Franco Pinto




[PUGLIA]

Franco Pinto è nato a Manfredonia il 21 aprile 1943. Da bambino aiuta il padre, pescatore. Rischia di perdere la vita in una tempesta, lascia il mare e continua gli studi abbandonati qualche anno prima, cominciando nel frattempo a lavorare presso un falegname; la morte del padre ed altre necessità di famiglia fanno sì che questo diventi il suo mestiere. Autore di poesia e teatro in dialetto manfredoniano. Copioso il materiale poetico e teatrale inedito in via di sistemazione.

La prima raccolta di poesie edita è del 1985, U Chiamatôre [‘Il chiamatore’]. Liriche scelte, (Foggia, Bastogi). Seguono due pubblicazioni teatrali: Vernucchje [‘Bernoccolo’] (Manfredonia, Edizioni Il Sipontiere, s.d. [ma 1990]) e A pûpe [‘La bambola’], (Manfredonia, Edizioni del Golfo, 1991).
Nel 2002 pubblica la raccolta di poesie Nu corje dôje memorje [‘Una pelle due memorie’], Manfredonia, Edizioni Il Sipontiere; nel 2004 Méje cume e mo' (Mai come adesso), Roma, Edizione Cofine; nel 2009 Nvrà vigghje e sunne (Tra veglia e sonno), sempre con le Edizioni Cofine.

 

Le poesie di Franco Pinto


Citte côre

Citte côre, ne ‘mbarlanne,

e tô, chépe, ne ‘mbenzanne,

rîre faccia mascaréte,

fa la parte ca t’è déte.

All’amôre n’u sendènne,

se te dôle, ne ‘nghjangènne,

rîre bèlle faccia môje,

fa capì ca m’arrîcrôje,

ca la vîte ji na pazzje

e ca tôtte vé a la vje.

Quanne sûle sté a nn’angogne

jitte a mére la vriogne ;

chiange fîne a ‘nghji i ialètte

e dì a la morte: ”je t’aspètte”.

 

Zitto cuore: Zitto cuore, non parlare, / e tu, testa, non pensare, / ridi faccia mascherata, / fai la parte che ti ho dato. / All’amore non dare ascolto, / se ti duole, non piangere, / ridi bene faccia mia, / fai capire che mi diverto, / che la vita è un gioco / e che tutto va bene. / Quando solo sarai in un angolo / butta a mare la vergogna; / piangi fino a riempire i secchi / e di alla morte: “Io t’aspetto”.





U mére ne ji chiére

Accûme sì venûte

acchessì te ne sì jûte

sènza fiaté parôle

mèndre caléve u sôle.

 

De tè mò parle au vinde,

de tè mò parle au mére,

ma u vinde ne ‘nzé ninde

e u mére ne ji chiére:

ne ndîce se t’è ‘ngundréte

oppuramènde t’è sunnéte.


D’addica sì venûte

allà te ne sì jûte

sènza fiaté parôle

mèndre caléve u sôle.


Mò iàvete ‘ndu penzire

au càvete cûm’a jire,

na facce tô ne ‘ndine,

ma sacce ca m’appartine.


Il mare non è chiaro:Come sei venuta / così te ne sei andata / senza fiatar parola / al tramontar del sole. // Di te ora parlo al vento, / di te ora parlo al mare, / ma il vento non sa niente / e il mare non è chiaro: / non dice se ti ho incontrata / oppure t’ ho sognata. // Da dove sei venuta / là te ne sei tornata / senza fiatar parola / al tramontar del sole. / Ora abiti nel pensiero / al caldo come ieri, / un volto tu non hai, / ma so che m’appartieni.





A matizze

Nu lambe a cile apirte

E po’ ng’ji capîte chiù ninde.

Trune, iacque, vinde,

saitte

c’appîcciavene l’arje,

scande,

chiande,

pìmene mpitte,

mamme spirte

ca chiàmene i figghje,

côrre, scappe, acciaffe, pigghje…

Cissô! Cissô!!

e addica stôve a calannarje

stù ‘ccîsarje?!

Povere uagnûne

Sôpe a n’acque de mére!

U sôle vôle assí,

ma ne ‘ndône curagge.

Scîttéte a nu pizze

sté na varche panz’a ll’arje:

a chi che iûne

ne li venûte ‘mbere.

Quanda dammagge

T’ho fatte na matizze!!

 

Il temporale: Un lampo a ciel sereno / E poi non s’è capito più niente. / Tuoni, pioggia, vento,saette / che incendiavano l’aria, / spaventi, / pianti, / pugni sul petto, / mamme in giro / che chiamano i figli, / corri, scappa, acchiappa, prendi… / Gesù! Gesù!! / e dove stava scritto / ‘sto sfacelo?! / poveri ragazzi / sull’acqua del mare! / Il sole vuol riapparire, / ma non ne ha il coraggio. / in un angolo / c’è una barca pancia all’aria: / a qualcuno / i conti non son tornati. / Quanto danno / ha fatto un temporale!!





Ombre

Parlé de tè

accundé

de tè e de mè

maghére u frôtte

au vinde zĵa zĵe

e pó mannarle drôte

e nnanze spirte

pe chiazze

e desirte

d’u mônne tôtte.

Oh s’u vularríje!

Ma cûme fazze?

Ma pó ce pôte ?!

Quanne mamme ci’ho fatte uagnungèlle

sôpe i pagghjûle de nu schîffetille

ngile a nôvele storne arginde e firre

anghjèvene de crûce a faccia tèrre.

Ombre nûje sîme

sôle

de notte sènza lûne

je a lambe

ca te cambe

tô u lumîne

ca l’avvambe.

 

Ombre: Parlare di te / raccontare / di te e di me / magari il frutto / al vento pellegrino / e poi mandarlo dietro / e avanti in giro / per piazze / e deserti / del mondo tutto: / Oh come lo vorrei! / Ma come faccio? / Ma poi si può?! / Quando mamma ci ha partoriti ancor fanciulla / sui paglioli di una barchetta / in cielo a nuvole stormi d’argento e di ferro / riempivano di croci la faccia della terra. / Ombre noi siamo / sole / di notte senza luna / io la lampada / che ti fa vivere / tu lo stoppino / che la fa ardere.





Vulîsce

Angôre la notte

c’u fridde c’affèrre

angôre la chiôve

c’annôche la tèrre

e u mére ca sbatte

e ce rombe la chépe

e u vinde ca schéme

e che vôle ne nzépe…

Oh putì dîce:-Avaste-

e jitté mmocche i chéne

u pôche ch’è rumaste

e vulé pa caggéne!

   

 
Desiderio: Ancora la notte / col freddo che stringe / ancora la pioggia / che annega la terra / e il mare che sbatte / e si rompe la testa / e il vento che si lamenta / e cosa vuole non sa… / Oh poter dire:-Basta- / e gettare in bocca ai cani / il poco che è rimasto / e volare con il gabbiano!





Je mò me ne véche

Je mò me ne véche

tô ne me chiamanne

tande ne nde sènde

stavolte ne me volte.

Spirte me ne véche

mbriéche pe lu mônne

ciônghe mizze i sciônghe,

pi spiagge salevagge

nganne a sole e iacque

au vinde strulacanne

l’amôre, u delôre,

u turte ca suppurte.

E quanne a sôre stracque

sûle e senza vôce

a crôce sôpe a fôce

da ngudde ià pusé

da te ià returné

Reggîne du Penzire

améte e méje avûte

pe farme accarezzé

a vocche cûme a jire

e strîngènne forte a vîte

tôve e i bèlle forme

appènne a chépe e dorme.

 
Io adesso me ne vado: Io adesso me ne vado / tu non mi chiamare / tanto non ti ascolto / stavolta non mi volto. / In giro me ne vado / ubriaco per il mondo / malfermo in mezzo ai giunchi, / per spiagge selvagge / sotto sole e acqua / urlando al vento / l’amore, il dolore, / il torto che sopporti. / E quando la sera stanco / solo e senza voce / la croce sulla foce / di dosso mi toglierò / da te devo ritornare / Regina del Pensiero / amata e mai avuta / per farmi accarezzare / la bocca come ieri / e stringendo forte la vita / tua e le belle forme / inclinare il capo e dormire.





L’ucchje ne nganosce

L’ucchje ne nganosce

nè canusciarrà méje squicce

se cûme e nu pèsce

néte nd’a nu mére de sicce

mo’ c’a méne

– a verîtà pe na pône –

m’ha lasséte

pe corre vestîte

da zîte

all’autére da chi

prîme e cchió de mè

t’ho vulîte bbône.

Je ne nde porte

nè te purtarragghje méje mósse

mo’ ca sparte

pe n’ate timbe, fiéte e passe.

Cûme putarrîje

je pòvere chiamatôre

prètènde ca nu fiôre

prumisse a Domîne Ddîje

rumanèsse nd’a l’urte mîje

tutte na vîte ndire?

No. Se mèje na preghire

angôre m’ji congiôse

fé a té

reggîne de li rôse

nenn’ji ca tó turne

pe ’mbriacarme de profûme

cûme e prîme,

no, sarrîje troppe.

Ma se nu iurne

m’avissa vedì

au tagghje a spiagge

du mule de punènde

zuppe

sturte

scunecchjé

sotte a frôsta salevagge

du vinde

abbandunéte alla chiôve

sènza speranze

sôpe i scugghje

pàrete ’nnanze

pe tutte a bellezza tôve

acchessì c’arrîcogghje

l’ótéme forze pe trasì

nd’u purte.

26 giugno 2004  [da Méje cume e mo']

L’occhio non conosce – L’occhio non conosce / né conoscerà mai goccia / se come un pesce / nuoto in un mare di seppie / ora che la mano / – in verità con una pena – / mi hai lasciato / per correre in abito / da sposa / all’altare da chi / prima e più di me / ti ha voluto bene. / Io non ti porto / né ti porterò mai il broncio / ora che dividi / con un altro tempo, respiro e passi. / Come potrei / io povero chiamatore / pretendere che un fiore / promesso a Dominiddio / restasse nel mio orto / una vita intera? / No. Semmai una preghiera / ancora mi è concesso / fare a te / regina delle rose / non è che tu ritorni / a ubriacarmi di profumo / come prima / no, sarebbe troppo / ma, se un giorno / mi dovessi vedere / al limite della spiaggia / del molo di ponente / zoppo / curvo / soccombere / sotto la frusta selvaggia / del vento / abbandonato alla pioggia / senza speranza / sugli scogli / pàrati davanti / in tutta la tua bellezza / così che io raccolga / le mie ultime forze per entrare / nel porto.





Che ssi’?

Che ssi’? Nde canosce!?

Pe vulîsce
de nu zinne de cchiô
o pe piacì
a chi nzé manghe tô
te si’ masquaréte
da madéma Kocosce.
Pitte sbrachéte,
môsse appîtéte,
facce pu stôcche,
capille pi blôcche,
bucchîne e paltò
e na parléte
moscia moscie
alla “E ninde e che sso’ ”.
Che ssi’? Nde canosce!?
Ma, dîche je:
“Te si’ viste a lu spècchje?”
M’assemigghje na trègghja
mbulînéte
pronde pe frîje.
Se te vu’ bbône,
se pôche pôche de té
angôre t’ji rumése,
càlete,
dalla chépe a li pite,
nd’a nu cavedarône
d’acqua frevûte
pe nu môse,
lìvete
bèlle bèlle da ngudde
côdde
fite
de sîgnôra scadûte,
turne
la ’ngènua figghjôle
pi vôle
ca nu iurne
allundéne d’abbrîle
stanne
citte a na zènne
ucchje fisse nd’i mîje
m’ho mbriachéte de puisîje.

Chi sei? – Chi sei? Non ti conosco!? / Per voglia / di un occhietto di più / o per piacere / a chi non sai neanche tu / ti sei mascherata / da Madama Kocoscia. / Seno scoperto, / labbra dipinte, / faccia con lo stucco, / capelli a boccoli, / bocchino e paltò / e una parlata / lenta lenta / alla “Guarda chi sono”. / Chi sei? Non ti conosco!? / Ma, dico io: / “Ti sei guardata allo specchio?” / Sembri una triglia / infarinata / pronta da friggere. / Se ti vuoi bene, / se poco poco di te / ancora ti è rimasto, / calati, / dalla testa ai piedi, / in un calderone / di acqua bollente / per un mese, / togliti / bene bene di dosso / quel / puzzo / di signora scaduta, / torna / l’ingenua ragazza / con i veli / che un giorno / lontano d’aprile / stando / zitta in un angolo / occhi fissi nei miei / mi ha ubriacato di poesia. (dalla raccolta Nvrà vigghie e sunne, 2009)