Mario Mastrangelo


Poeta in dialetto di Salerno

[CAMPANIA] Mario Mastrangelo (Salerno, 1946), compone versi nel dialetto della sua città, ed ha pubblicato finora sei raccolte di poesie: ‘E penziere r' 'a notte (I pensieri della notte), 1992; 'E terature r' 'a mente (I cassetti della mente ), 1994; 'E ttégole r' 'o core, (Le tegole del cuore), 1997; 'O ccuttone cu 'a vocca (Il cotone con la bocca), 2000, Addó ‘e lume e ‘i silenzie (Dove i lumi e i silenzi), 2004 e Si pe’ piacere appena appena parle (Se per piacere appena appena parli), 2007. 

Sulla sua poesia hanno espresso giudizi lusinghieri numerosi critici e poeti. Commenti alla sua opera sono inseriti in volumi di critica letteraria e presenti sulle riviste Pòiesis, il Belli, Periferie, Voci dialettali, Ciàcere en trentin, Incroci, Città di Vita, Silarus.

Sue poesie, con traduzione in inglese, sono presenti sul sito americano “Italian Dialect Poetry”, curato da Luigi Bonaffini, della City University of New York.

Ha vinto numerosi premi letterari. Diverse sue composizioni sono pubblicate su riviste e raccolte in antologie (tra queste: Poesia degli anni Novanta, Pòiesis, Roma, 2000; Il pensiero poetante, Il viaggio, Genesi Editrice, Torino, 2004); Scritture frammentarie (sull’inquietudine dialettale) di Luciano Zannier, edizioni del silenzio, Udine, 2005; Antologia della poesia erotica contemporanea, Atì Editore, Milano), 2006; 15 poeti per Ischitella, 2006, Edizioni Cofine, Roma; Stagioni, Editrice Lietocolle, 2007.

È consigliere nazionale dell'Associazione Nazionale Poeti e Scrittori Dialettali (Roma).

 

Le poesie di Mario Mastrangelo


E tutto fosse

Addummannava sultanto ca ‘o cielo,
ca llà ncoppa allargava ‘e scelle eterne,
s’avvicinasse p’ ‘o ‘nciprià ‘e silenzio,
ca venessero abbascio ‘e campanile
r’ ‘e nnuvole ch’ ‘e spuma erano fatte,
s’acalassero quase a tuccà nterra,
fino a farlo affunnà
‘nt’ ‘a na vammacia ‘e latte,
e tutto fosse na tuvaglia fresca
spasa pe’ ddà â jurnata addore ‘e festa.
Già se senteva ncopp’ â pelle ‘e mmane
immense ca ‘o pittavano ‘e celeste. 

E TUTTE FOSSE – Chiedeva soltanto che il cielo, / che là sopra allargava le ali eterne, / s’avvicinasse per incipriarlo di silenzio, / che venissero giù i campanili / delle nuvole che di spuma erano fatti, / si abbassassero quasi a toccar terra, / fino a farlo affondare / in una bambagia di latte, / e tutto fosse una tovaglia fresca / stesa per dare alla giornata odore di festa. // Già si sentiva sulla pelle le mani / immense che lo dipingevano di celeste.





Viate

Viate, sì, viate
a vvuje ca ve site pusate
ncopp’a l’albero eterno ca se veste
sulo r’ ‘e foglie ‘e silenzio celeste.
A vvuje ca già putite mette ‘e piere
e affunnà rint’ ê ccose
ca  mo putimmo sulo sperà e crére.
Nuje stammo, e chi sa fino a quanno,
ancora vulanno e vulanno.
Ma com’a tanno stennìtece ‘e mmane
forte e càvere ‘e pane,
vuje ca già site parte ‘e chella fiamma
addó, gelate, ‘e ce accustà cercammo. 

BEATI – Beati, sì, beati / voi che vi siete posati / sull’albero eterno che si veste / solo delle foglie di silenzio celeste. // Voi che già potete mette i piedi / e affondare nelle cose / che ora possiamo solo sperare e credere. // Noi stiamo, e chi sa fino a quando, ancora volando e volando. // Ma come allora stendeteci  le mani / forti e calde di pane, / voi che già siete parte di quella fiamma / dove, gelati, cerchiamo di accostarci.





Tanta gente, tanta facce

Se ‘ncontra tanta gente, tanta facce,
ma nisciuna ca riesce a fà surrise,
se cuntinua accussì pe’ ore e ore,
si quaccuno parlasse
se veresse ‘mpruvviso nu chiarore,
s’illuminasse ‘o nniro
‘e stu cammino ca tenimmo annante,
e ca se fa, campanno,
sempe cchiù incerto, sempe cchiù pesante.
E nun sapimmo niente uno ‘e l’ate,
e stu nniente ce abbasta,
azzecate, vicine tutt’ ‘e juorne
e scunusciute, è amaro stu cuntrasto.
E nisciuno ca guarda cu dulcezza,
tanta è sta gente, tante songo ’e ffacce,
se cammina cu l’uocchie ‘e preta perse
rint’ ô griggiore friddo ca ce abbraccia.
 

TANTA GENTE, TANTE FACCE – Si incontra tanta gente, tante facce, / ma nessuna che riesce a fare sorrisi, / si continua così per ore ed ore, / se qualcuno parlasse / si vedrebbe improvviso un chiarore, / s’illuminerebbe il buio / di questo cammino che abbiamo davanti, / e che si fa, vivendo, / sempre più incerto, sempre più pesante. // E non sappiamo niente uno dell’altro, / e questo niente ci basta, / incollati, vicini tutti i giorni / e sconosciuti, è amaro questo contrasto. // E nessuno che guarda con dolcezza, tanta è la gente, tante sono le facce, / si cammina con gli occhi di pietra persi / dentro il grigiore freddo che ci abbraccia.





Vocche

Nun site cose, juorne, terre, gente,
mmiez’ ô tiempo ca ncuoll’a vvuje s’avventa,
ma tante e tanta vocche ca ricite
tutte nzieme ‘a buscia bella r’ ‘a vita.  

BOCCHE – Non siete cose, giorni, terre, genti, / in mezzo al tempo che addosso a voi s’avventa, / ma tante e tante bocche che dite / tutte insieme la bugia bella della vita. 




Chistu viento


Chistu viento ca scioscia è chillu mio
(uno passa na vita
cu tutt’ ‘o mmale e ‘o bbene
e s’accorge ca sulo
nu viento l’appartene),
è chillu mio, m’ ‘o ssento,
ca forte arriva cu nu sciato azzurro
e – pe’ mme chesta è n’esperienza nova –
me piglia rint’ ê mmane e ‘a ccà me schiova.
E io me faccio foglia,
addevento cumeta, vela, piuma,
vaco verso ‘e cunfine, l’attraverso
e ‘i gioia finalmente me cunzumo.

QUESTO VENTO – Questo vento che soffia è quello mio / (uno passa una vita / con tutto il male e il bene / e si accorge  che solo / un vento gli appartiene), / è quello mio, lo sento, / che forte arriva con un fiato azzurro / e - per me questa è un'esperienza nuova - / mi prende nelle mani e da qua mi schioda. // E io mi faccio foglia, / divento aquilone, vela, piuma, / vado verso i confini, li attraverso, / e di gioia finalmente mi consumo.