Marco Notarmuzi




(ABRUZZO) Marco Notarmuzi è nato a Scanno, nel 1923.
Ha pubblicato: Seréna, Roma, Edizioni dell’Ateneo, 1967, pref. Ernesto Giammarco; Le cingiallegre, Roma, Edigraf,  1981, pref. Ernesto Giammarco; Epigrammi, Raiano, Graphitype, 2000, pref. Nicola Fiorentino.

Le poesie di Marco Notarmuzi


Seréna

Ju viende straccia l’aria e a cchiane a cchiane

la neve ci allustrisce e ce fa jéle.

Nu cane

corre sfrustune rende a nu candone

e ‘n giéle

tutte le stelle viéne ‘m brecessone.

Fa fridde.

Ce jèlane ji penziére e le parole,

ma addumane, addumane, quande sole.


Notte d’inverno – Il vento straccia l’aria e, a poco a poco, / la neve si fa lustra e poi gelo. / Un cane / corre guardingo (e con la coda tra le gambe come se fosse inseguito da una frusta) rasentando un muro / e in cielo / tutte le stelle vanno in processione. / Fa freddo. / Si gelano i pensieri e le parole, / ma domani, domani, quanto sole. // (Traduzione dell’autore). Da Seréna





La luna

La luna che cresce a memoria

e canda la gloria

de tutte le stelle,

jennotte è zumbata a ccavalle

pe farce na corza d’argiende.

Ma doppe nu puoche ce pende:

la frusta e la nùvela lassa,

desopra alla terra ci abbassa

e, zitta, ce mette a arrecchià

i chène che stiene a abbajjà.

La luna – La luna che cresce a memoria / e canta la gloria / di tutte le stelle, / stanotte è montata a cavallo / per farsi una corsa d’argento. / Ma dopo un poco si pente: / la frusta e la nuvola lascia, / sulla terra si abbassa e, zitta, si mette ad origliare / i cani che stanno ad abbaiare. // (Traduzione dell’autore). Da Le cingiallegre