Marcello Marciani


Poeta in dialetto Abruzzese e in lingua

(ABRUZZO) Marcello Marciani è nato a Lanciano nel 1947, ha pubblicato numerosi libri di poesia in lingua. È ancora inedita in volume la sua produzione in dialetto, conosciuta però attraverso l’antologia Via Terra [Serrao, 1992] e varie riviste tra cui “il Belli” [Fiorentino, 1992], “Rivista Abruzzese” [Fiorentino, 1993], “Diverse Lingue” (Udine, n. 10, 1991; n. 13, 1994; n. 19/20, 1998), “Pagine” [Fiorentino, 1998], “Periferie” (Roma, n. 13, 2000).
Dal 1988 è segretario organizzatore del Premio Nazionale “Lanciano” di poesia dialettale.

Le poesie di Marcello Marciani


Mar’addo’

Mare tosche maravalle

di scazzìlle e mascalubbre,

mastrille ‘mpjite d’ójje,

mucchelètte, schióle, vocca

‘ncullate che ‘n se po’ sgulà’

cchiiù pe’ scujje e pe’ trabocche,

acquavicce prene d’ache

‘mbelate a menèstre e vave,

verdesecche e vasse mare

se ‘n t’affunne e nen t’arrepe

che fóneche de grane che

casciaforte che sciacquajje

pu’ nnasconne e svuscecà’ tu?

Mare sfilógne, martufe e

cuchelóne, pantanelle

valechijate a strópele,

panz’allesse de lu cioce

usse e corie je fî ‘mperà’

tu, varlese a nnu’, vajasse?

Mar’arréte martavèlle

di rusciulétte e cannizze,

sî nu sonne d’antecórie

nche castelle de selùstre,

 ‘ssu lenzole nche li sise,

sî na lenze sî na lame

nu lappe de lune alloc’a...

‘bball’addó? ‘ndó chela ‘ndacche

di luscia d’acque? annecche

all’ànema té, quatrale?

Spirdogne e doce té ajajà’

‘ss’ànete che je ‘ncoje, va

a steppelà’ mucurìcce

‘stu garbenelle ch’arvóteche

magge, ‘ddore, pungecanne,

curaìne di cchiù ‘more:

la dodda sane ch’addó’ vî

strafuchenne tu, marrùcce?

Marracine, marpïole

Mar’a nnu’: ddó’ sta lu mare?


Mare dove  – Mare tossico malora / di chiazzelle e di vaiolo, /  trappola riempita d’olio, / moccetti, cocchiume, bocca / incollata che non può sgolarsi / giù per scogli e per trabocco, / acqua di scolo pregna d’aghi / infilzati in erbe e bave, / verdesecco e basso mare / se non t’affondi e non t’apri / che granaio che / cassaforte che grandi orecchini / puoi nascondere e rimescolare tu? / Mare filaccioso, balordo e / ciottolone, pozzanghera / sguazzata nel ciarpame, / pancia lessa del diavolo / ossa e cuoia ci fai ghiacciare / tu, piaga in noi, bagascia?  / Mare indietro reticella / di trigliette e canniccio, / sei un sogno di anticaglia / con fuochi d’artificio di lampi, / che lampadetta ha cullato / questo lenzuolo con i seni, / sei una lenza sei una lama / un orlo di luna là... / giù dove? dove (è) quell’intaglio / di acquazzone? viene qua / dentro l’anima tua, bambino? / Stridulo e dolce sta balbettando / quest’anelito che ci sorprende, va / a staccare muffe / questo garbinello che risolleva / maggio, odore, trafitte, / corallina di più amori: / la dote intera che dove vai / affogando tu, mulinello? // Monello magliare di fili... / Poveri noi: dove sta il mare? (Traduzione dell’autore)

Verdesecche: vanume, sorta di malattia del grano che rende le spighe appunto verdi e secche.

Sciacquajje: i tipici orecchini, grandi e vistosi, delle vecchie contadine.

Curaìne: corallina; specie di alga marina usata, nella medicina popolare, in forma di decotto per curare i bambini nelle infestazioni da ossiuri o ascaridi.

Marpïole: fascio di fili di ordito fermati sull’orditoio





La durmecchiare

E i’ m’areponne a sta cestarelle

fin’a cche cresce lu cìtele belle.

Fin’ a cche cresce e me po’ maretà’

m’accuzze e lu tempe nen te’ da passà.

                       

Ecche... è nu rusce d’ove che s’appìcceche

‘m bacce lu jorne che me sbele...

                                                               làsseme

sole, nte ‘ncarecà’ di me, su vasce

te’ nen me l’ascioje sta ‘ncretature, no

falle sta zitte ssa cummedie abballe

che pije le scale e ciùfel’a le recchie,

ma che ci-appure pecché tu me rèsceche

nche la ciambotte di ssu monne fesse.

 

Ma chi ci-appure addo’ po’ i’ sta vie

che me scòtele a vusse a vurravurre.

Sta via baggiane, di brillucche e spicchie.

Di sole che me ‘ncoje me spagheggie.

A ecche mmezze so’ gne na pianelle

scurtecone sbusciate da ssi tacche.

A chi l’arconte ca me so’ ‘ddurmite

pe nu trentanne e mo’ m’arsbeje e treme.

 

Chi ce l’appure che parlà’ me pàrlene

ssi musse giargianise ssi scattate

che vanne e venne dentr’a nu tutù

pe’ ‘ntrunarme la cocce pe’ sapé’

chi so i’ da ddo’ venghe chi m’ha sciote...

Aah che t’acconte?... me so’ appapagnate

‘bball’a nu sonne longhe gne na vizie

‘m pizze a nu tempe che me se schenosce.

 

Che vutarelle è lu tempe che joche

nche le sunne le frezze di stu sanghe!

Vall’a capì ched’ è ssu vuccalone

che parle nche lu vente e n’pare senne.

So’ na vecchia bardasce scincelate

se pe’ tre vote quidicianne tenghe.

A chi l’acconte ca lu tempe me’

è na precoche ‘mpese a nu strafonne. 


La dormigliona – E io mi conservo in questo cestino / fino a che cresce il bel bambino./ Fino a che cresce e mi può maritare / mi accuccio e il tempo non deve passare. // Ecco... è un tuorlo d’uovo che si spiaccica / in faccia il giorno che mi scopre... lasciami / sole, non curarti di me, questo bacio / tuo non mi scioglie questo impietrimento, no, / fallo star zitto questo chiasso dabbasso / che sale le scale e fischia alle orecchie, / ma chi lo sa perché tu mi raschi / con la banda di questo mondo fesso. // Ma chi lo sa dove può andare questa via / che mi scuote a spinte a riffa e raffa. / Questa via boriosa, di gioielli e specchi. / Di sole che mi insidia mi spaventa. / Qua in mezzo sono come una pianella / ritardataria bucata da quei tacchi. / A chi lo racconto che mi sono addormentata / per un trent’anni e ora mi sveglio e tremo. // Chi può saperlo che parlare mi parlano / questi musi forestieri questi dispettosi / che vanno e vengono dentro un brusio / per rimbombarmi in testa per sapere / chi sono io da dove vengo chi mi ha sciolto (le catene).../ Aah che ti racconto?... mi sono appisolata / in basso a un sogno lungo come un vizio / a margine di un tempo che mi sconosce. // Che mulinello è il tempo che gioca / con in sogni le frecce di questo sangue! / Vallo a capire cos’è questo pettegolone / che parla con il vento e non mette giudizio. / Sono una vecchia ragazza scarmigliata / se per tre volte quindici anni tengo. / A chi lo racconto che il tempo mio / è una pesca appesa a un fuorimondo. // (Traduzione dell’autore)