nella diffusione della cultura musicale e letteraria nella periferia di Roma.

Alla cerimonia erano presenti tra gli altri l’anziana madre di Serrao ed i genitori di Paula giunti dall’Argentina. Oltre ai parenti degli sposi era presente una folla di amici e tra questi i componenti del coro “Accordi e Note” che hanno circondato di affettuose manifestazioni di gioia e accolto con una una pioggia di riso all’uscita dall’angusta sala gli sposi. Achille e Paula, sorridenti e commossi si sono prestati con grande disponibilità per le numerosissime foto ricordo.
Paula Gallardo, argentina di origine, ma da moltissimi anni residente nella Capitale, è diplomata sia in composizione, presso il Conservatorio di Perugia, che in “Didattica della Musica” presso il Conservatorio statale di La Plata in Argentina dove da anni si sviluppano metodologie moderne di insegnamento della musica ai più giovani. E’ direttrice artistica della Manifestazione “Incontro Corale” e del Coro “Accordi e Note”.
AchilleSerrao, direttore della rivista “Periferie” e del Centro di documentazione della poesia dialettale “Vincenzo Scarpellino”, è attivo nel panorama culturale italiano da oltre 30 anni. Ha pubblicato molte raccolte di poesie (Lista d’attesa nel 1979 e L’altrove il senso nel 1989 in lingua; Mal’aria nel 1990, Semmènta vèrde (Semenza verde) nel 1996 e altre in dialetto campano), libri di racconti (Scene dei guasti nel1978 e Retropalco nel 1995), antologie poetiche tra cui Il pane e la rosa. Antologia della poesia napoletana dal 1500 al 2000 e nel 2005 anche una riduzione teatrale della vita di Salvatore Di Giacomo.

Pubblichiamo qui di seguito una poesia inedita dedicata a Paula ed Achille da Vincenzo Luciani.

U REHALE (IL REGALO)

Na ciampate de rena
na vuliva,
na zica ziche u vende
d’a Ville de Schetedde,
e na cuchigghje addone
resciate u mare nostre;
ji tutte cose hé cumigghjate
pe doje fronne e cumune
inta na cruvecedde.

Sopa sope c’hé misse
na bella portahalle
e na dolcette
e pe bigliette, tècchete sta pojesie. 

Po’ jesse che jè poche,
(“sparagne e cumparisce”!),
e pu rehale vuje nun ne vulite.

Ma e vote avaste che sciusce ddu vende
che ha semuste d’a rena
ddone che ce jè revòvete ddu mare
che adduce dda canzone…

Nu jurne me ne jeve p’a vie d’i Funtanelle
Nu jurne me ne jeve p’a vie d’i Funtanelle
ce stevene tre ggiovene bbelle
ce stevene tre ggiovene bbelle
che lavavene i panne…
E ji me l’hé capate la cchiù bbelle de tutte
e ji me l’hé capate la cchiù bbelle de tutte
e sopra il mio cavà
e sopra il mio cavalle
me le so’ purtate

IL REGALO - Una manciata di sabbia / un’oliva, / un poco poco di vento / della Villa di Ischitella / e una conchiglia dove / rifiata il mare nostro, / io ogni cosa ho coperto / con due foglie di limone / in un cestino / Sopra ogni cosa ho messo / un’arancia bella / e un dolcetto di mandorla / e per biglietto questa poesia. // Può darsi che sia poco, (“risparmia e fai bella figura!”) e poi voi regali non ne volete. // Ma alle volte basta che soffi quel vento, / che ha smosso quella sabbia / dove  si è rivoltato quel mare / che riporta quella canzone… Un giorno me ne andavo per la via delle Fontanelle / c’erano tre giovani belle  / che lavavano i panni... // E io mi sono scelta la più bella di tutte / e sopra il mio cavallo / me la sono portata.