Giuseppe Rosato




[ABRUZZO] Giuseppe Rosato è nato a Lanciano in provincia di Chieti nel 1932.
Ha pubblicato le raccolte di poesie: La cajola d’ore, Lanciano, Cooperativa Editoriale Tipografica (CET), 1956; Ecche lu fredde, Pescara, Riccitelli,  1986; Ugn’addó, Monterotondo, Grafica Campioli,  1991; L’ùtema lune, Faenza, Mobydick, 2002, pref. Franco Loi; E mó stém’accuscì, Torino, I libri del Quartino, 2003; La vergogna del mondo, San Cesario di Lecce, Pietro Manni Editore, 2003; La ‘ddòre de la neve, Novara, Interlinea Edizioni, 2006, pref. Giovanni Tesio.
Ha diretto i periodici Dimensioni (con Ottaviano Giannangeli e Giammario Sgattoni) e Questarte.



Dalla prefazione a
  La ‘ddòre de la neve

“… Non resta, dunque, che entrare nelle pieghe di questo libro ultimo… Scoprendone una sorta di doppio registro che da una piega lirico-amara trapassa a una saggezza pizzicata, da moralista arguto… Anche se poi, ripeto, è il registro primo a caratterizzare veramente il libro, l’amaritudo di un’attesa che altra attesa sottintende, un’inquietudine vissuta tra luce e buio, tra dentro e fuori, tra chiuso e aperto. L’attesa della neve, dunque, anche se non più l’incanto cui si accompagnava in altro tempo, che è per eccellenza quello dell’infanzia, eternità imperdonabile… Poesia che resiste alla fonetica di un dialetto anche troppo liquidamente cantabile, se non venisse stretto nella domestica colloquialità della pronuncia, nella calibrata sprezzatura di un dire semplice e netto. Non suono sovrapposto, ma intrinseco, se è vero che la traduzione in calce non fa che accompagnarne il senso in stretto spirito di servizio. Non cioè – come può accadere – traduzione più convincente del testo, ma traduzione come puro strumento di comprensione letterale. Ché poi – Rosato è ben poeta in tutt’e due le lingue – la prima prova o verifica è confermata dalla seconda, e tutt’e due fanno insieme necessità…”



Giovanni Tesio

Le poesie di Giuseppe Rosato


Tre file

Ci sta nu file chiare all’orizzonne

ma ‘ccuscì chiare e lente, stammatine,

‘ccuscì bbianche ca pare si cunfonne

ciele e muntagne, senza cchiù cunfine.


Nu file di ricorde, assopr’a quelle,

si sturcine e s’areturcine, strette

a na fenestr’aperte, a n’ora bbelle

di chi sa quande, ch’arenasce ‘m pette.

 

Nu tette a n’atru tette e a n’atre stenne

nu fume lente che s’unisce e pije

la vie de lu ciele; e va tremenne

pecché è nu file de malincunie.

 

Tre file – Ci sta in cielo un filo chiaro all’orizzonte / ma così chiaro e lento, stamattina, / così bianco che pare si confondano cielo e montagne, senza più confini. // Un filo del ricordo, sopra a quello, si svolge e si riavvolge, stretto / ad una finestra aperta, a un’ora bella / di chi sa quando, che rinasce in petto. // Un tetto ad un altro tetto e ad un altro stende / un fumo lento che si unisce e piglia  / la via del cielo; e va tremando / perché è un filo di malinconia. // (Traduzione di Nicola Fiorentino). Da La cajola d’ore





da "L’ùtema lune"

Resentì’ a trezzecàrese lu vetre

a la fenestre a notta fonne e dìrese:

lu sfrusce de la neve! gna pô èsse’?

dope la stellijàte de iersere

chi ce puté penzà’... E a notta fonne

gna le vedisse tutte chelu bbianche

appen’arrét’a la persiane, e méttese

a sta’ a sentì’ ca lu relogge sône

pe chi sa quala cchiù ore de notte.

Chelu sône quarchiate, chelu sône

che se fa resentì’ ma come quande

già se n’avesse ite a lu sprufonne.


Risentire scuotersi il vetro alla finestra, a notte fonda, e dirsi: il fruscio della neve! come può essere? dopo la stelleggiata di ieri sera chi poteva pensarci... E a notte fonda come se lo vedessi tutto quel bianco appena dietro le persiane, e mettersi a stare a sentire che l’orologio suoni per chissà più quale ora di notte. Quel suono ottuso, quel suono che si fa risentire ma come se già se ne fosse andato a inabissarsi. (Traduzione dell’autore)





La ‘ddòre de la neve [1]

Ma che vo nengue’ cchiù, dope natale

Capedanne e la pasqua ‘pefanìje

Le ‘mmèrne se nn’è ite, e se da marze

Te pu ‘spettà ne revulture, quanta

Po durà? Na nenguiccijàte, n’onze

De bbianche na matine e già nu vente

Sbarejèje le nuvele e lu ciele

S’a-àpre. Quesse è tutte. Vide a cché

Mo s’è redòtte na ‘mmernate, tante

A ‘spettàrele e po’ nijènte. Gne

St’uteme tempe cionche che te lande

Ugne jorne nu pese ‘m-pètte, nnòdee

Che ‘n s’asciòje, vulìje de nen si

Che ccòse, vetre che s’appànne e tu

Che ce sti ritte ‘m-bacce, a ucchie apìrte.

 

Ma che vuol più nevicare, dopo natale / capodanno a la pasqua epifania / l’inverno se n’è andato, e sa da marzo / ti puoi attendere unarivoltura, quanto / può durare? Una nevischiata, un’oncia / di bianco una mattina e già un vento / fa svariare le nuvole e il cielo / si apre.. Questo è tutto. Vedi a che / s’è ridotta adesso un’invernata, tanto / ad attenderla e poi niente. Come / quest’ultimo tempo mutilo che ti lascia / ogni giorno un peso sul petto, nodo / che non si scioglie, voglia di non sai / che cosa, vetro che s’apanna e tu / che in piedi ci stai in faccia, a occhi aperti.





La 'ddòre de la neve [2]

Nu spròvele de neve, che gne quande

Se vulè fa’ ‘ssentì’ t’à-resbejate

A notta fonne (e tu gne a na chiamàte

Si ìte a guardà’ ‘rrète a la persiane ),

te ve ‘spuppà’ le piante – te vo dice’ –

e le sacce ca tutte a-n’ome penze

sole ca è primavere.

Ma tu, almene tu me so’ penzàte

Ca me vulìve dice’ addìje, addìje

Pe’ na l’ùtema vote…

Nu spròvele de neve, ch’a duràte

Scì e no mezz’ore. I’, ‘mbacci-a lu vetre,

lu core a pizze le so’ viste a ìrsene.

 

Una spolverata di neve, che come / se ti si volesse far sentire t’ha svegliato / a notte fonda (e tu come ad una chaimata / sei andato a gurdare dietro la persiana), / viene a darti il saluto: è marzo, / già le piante germogliano – ti vuole dire - / e lo so che tutti pensano / solo ch’è primavera: / ma tu, almeno tu ho creduto / che mi volessi dire addio, addio / per un’ultima volta… / Una spolverata di neve, ch’è durata / sì e no mezz’ora. Io, la faccia sul vetro, / con il cuore a pezzi l’ho vista andarsene.





La 'ddòre de la neve [3]

Le rènele, le rènele… Na bbòtte

‘m-pette a vedé’ ch’a-remenùte, a dìrete

ca la staggiòne ch’òme dice bbèlle

à già ‘rrevate. A nu mumente tutte

quelle che t’avé fatte cumpagnìe

pe’ na mmernàte, ciele chiuse e bbianche,

foche de fuculare e guarda’ fore

ugne tante a vedé’ se vulé nengue’,

duvente cose che se n’a-repàrle

chi sa quande. N’ha da passà de tempe.

E chi s’a-fide cchiù a vussà’ le jurne

De la coste de magge, e po’ l’estate,

lu sole che nen cale maje, lu calle,

la luce che s’a-àpre e se spalanche

sopr’s tutte la terre com’a dice’:

ma ne le vide quant’è bbèlle, e tu

l’hi da landà… Le rènele, le rènele

gna fa a sapé’ che ccose te se porte…

 

 

Le rondini, le rondini… Un colpo / al cuore vedere che sono tornate, a dirti / che la stagione che dicono bella / è già arrivata. In un momento tutto / ciò che ti aveva fatto compagnia / durante l’inverno, cielo chiuso e bianco, / fuoco di camino e guardar fuori / ogni tanto per vedere se volesse nevicare, / diventano cose di cui si riparlerà / chissà quando. Ne dovrà passare di tempo. / E chi ce la fa più a spingere i giorni / della salita di maggio, e poi l’estate, / il sole che non tramonta mai, il caldo, / la luce che si apre e si spalanca / sopra tutta la terra come a dire: / ma non lo vedi quant’è bella, e tu / la devi lasciare… Le rondin, le rondini / come fanno a sapere che cosa ti si portano via.





La 'ddòre de la neve [4]

Nen ce sta cchiù nesciùne, s’è sciambàte

Case e quartère, l’angele de ddìje

Ha segnate le porte a une a une

E chi nen ce s’è morte se n’è ite.

Fa paure ssu passe c’aresòne

a-bbàlle pe’ le ruve:

gna t’è menùte ‘mmènte? T’arevùte

a vedé’ chi ce sta, chi te ve ‘pprèsse:

ma chi po èsse, se ‘n ce sta nesciùne?

Chi te vulesse arevedé’ ‘n po ‘pri’

Cchiù la fenestre e nen te cchiù la voce

Chi te chiamé da llòche sopre.

                                          E tu

Gna ce pu mette’ mane a reppiccià’

Na sperelle de vite

‘mmèzz’a tutte sta morte...

 

Non c’è più nessuno, si sono vuotati / case e quartiere, l’angelo di dio / ha segnato le porte ad una ad una / e chi non ci è morto se n’è andato. / Fa paura codesto passo che risuona / giù per i vicoli: / come t’è venuto in mente ? Ti volti / per vedere chi c’è, chi ti viene dietro: / ma chi può essere, se non c’è nessuno? / Chi vorrebbe rivederti non può più aprire / la finestra e non ha più la voce / chi ti chiamava da lassù. / E tu / come puoi metterci mano a riaccendere / un lumicino di vita / in mezzo a tutta questa morte…