Riccardo Sgaramella




(PUGLIA) RICCARDO SGARAMELLA, secondo classificato al Premio Città di Ischitella 2007, è nato a Cerignola (FG) nel 1949 ed è laureato in lingue e letterature straniere. Ex docente di inglese nelle superiori è in pensione dal 2006.

Ha pubblicato raccolte di poesia in italiano: Io e me (1992), Versi contro…versi (1993), in dialetto: Tra Folk e Bi…folk (1991)/ II ed. (2006); opere sul dialetto di Cerignola: Il Dialetto di Cerignola. Analisi filologica e contrastiva della nostra parlata (1994), Dizionario storico-etimologico dei cognomi e soprannomi di Cerignola (1998). È pure autore dei testi teatrali: Se squilla il telefono; La girandola (1989). Sta curando la pubblicazione di Uno strappo nei calzoni (teatro), Il “se” e il “so”, appunti sul concetto di cultura (saggistica) e Dizionario etimologico comparato del gergo di Cerignola (dialettologia).

Le poesie che seguono sono tratte dalla raccolta Macchje de gnostr, seconda classificata al Premio nazionale di poesia in dialetto “Città di Ischitella-Pietro Giannone” 2007

Le poesie di Riccardo Sgaramella


Macchje de gnostr

Ngalabbus

inda stu vecchie

quadern a cangell

macchje de gnostr

nergh

macchje de gnostr

blu….

I’ non capisce cchjù!

Sò gghjummeridd d’aneme

o groume de tubbijre?

La chjopp o pete

macchje de gnostr rouse

macchje de gnostr cru…

I’ non capisce cchjù!

Sò sstriddje de laturn

o sfrecule de jurn?

La rene mbacce!

Macchje de gnostr verd

macchje de gnostr russ…

cche gheje tutt stu luss?

I’ non capisce cchjù….

 

MACCHIE D’INCHIOSTRO – Incarcerate / in questo vecchio / quaderno a quadretti / macchie d’inchiostro nero / macchie d’inchiostro blu / io non capisco più! / son gomitolini d’anima / o grumi di elucubrazioni? / In pastoie / macchie d’inchiostro rosa / macchie d’inchiostro cru… / io non capisco più! / son schizzi di lamenti / o scagliette di luce? / la sabbia sul viso! / macchie d’inchiostro verde / macchie d’inchiostro rosso / cos’è tutto questo lusso? / io non capisco più….




Cameine e cameine….

Gousce no mme vè d’asseje cu cors!

È megghje rete rete!

Pigghje a ccacchje na strete 

ca non canosce e veche!… u pete me port!

La chepe non tand m’apport!

Aggeire nu pouche a-vvacand

pou spacche mmizz mmizz, veche

criaturedd all’avvendoure… e cameine!

Casere ammendunete, facce mè vist

ma poure furest ch’ lloure è stu crist!

M’u ddeice na mene andeiche

ca scazzeche i pann rete a nna vetrine;

E cameine! ….Cameine e ccameine!

Mbitt nu pesemoure!

Cume nu pisceke, mbitt, s’ò meise a gavetè!

 E’ umete! Umete assè! Voule fè de’ stizz….

me ferm sott a nnu bbalcoune

ma non chjouve!

L’acque!....affort vè

auann l’acqua nouve!

Assoule assoule annota volt

 la gamm nnand se ’ngameine.

Fort... fousce nu remoure fort

 apriss a nu uagnoune soup o motoreine!

E cameine!

Nghepe…

affoure affoure nghepe

penzijre e parole

 se sfessene cume i chene!

Strend inde-i sacche i mmene

chiene d’arje…chiene!

E ccameine...!

CAMMINA…CAMMINA… - Oggi non mi va di uscire per il corso/ meglio per vie periferiche / imbocco a caso una strada che non conosco / e mi avvio…. /alla mercè dei miei piedi/ non ci sto tanto con la testa! / Giro un po’ a vuoto / poi svolto e mi addentro, mi do / ad un’avventura bambina / e cammino!... /Case ammassate, facce mai viste / ma anch’io sono per loro uno straniero! / Me lo dice una mano antica / che scosta i panni dietro una vetrina /…e cammino! cammino e cammino! / Sul petto un peso! / come un sasso, sul petto ha preso dimora! / C’è umidità! Ce n’è parecchia!...forse pioverà un po’…  mi fermo sotto un balcone / ma non piove! / non ne vuole sapere /quest’anno di darci la sua acqua! / Meccanicamente di nuovo / mi rimetto in cammino. / Forte...scappa un forte rumore / al seguito di un ragazzo sul motorino! / E cammino…! / in testa… /in lungo e in largo, in testa / pensieri e parole s’azzuffano come cani! / Serrate, nelle tasche, le mani/ piene d’aria…piene! / E cammino…!





Allatteme

Allatteme, menè!

No mme luann la menn!

Allatteme!

No me lassann assutt!

Famm suchè i capicchje

addò stu coure trouve

la coll chi menoute.

Allatteme, frescekou’!

Allatteme puleite!

Nu peile è moue la veite

s’arrete me si’ zeite!

Abballeme, menè!

Fatt tenè mend!

I’ te vogghje send!

E tu po’ sind a mme!

 

ALLATTAMI - Allattami, ragazza! / Non mi svezzare! / allattami! / Non mi lasciare a secco! / fammi succhiare i tuoi capezzoli / dove il mio cuore trova / il collante del tempo. / Allattami, sbarazzina! / Allattami senza infingimenti! / La vita ha ora la leggerezza di un pelo / se mi ti concedi ancora! / Danza per me, ragazza! / Fatti guardare!/ Io ti voglio sentire! / E poi tu sentirai me!





Bbazzeche la reime

A ppeile nvirs

i’ nnand e tou appriss!

ma da ghess preime

so semb pirs!

Volt e ggeire, pestrigghje,

  arrengh quatt virs:

o post de la chepe

mett l’igghje

bbazzeche la reime:

la lass nu pouche, la repigghje

l’aggiust ch’ la leime

ch’ ddeice u fatt megghje

pou la lecenzje

la mett a-cchepesott

appese a sstaggiunè

ma quedd non ze stè

s’azzezz semb appreime

me fece la faddouse

seccand e ffaffellouse!

Bbazzeche la reime?

Vabbù è ditt seine,

abbast ca ogne ttand

se stè a-rraseleine

e non fece la ndregand

cume nna petreseine!

 

BAZZICO LA RIMA - Al contrario / io avanti e tu appresso!  ma invece di esser primo / vengo dopo! / Arzigogolo, pasticcio / metto in fila quattro versi: / metto l’inguine / al posto della testa / bazzico la rima / la lascio un po’, poi la riprendo / la limo / per raccontare meglio il fatto / poi me ne libero / la metto a testa in giù / appesa a stagionare / ma quella mi fa fesso / si piazza sempre prima / scocciante e parolaia! / bazzico la rima? / Che ci posso fare? / Basta che ogni tanto / si metta a lato / e non faccia l’impicciona / come il prezzemolo!