Vincenzo Scarpellino




(LAZIO) Vincenzo Scarpellino (Roma 1934-1999) ha svolto attività nel settore delle assicurazioni con incarichi sindacali.
Nel 1981 fece parte del «Centro Romanesco Trilussa» per poi trasmigrare nel gruppo del «Rugantino» col quale ha collaborato a lungo. E' stato cofondatore dell'Istituto Dialettale Culturale Rugantino.

Ha pubblicato suoi lavori sui più rappresentativi periodici romani fra cui Romanità, Lazio ieri e oggi, Voce  Romana.
Nel 1984 ha vinto la IV edizione del «Trofeo Rugantino».
E' del 1984 pure il suo primo libro di poesie Roma contro, seguito, nel 1985, da un secondo, Li govenicoli, in coppia con Luciano Luciani, suo amico fraterno. Il volume è illustrato da vignette di Ivo Guaragna.
Scarpellino ha collaborato, fin dalla sua nascita, con la rivista Periferie.

Si è spento il 20 dicembre 1999, mentre stava per pubblicare Foja ar vento, uscito postumo nel 2000 (Edizioni Cofine, Roma).

 

Le poesie di Vincenzo Scarpellino


Un'antra foja ar vento

Scordete tutto quello che te scoccia,

smozzica er fiato inzino a che te resta

e quanno senti vota la capoccia...

lassete annà, domani è sempre festa.

 

Ce starà chi te piagne e chi bisboccia,

chi sputa na sentenza nun richiesta,

chi se fionna a pulitte la saccoccia,

ma pochi a ditte: è voce de protesta.

 

Saranno quelli che te cercheranno

senza avé dubbi de trovà la porta

e co li bracci te solleveranno

 

p'arigalaje un'antra foja ar vento,

ma tu nun ce stai più, manco t'importa...

vai incontro ar nulla eterno a cor contento.





A un passo dall'antro monno

'No sbarbajo improviso... poi un chiarore

se spanne tutt'introno e a mano a mano

er sottofonno d'un parlà lontano

scanza er silenzio senza fà rumore.

 

Se ferma er tempo che nun vo' più córe

ortre quer muro, fora da l'umano,

do' c'è la strada pe scoprì l'arcano

che all'omo je scancella ogni dolore...

 

Nun t'aricordi più si prima c'eri,

nun vedi più te stesso e tu ce stai

senza più l'oggi, né er domani o ieri.

 

Ma quer risvejo all'eco de na voce...

è assai più duro perché mo tu sai

quanto te costa arincollà la Croce!





Preghiera d'un marinaro

 

O notte carma sopra de sto mare

mare de pece inzino a lo sprofonno,

dije a la luna de mannà giù a fonno

fiotti d'argento quanno che t'appare.

 

Lì ce so' quelli che nun cianno artare

calati a picco immezzo ar finimonno,

falli sortì!... perché loro nun ponno

restà più senza le perzone care.

 

La notte allora fa: - io t'arisponno!...

manno na luna corma de sprennore

pe falli arsvejà tutti dar sonno! -

 

E schizzofatto, a dritta, su lo sfonno,

a uno a uno, immezzo ar luccicore,

eccheli incamminasse sopra ar monno!





AIDS, la peste der dumila

Dice che le "cocotte" co li "ghei"

spanneno un morbo... un fregno de "diesse"

de Sodoma e Gomora, ma po' esse?

Che n'averà infettati?... cinque... sei!

 

Qua s'annisconne un antro "superesse"

co li fantasmi de li "Mardocchèi"

ma tutto fenirà ner "Panta rei"

quanno 'sto Papa smonta dar calesse.

 

Pò stà che serve solo a na funzione?...

er "crececcala" in mano a la morale

chiude bottega e canta l'orazzione!

 

Un conzijo, comunque, nun fa male:

lo scortico vabbè, ma fa' attenzione

e gnente ciucci in bocca e l'oroanale!

 





Cristo e Marxe

N'immagine de Cristo e dirimpetto

quella de Marxe, come du' fratelli,

ognuno a modo suo, so' du' modelli

de regola de vita e de concetto.

 

Li guardo mentre attaccheno er duetto

su le croci, le farci e li martelli,

la proprietà, le lotte e li sfracelli

fra l'omo ricco e l'omo poveretto.

 

Sur fatto che Dio c'è... Marxe fa er sordo

e piazza un Cristo a fianco ar "prusvalore".

Su na cosa, però, stanno d'accordo:

 

che in fonno, co le leggi sue,

er "potere", qualunque sia er colore,

l'ha cojonati bene a tutt'e due!