Da Settimo Torinese un omaggio al premio Ischitella-Pietro Giannone


IL 22 e 23 con un reading dei poeti dialettali, Bertolino, Pinaffo, Pennisi e Luciani ed i gruppi musicali Almas e TerrAnima

Si è svolta il 22 e 23 settembre 2007 a Settimo Torinese, all’insegna di poesie e musiche della tradizione folclorica una interessante e partecipata due giorni in omaggio al Premio di poesia in dialetto Città di Ischitella-Pietro Giannone, organizzata dall’amministrazione comunale, in collaborazione la Biblioteca e la Fondazione ECM (Esperienze di Culture Matropolitane).

Sabato 22 settembre presso la Suoneria – Casa della Musica, in via dei Partigiani 4, si è tenuta una lettura di testi poetici nei dialetti pugliese, siciliano e piemontese di tre poeti vincitori del premio Ischitella-Pietro Giannone Remigio Bertolino, Giancarla Pinaffo, Renato Pennisi e di Vincenzo Luciani, poeta e organizzatore del premio stesso.

La serata è stata introdotta da un saluto del Sindaco di Settimo Aldo Corgiat Loia che ha espresso l’auspicio di potere, attraverso questa manifestazione, “contribuire allo sviluppo di una forma espressiva artisticamente compiuta e capace di evocare sentimenti di amicizia e di autentico interesse per la diversità delle tradizioni e la specificità delle culture”. Pietro Comparelli, assessore alla Cultura del Comune di Ischitella (gemellato con Settimo Torinese), anche a nome del sindaco Enzo Basile, ha espresso la gratitudine del centro garganico “per l’ospitalità e per la valorizzazione del premio letterario che va a rinsaldare un legame già forte tra le nostre due comunità”. Il presidente della Giuria del Premio Ischitella-Pietro Giannone Franzo Grande Stevens ha sottolineato il valore nazionale del Premio intitolato allo storico e giureconsulto Pietro Giannone, nativo di Ischitella e morto a Torino (e di cui egli si onora di essere discendente); ha inoltre affermato che “i dialetti sono le lingue che ci richiamano alla storia della nostra nazione”.

Un affettuoso saluto è stato anche rivolto dall'assessore alla Casa del Comune di Torino Roberto Tricarico (ischitellano di nascita). La direttrice del Centro Studi Piemontesi Albina Malerba ha definito l’iniziativa come “la serata delle piccole patrie” di cui i poeti sono espressione ed ha presentato i poeti Bertolino, Pinaffo, Pennisi e Luciani che si sono poi alternati nella lettura dei loro testi, dapprima letti in traduzione dai bravissimi attori Manuela Massarenti e Orlando Manfredi.

Le letture sono state intevallate da brani della tradizione folclorica italiana eseguiti dall’applauditissimo e trascinante gruppo musicale“Almas”.

Un plauso particolare meritano il direttore della Biblioteca Civica Multimediale di Settimo Riccardo Ferrari, ottimamente coadiuvato da Loredana Prisco, per la ricerca e la cura dei testi e dei dati biobibliografici degli autori intervenuti contenuti in un opuscolo, molto ben curato (disponibile presso la Biblioteca), intitolato: La poesia dialettale pugliese, siciliana, piemontese.

Il 23 settembre in piazza della Libertà, il Gruppo TerrAnima di Monte Sant’Angelo ha eseguito Canti popolari del Gargano, riscuotendo un vivissimo successo.

L’assessore alla Cultura di Settimo Antonello Ghisaura, in conclusione della due giorni e riscontrato il successo dell’evento, ha assicurato che lo stesso dovrà avere un proseguimento anche nei prossimi anni. Infatti la manifestazione “può rinsaldare i vincoli culturali non solo con Ischitella, che nella cittadina piemontese vanta una folta e laboriosa presenza, ma anche con cittadini emigrati e figli di emigrati dalle diverse realtà del paese e che, grazie ai poeti dialettali, potrà portare a Settimo le espressioni dei poeti delle ‘diverse lingue’ d’Italia”.

25-09-2007

videointervista