Luigi Susi


Poeta in dialetto Abruzzese

(ABRUZZO) Luigi Susi è nato a Trasacco nel 1926. Ha pubblicato la raccolta I péndele ‘je témpe, Foggia, Bastogi Editrice Italiana,  2002, pref. Vittoriano Esposito

Le poesie di Luigi Susi


Sógne trùvele d’amore

Sógne. Limòsene de sógne a notte colma.

Sule, sénza cchiù la porta ’lle vulìje;

ddó m’aspettive tu, lampe de ggioia, de fantascìje carnale;

chempagna de piacére i sfoghe de passione;

ventre de respire i spàsime d’amore.

Sénza ti, sò pòlline sperdute, addó va i vénte...

a i prate nnaridite, a lle maggese secche, a i canalune grigge,

ddó la bbufera è próvela de rocce,

laménte de pantàseme a i vrecciare.

Dimme se t’énca pèrde...

 

Stise alla sepìna,

a i mare ’lle sirene vérgine ’nn amóre,

fra ciàncare nzecchite i bbarghe ’n sosta;

ripa de tramonte ncenerite,

c'abbìja ’n céle vole de gabbiane sénza méta,

me jètte a sógne trùvele d’amore.

Ore de sónne funne

a lle carezze sciòrgne de ll'onde nzennelìte.

J’amore nóstre, curte cumma i sòle a lla veranda;

cumma vola i mmòre i trène fra le piante;

fiamma de papìle a pòca cera;

junte a mmèsa via... me vè ’zónne.

Sógne ncipate a ll’alghe, se cùnniane, se ntrécciane,

mmà i pulpe che sse rròpre, s’abberrìta.

Sógne de lóta a i fiume piatte, rusce,

ddó càgnane culore seppie de rena i fanghe,

a spanne l’ova nere... uva de mare.

Sógne, sógne trùvele d'amore,

conchìje sgombre a jé capricce ’ll’onde.

Dimme se t’énca pèrde...

 

Dorme a lla sepìna sógne che se squàjjane a lla sabbia.

Sabbia de stelline i cannelìcchje,

’nn è létte de manóppje, addó le strette, i bbace,

fra fantascìje d’etèrne i frevelìcce

tenévane i sapore ’lla pajjìccia, ’lle rane a i sollióne;

ddó m’ addepijéva i cante lamentuse

de cicevétte i cane pecurale;

ddó nen ze colma cchiù

l’amara solitùddine ’je témpe sénza ti.

Dìmme se t’énca pèrde...

 

Sénza ti, sò cante a vócca chiusa, barcarole

de pescatore a i mare ’lle leggènde, ’je mistére,

sotte i céle mute, a ll’agunìja.

Sénza ti, stise a lla bbattigia,

addó i silenzie è mmarme, è ggele...

limòsene de sógne trùvele d’amore.

Dimme se t’énca pèrde...

 

Sogni torbidi d’amore – Sogni. Elemosine di sogni a notte fonda. / Solo, senza più la por-ta dei desideri; / dove m’aspettavi tu, lampo di gioia, di voglie carnali; / compagna di piaceri e sfoghi di passione; / ventre di respiri e spasimi d'amore. / Senza te, sono polline sperduto, dove va il vento... / al prato inaridito, alle maggesi arse, ai canaloni grigi, / dove la bufera è polvere di rocce, / lamento di fantasmi al brecciaio. / Dimmi se devo perderti... //  Disteso supino, / al mare delle sirene vergini in amore, / fra gamberi insecchiti e barche in sosta; / riva di tramonti inceneriti, / che avvia al cielo voli di gabbiani senza meta, / mi butto a sogni torbidi d'amore. / Ore di sonni profondi, / alle carezze scialbe delle onde insonnolite. / L'amore nostro, breve come il sole alla veranda; / come vola e muore il treno fra gli alberi; / fiamma di stoppino a poca cera; / giunto a metà strada... mi viene nel sonno. / Sogni intessuti alle alghe, si cullano, si intrecciano, / come il polipo che si apre, si avvolge. / Sogni di loto al fondo piatto, rosso, / dove cambiano colore seppie di arena e fango, / a spandere uova nere... uva di mare. / Sogni, sogni torbidi d'amore, / conchiglie vuote ai capricci delle onde. / Dimmi se devo perderti... // Dormo supino ai sonni che si sciolgono alla sabbia. / Sabbia di stelline e cannolicchi, / non è il letto di covoni, dove le strette, i baci, / fra le voglie di eterno e brividi, / avevano il sapore della pagliccia del grano al solleone; / dove m’incantava il canto lamentoso / di civette e cani pastori; / dove non si ricolma più / l’amara solitudine del tempo senza te. / Dimmi se devo perderti... // Senza te, sono canti a bocca chiusa, barcarole / di pescatori al mare delle leggende, dei misteri, / sotto il cielo muto, in agonia. / Senza te, disteso alla battigia, / dove il silenzio è marmo, è gelo... / elemosine di sogni torbidi d’amore. / Dimmi se devo perderti.... // (Traduzione dell’autore)  da I péndele ‘je témpe