Vincenzo Luciani


Poeta in dialetto garganico di Ischitella e in italiano

(PUGLIA-Gargano) Vincenzo Luciani è nato nel 1946 a Ischitella nel Gargano. Emigrato giovanissimo in Umbria, poi a Torino, infine a Roma dove dirige il mensile Abitare A, è fondatore dell’Associazione culturale e della rivista di poesia Periferie. Ha fondato, con Achille Serrao, e dirige  il Centro di documentazione della poesia dialettale “Vincenzo Scarpellino”. 


Ha esordito con la raccolta di poesie in italiano Il paese e Torino, Roma, Salemi, 1985.

Per le Edizioni Cofine di Roma ha pubblicato: Vocabolario ischitellano, nel 1994; Ischitella (guida storica, proverbi, detti, soprannomi e vocabolario) e Poesie e canzoni ischitellane, nel 1995; I frutte cirve nel 1996 e, nel 2001, Frutte cirve e ammature (raccolte di poesie in dialetto ischitellano); nel 2005 Tor Tre Teste ed altre poesie (1968-2005) e, nel 2012 La cruedda (poesie in dialetto ischitellano).
Ha pubblicato per le Edizioni Cofine i saggi sui dialetti e la poesia di Roma e del Lazio: La regione invisibile (con Silvia Graziotti, 2005); Le parole recuperate. Poesia e dialetto nei Monti Prenestini e Lepini (2007); Dialetto e poesia nella Valle dell’Aniene (2008); con Riccardo Faiella, Le parole salvate. Dialetto e poesia nella provincia di Roma: Litorale nord - Tuscia romana - Valle del Tevere (2009) e Castelli Romani e Litorale sud (2010), Dialetto e poesia nei 121 comuni della provincia di Roma (2011), con Anna Corsi e Valentina Cardinale ha pubblicato infine Dialetto e poesia nei Monti Lepini (2012) e Dialetto e poesia nei 33 comuni della provincia di Latina (2014).

 

Le poesie di Vincenzo Luciani


I radeche piccenenne

A li cristiane, i nemale, i case, i cose

ji nun m’attacche cchiù. Ji u sacce quante

jè amare e dole pu lassalle ntronche,

e a pedda mia jè fatte cume a nu tronche

de mènele. Jè inùtele che allisce,

jsse raspuse jè, nun ce fa stregne.

Forse sarrà pecché (tempe jè passate,

ma ’n mmente m’jè rumaste cume inchiuvate)

i ràdeche piccenenne che m’hanne sciuppate,

tant’jè state u delore, so’ seccate:

terre ddove affunnà nun vonne canosce.

 

 

LE PICCOLE RADICI - A persone, animali, case e cose / io non mi lego più perché so quanto / è amaro e duole poi troncare tutto. /  La pelle mia è diventata un tronco / di mandorlo. Ogni carezza è inutile, / sempre ti graffia e non si vuol far stringere. / Forse sarà perché (tempo è passato, / ma in mente il ricordo è così inchiodato) / quelle radici piccole strappate / per il troppo dolore son seccate: / terra in cui affondare più non cercano.




Na vulepette roscia

T’hé ditte: belle. Allassacrese. Roscia

abbampate te ne si’ fijute,

a caste lesta leste si’ trasciute:

na vulepette roscia che ce nforchie,

nu llampe che ridenne dd’ucchie acceche.

 

E mmocche a mme vulije de frutte cirve.

 

UNA VOLPETTA ROSSA - Ti ho detto: bella. All’improvviso. Rossa / avvampata te ne sei fuggita, / a casa lesta lesta sei entrata: / una volpetta rossa che si rintana / un lampo che ridendo gli occhi acceca. // In bocca a me voglia di frutti acerbi.





Nu vele de sonne

Signore, a mamme mantìnele i senze,

n’a facenne suffrì, pòvera cristiane;

falle capì ch’u figghje (sta lundane)

pure se nun a vede, sempe a penze.

Tu che a la mamme tue l’hé affrangate

u delore d’a morte e te l’hé pigghjate

facènnela nghianà assunde ’n cele,

tu sope a mamme mije stinne nu vele

de sonne chjne chjne, cume a quidde

che angappe a nu criature allassacrese

ammezze u cante de na ninna nanne

e le fa cadè ’n terre u iucaredde.

 

UN VELO DI SONNO - Signore, a mamma, conservale i sensi, / povera donna, non farla soffrire; / falle capire che il figlio lontano / sempre la pensa pur se non la vede. /  Tu che alla mamma tua hai risparmiato / il dolore della morte e l’hai accolta / facendola salire assunta in cielo, / sopra alla mamma mia stendi un velo / di sonno pieno pieno come quello / che avvince all’improvviso un bambinello / a mezzo il canto di una ninna nanna / e il giocattolo fa cadere in terra.




U talèfene

Ruspegghjate, manghe me n’afide

de avezà.

Nente o quase nente

tenghe che fa.

Fame, no che nun me tene fame.

A vocche jè amare,

pe gesecrìbbece se jè amare.

Na negghje (e che negghje) dafore

ha cavutate u cele.

Nu cazze, nun ce vede

nu cazze. Ji me tramente i mure

(quanne ce bianghijeje?)

a culunnette, u cumò,

u armadie (u specchie, noo!)

U talèfene.

Surde.

IL TELEFONO - Risvegliata, nemmeno ce la faccio / ad alzarmi. / Niente o quasi niente / ho da fare. / Fame, no che non ho fame. / La bocca è amara. Per gesucribbio se è amara. / Una nebbia (e che nebbia) lì fuori / ha svuotato il cielo. / Un cazzo, non si vede / un cazzo. Io mi guardo i muri / (quando si dà il bianco?) / il comodino, il comò / l’armadio (lo specchio, noo!) // Il telefono. / Sordo.





Parole

Ji notte e gghjurne vaje secutanne

parole. A une a une

i cape e i accragne

peje nu macerare che na macere

adda reje bella tese quatre e squatre

pe mantenè dda poca terre

che fa campà, ché pe gghjesse

campàme...

 

Ji accumponne e scumponne i parole

cume ce accumponne e scumponne nu joche,

na vote amice e n’ata vote allite.

 

Jucanne p’i parole

ji retorne guaglione.

Nu sciate avaste a scumugghjà

sotte a cènere u foche

d’u tempe de na vote...

 

 

PAROLE - Io notte e giorno inseguo / parole. Ad una ad una / le scelgo e le accatasto / come un maceraro che una macera / deve ordinare dritta e squadrata / per sostenere quella poca terra / che fa campare / ché per essa / campiamo... // Io compongo e scompongo le parole / come si compone e si scompone un gioco, / una volta amici e un’altra volta nemici. // Giocando con le parole / io ritorno bambino. / Un fiato basta a scoprire / sotto la cenere il fuoco / del tempo di una volta...