Giacomo Vit




[FRIULI-VENEZIA GIULIA]  Giacomo Vit, maestro elementare di Cordovado, in provincia di Pordenone, è autore di opere in friulano di narrativa (Strambs, Udine, Ribis, 1994; Ta li’ speris, Pordenone, C’era una volta, 2001) e di poesia (Falis’cis di arzila, Roma, Gabrieli, 1982; Miel strassada, Riccia, Associazione Pro Riccia, 1985; Puartis ta li’ peraulis, Udine, Società Filologica Friulana, 1998; Fassinar, S.Vito al Tagliamento, Ellerani, 1988; Chi ch’i sin..., Udine, Campanotto, 1990; La plena, Pordenone, Biblioteca Civica, 2002).
Nel 2001, per l’Editore Marsilio di Venezia, ha fatto pubblicato La cianiela, una raccolta di sue poesie edite e inedite scritte dal 1977 al 1998.
Ha fondato nel 1993 il gruppo di poesia “Majakovskij”, col quale ha dato alle stampe, nel 2000, per la Biblioteca dell’Immagine di Pordenone, il volume Da un vint insoterat.


Con Giuseppe Zoppelli ha curato l’antologia della poesia in friulano Fiorita periferia, edita nel 2002 da Campanotto di Udine. Ha pubblicato anche alcuni libri per l’infanzia.
Vincitore di numerosi premi nazionali, fra cui il “Lanciano”, il “Città di S.Vito al Tagliamento” e il “Thiene-Tonini”.


Con la raccolta inedita Sopis e Patus, poi pubblicata a settembre 2006 dalla editrice Cofine di Roma, si è classificato al terzo posto al Concorso nazionale di poesia in dialetto "Città di Ischitella-Pietro Giannone" 2006.

Le poesie di Giacomo Vit


Impresc' da l'anima

"Eco, chistu al è il falsèt ch'al pleava il siùn
da l'arba, chista la nera mantilina ch'al si meteva
intòr par confondi il crovat, chista la s'ciatula
in duà ch'al poiava il gust dal tabac, chistu il amp
par inciocà la truta, chista la pena, la pluma,
la pìria, la piera…"
I zovins intant a scrìvin tai compiuter chès
peraulis ulì, ch'a san di 'n'altri mond: doman
ta 'na stansia da l'Universitàt a si serciarà
di daghi sanc a chis'cius impresc'…
(Ma la fantassùta cu'l ricìn tal nas, vuardant
pal barcòn, a si inecuars che ulà di four
al è il spìrt dal veciu contadin ch'al fa
bociàtis…)

 

ATTREZZI DELL'ANIMA - "Ecco, questa è la falce che piegava il sonno / dell'erba, questo il nero mantello che indossava / per confondere il corvo, questa la scatola / dove metteva il piacere del tabacco, questo l'amo / per stordire la trota, questa la penna, la piuma, / l'imbuto, la pietra…" / I giovani intanto scrivono sui computer quelle / parole che sanno di un altro mondo: domani / in un'aula dell'Università si cercherà / di dare sangue a questi attrezzi… / (Ma la giovincella con il piercing al naso, guardando / per la finestra, si accorge che fuori / c'è il fantasma del vecchio contadino che fa / le boccacce.)





L'oru di me pari

Me pari al va a sgarfà
di matina bunora
tal ciamp da li' vansadìssis,
in duà che la zent
a dismintiea pinsèirs
di fiar, plastica, lenc incarulìt.
Ulì al sercia, cun deis
di sbissa ingrispada,
'na sclesa di vita:
'na roda di bicicleta,
un vasùt di veri, un lustri
inciamò bon.
Cussì, cun chel puc
di oru ulì
al crot
di tornà a fa sù
il mont
che ator-ator di lui
al va in slanìs…

 

L'ORO DI MIO PADRE - Mio padre va a rovistare / al mattino presto / nel campo delle immondizie, / dove la gente / dimentica pensieri / di ferro, plastica, legno tarlato. / Lì cerca, con dita / di biscia raggrinzita,  / una scheggia di vita: / una ruota di bicicletta, / un vasetto di vetro, un fanale / ancora funzionante. /  Così, con quel poco / di oro / crede/ di ricostruire / il mondo / che attorno a lui / va / sfacendosi…





Zoucs di tiara (filastrociuta)

Ventu a zuià a scùndisi,
a scùndisi tai bars,
tai scurs fossài,
tai rivài inglassàs,
tai ciamps scurtissàs,
tal paeis dai viars,
ventu a s'ciampàghi al mont,
al so malstà taront,
al so colà a plomp,
ventu a sgualà tal siel dal fen,
a inclostrà tal ledàn il ben,
a inventassi il seren,
ventu cui pipins di tiara,
ventu induà che il cour
al dàra?

 

GIOCHI DI TERRA (filastrocca) - Vieni a giocare a nascondino, / a nascondino fra i cespugli, / negli oscuri fossi, / nei ciglioni ghiacciati, / nei campi scorticati, / nel paese dei vermi, / vieni a sfuggire al mondo, / al suo malessere rotondo, / al suo cadere di sasso, / vieni a volare sul cielo di fieno, / a imprigionare nel letame il bene, / a inventarci il sereno, / vieni con i pupazzetti / di terra, / vieni nel luogo dove il cuore / ara?