Cosimo Savastano


Poeta in dialetto abruzzese

(Abruzzo) Cosimo Savastano è nato aCastel di Sangro nel 1939.
Ha pubblicato Che sarrà, Pescara, Tip. Ferretti, 1965; Amore, amore e parleme d'amore, Pescara, Ed. “Attraverso l'Abruzzo”, 1966, pref. Vittorio Clemente; Dénte a na scionna, Pescara, Ed. “Attraverso l'Abruzzo”, 1967, pref. Pasquale Scarpitti; Nu parlà zettenne, L'Aquila, Japadre Editore, 1982, pref. O. Giannangeli. Chi chiù - Poesie nell'antica lingua di Castel di Sangro, S. Atto, Edigrafital, 1994; Jummelle de parole, S. Atto, Edigrafital,  2000, intr. Umberto Russo.

Le poesie di Cosimo Savastano


Amore pe rejale

Amore amore e parleme d’amore

e parleme de suonne e tenerezze

damme la pacia tu che le carezze,

damme de ss’uocchie tia ru splendore...

 

Amore amore e parleme zettenne

amore amore quande vè le stelle

famme purtà pe’ le lucecappelle

tanta parole che n’ ce puone ‘ntenne...

 

Tanta parole nate da ssu core

che sta luntane e sbatte tale e quale

che sta luntane e palpeta d’amore.

 

L’amore é rusce come lu crugnale

e come pane-e-casce tè l’addore

amore damme amore pe’ rejale...

 

Amore per regalo – Amore amore e parlami d’amore / e parlami di sogni e tenerezze / dammi la pace tua con le carezze, / dammi di codesti occhi tuoi lo splendore... // Amore amore e parlami sussurrando / amore amore quando verranno le stelle / fammi portare dalle lucciole / tante parole che non si possono intendere... // Tante parole nate dal tuo cuore / che sta lontano e batte tale e quale / che sta lontano e palpita d’amore. // L’amore è rosso come il corniolo / e odora come pane e cacio / amore dammi amore per regalo. // (Traduzione di Nicola Fiorentino). Da Dénte a na scionna




N’allucche

Alla ‘ndrasatte ‘n ciele ce scurette

e che’ na botta jù re vuttelune

come crellà de vrite e de cumbiette

iettate a vranche ‘n miezze a re candune.

 

E quande fu nu chiòvere appacate

na screiazzata a frunne de chiuppera

freiette all’aria pe’ n’urle straziate.

 

N’ ce sa chi fu. Na risa de sammuche

sgrellate a viente doce, a prima sera,

doppe l’acquata de le ciammaruche.

 

Un urlo – All’improvviso in cielo si fece scuro / e con un momento giù i goccioloni / come scricchiolare di vetri e di confetti / gettati a piene mani in mezzo ai massi. // E quando fu un piovere pacato / una sferzata fra le fronde del pioppeto / stridette nell’aria per un urlo straziato. // Non si sa chi fu. Una risa di sambuco / sgorgò nel vento dolce, sul far della sera, / dopo la pioggia improvvisa di prima estate. // (Traduzione dell’autore). Da Nu parlà zettenne