Ottaviano Giannangeli


Poeta in dialetto abruzzese (Raiano)

(ABRUZZO) Ottaviano Giannangeli è nato a Raiano nel 1923. Ha pubblicato Lu libbre d’Ottavie, Sulmona, 1979; Arie de la vecchiaie, Pescara, “Nova Italica”, 1989 (con plaquette che reca la traduzione in spagnolo di P. Civitareale: Aires de la vejez); Lettera alla posterità in “L’Italia sotto sequestro”, Pescara, Editrice “Nova Italica”, 1990, p.79; Litanie per Marin ed altri versi in abruzzese, in “Diverse Lingue”, n. 10, 1991.

Le poesie di Ottaviano Giannangeli


Li tedesche. L’otte settembre

Mo che succede?... Suone de campane,

la gente che s’abbracce a ogni puntone,

nse cunosce e se basce. L’armistizie!

E’ finite la guerre. Revé fijjeme

alla case. Addavere? Chi l’ha ditte?

E mo che s’ha da fa? Nghi li Tedesche

o nghe li Merecane?... La matine

appresse, va pe l’arie na squadrijje

de bumbardiere. Embé, sò merecane

o tedesche? Addò vanne? E chi le sa?

Aveme vinte, aveme perse? E chi,

chi mai le po' sapé? Pover’Italie

ma proprie a te t’aveva capetà

sta sorta strane, a te stu carnevale?

Vulavame l’impere e mo nen seme

manche sicure chiù alle case nostre.


I Tedeschi. L’otto settembre – Ora che succede?... Suono di campane, / la gente che s’abbraccia ad ogni angolo, / non si conosce e si bacia. L’armistizio! / E’ finita la guerra. Torna mio figlio / a casa. Davvero? Chi lo ha detto? / E ora che si ha a fare? Con i Tedeschi / o con gli Americani?... La mattina / dopo, va per l’aria una squadriglia / di bombardieri. Ebbene, sono americani / o tedeschi? Dove vanno? E chi lo sa? / Abbiamo vinto, abbiamo perso? E chi / chi mai può saperlo? Povera Italia, / ma proprio a te doveva toccare / questa sorte strana, a te questo carnevale? / Volevamo l’Impero ed ora non siamo / nemmeno sicuri più alle nostre case. //  Da Lu libbre d’Ottavie





da Arie de la vecchiaie

 «A ti che vu sapèje

cheste frasette fine...»

(Nonne sta ascise allóche

accante allu camine.)

«... p’ammentà le canzune

pe’ fà sentì alla gente...»

(Se sente pe la cappe

n’azzunejà de viente.)

«... ecche na bella cose

che m’haje recurdate...»

(La cose tra la vampe

s’è belle che scriate.)


«A te che vuoi sapere / queste frasette fini...» / (Nonna è seduta lì / a un lato del camino.) // «... per inventar canzoni / da far sentire a gente...» / (Si sente per la cappa / un ronzare di vento.) // «...ecco una bella cosa / che mi sono ricordata...» / (La cosa tra la vampa / bel bello si è screata.) (Traduzione isometrica dell’autore). da Arie de la vecchiaie





(E camine camine)

E camine camine

‘mmezz’a chesta restóppela puntute,

e chiù nen te recuorde

(tiempe luntane,

dope nu mese appene), tra lu grane,

sott’a chel’ora calle,

i fiuritte turchine,

tutte na seta gialle,

lu papambre che adoppie piane piane.


E cammini cammini / in mezzo a questa stoppia che ti graffia, / e più non ti ricordi / (tempo lontano, / appena dopo un mese), di tra il grano, / sotto a quell’ora calda, / i fioretti turchini, / tutta una seta gialla, / il papavero che ti assonna, piano. (Traduzione isometrica dell’autore)