Vito Moretti


Poeta in dialetto Abruzzese

(ABRUZZO) Vito Moretti è nato a San Vito Chietino nel 1953. Ha pubblicato N’andica degnetà de fije, Catanzaro, Ediz. Premio, 1984; La vulundà e li jurne, Roma, Ediz. dell’Ateneo, 1986, pref. Ernesto Giammarco; Déndre a na storie, Firenze, Editoriale Sette, 1988, pref. Tullio de Mauro; ‘Nnanze a la sorte, Venezia, Marsilio Elleffe, 1999.

 

Le poesie di Vito Moretti


Ma sott’a li pide la tèrre

Quande che nu jurne, forse,

o quande che nu mumènde à durate

sotte le poppe humbie de jacce

stu lùteme autunne,

forse quande che nu stucche la piove

sopr’a li nide, o quande che na lame de fume

le voce a pperdefiate ndórne a li fucaràcchie

de lu bbosche; dapù, le nèbbie marine,

da le palahùstre a strafonne

e da li vìtrie munnate de le bbarbacane,

ànn’aperte la vocche a decèmbre

a spése la lùtema lune de l’anne

déndr’a li culpe lèste de le tosce.

Ma sott’a li pide la tèrre,

che tè recurde de ugne qquarte

e che le crïature snide a li perdune,

trammocche già a mmurì m-mezz’a le crete

e le prumesse de le villeggiande repàhe a staggione

de neve éndre lu ggire larghe de li vinde.

Matùrene accuscì

li signe civile de le ore

e se fa penetenzie lu mbrèstete de future

éndre le véne fonne de li penzire.

Ma sotto i piedi la terra – Quanto un giorno, forse, / o quanto un momento è durato / sotto le gemme gonfie di ghiaccio / quest’ultimo autunno, / forse quanto un rintocco la pioggia / sui nidi, o quanto una lama di fumo / le voci a perdifiato intorno ai falò / della macchia; poi, le nebbie marine, / dalle balconate a precipizio / e dai vetri sgombri dei lucernari, / hanno aperto la bocca a dicembre / e speso l’ultima luna dell’anno / dentro i colpi lesti delle tossi. // Ma sotto i piedi la terra, / che ha ricordi di ogni quarto / e che le creature snida ai perdoni, / già trabocca a morire nelle argille / e le promesse delle villeggianti ripaga a stagioni / di neve nel giro largo dei venti. // Maturano così / i segni civili delle ore / e si fa penitenza il prestito di futuro / nelle vene fonde dei pensieri. // (Traduzione dell’autore). Da Déndre a na storie





Vecchie paese

Vulesse spèrdeme dendre a sta nebbie,

che me s’ajotte, dendre a stu strafonne

de vecchie paese che pare scite

da nu dellùvie lundane

o da nu ‘mmèrene che piane piane

si stenne verse abbrile, a ciaulijà

nghe li hatte.

 

Ma tè poche da scappà

chi de matine pènze a lu scure

de la sere o fa jummèlle de recurde

a ogne pindone

e arevuscégne longhe longhe

tra vejje e ssonne

la catene de cende nume: cende

retaje de làmie che fa nu monne,

na mijìche de giuvinezze,

forse la storie de n’òmmenene.


Vecchio paese – Vorrei smarrirmi in questa nebbia, / che m’ingoia, in questo abisso / di vecchio paese che sembra uscito / da un lontano diluvio / o da un inverno che piano piano / si stende verso aprile, a ciarlare / con i gatti. // Ma ha poco da fuggire / chi di mattina pensa al buio / della sera o fa gomitoli di ricordi / in un angolo / e fruga lungo lungo / nel dormiveglia / la catena di cento nomi: cento / riquadri di soffitto che fanno un mondo, / una briciola di giovinezza, / forse la storia di un uomo. // (Traduzione dell’autore). Da ‘Nnanze a la sorte.