Croste e mujiche (Croste e molliche) di Alessandro Moreschini


Recensione di Maurizio Rossi

Alessandro Moreschini è nato a Castel Madama nel 1938 e vive a Tivoli da molti anni. Ha svolto attività lavorativa a Roma. È stato assessore all’Istruzione del Comune di Tivoli. Ha ottenuto riconoscimenti e premi, tra cui il “Premio della Cultura”, della Presidenza del Consiglio; è stato nominato Commendatore dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana. E' poeta in lingua e nel dialetto di Castel Madama. Ha pubblicato le raccolte poetiche in italiano Camminare (1971) e, Sazio d’erbe amare (1976); e in dialetto Cuturuni cuturuni pe’ lla pallatana (1983), Casteju bbeju tuttu vantu (1986), E come chi non pare (1993), preceduta nel 1988 da E tu m’accordi (antologia poetica) in lingua e in dialetto, seguita da Taratabassuca (1995) e nello stesso anno da A chi sgòbba la gòbba a chi arobba la robba… (Proverbi, modi di dire, frasi idiomatiche, termini di paragone e soprannomi…); A te devoto me revoto, (2014). È autore del romanzo L’ultimo degli Equi (2000) e Il paese della spina (2011); dell'opera in tre volumi Avviamento allo studio del dialetto nel comune di Castel Madama (2005) e di Antichi giochi e giocattoli (2011).

Crosta e mollica compongono il pane, antico alimento ricco di storia, spesso unico sostentamento di generazioni, insieme ai frutti della terra. Anche il dialetto- di Castel Madama nel caso del Moreschini- è insieme morbido e duro, perché si radica nell’ambivalente vita e storia dell’uomo; è vero e buono: come il pane.

 

Èmo penatu comme le frummiche

de la demà a la sera senza sosta:

a Issi mille vote la Resposta,

a nnune solu croste o le mujiche!.. (Croste e mujiche)

demà: mattina; Issi: essi (padroni); Resposta: rendita; nnune: noi.

 

Nel dialetto si intrecciano dialoghi tra animali e piante, tra le stesse forze della natura e gli astri, nella tradizione del favoleggiare di Esopo, Fedro, La Fontaine, Trilussa...per comporre parabole sulla vita e sui difetti umani: dal dialetto esse traggono una forza nuova, per il legame con la terra e la storia dei luoghi cari al Moreschini

 

Ju véntu fece a ‘u Lambu:

Canno te fa vedé

n-ce sta scàmpu pe’ chivèlle

si toniti, ranzòli

o acqua a callarelle...”

Ju lambu ‘i respose:

Si propriu scustumatu

ché canno tiri forte

si ruvina e morte

pe’ ttuttu lu creatu!..” (Ju vendu e ju lambu)

pe’ chivèlle: per nessuno; ranzòli:grandine; toniti: tuoni; callarelle: caldai, pentole; canno: quando.

 

Na frummica che jea a lavorane

ncrocià pe’ via ‘m- bruttu bacarozzu

che senza verevogna l’appellane:

Se vò’ lo cranu te lo venno a strozzu...”

La frummica sintuta la proposta

j-addimannà: “A ddo lo te ‘sso cranu?”

Ju bbacarozzu, co la faccia tosta:

A ddò’ lo porti tune pianu pianu...” (La frummica e ju bbacarozzu)

Una formica che andava a lavorare/ incontrò per strada un brutto bacarozzo/ che senza vergogna gli disse:/ “Se voui il grano te lo vendo a caro prezzo...”/ La formica, sentita la proposta/ gli chiese:”Dove lo tieni tutto questo grano?”/ Il bacarozzo, con la faccia tosta:/ “Dove lo porti tu poco alla volta...”/

 

Crosta e mollica, appunto, una denuncia spietata ma non violenta, contro il malaffare che ci fa “faticare la vita per vivere” e poi ce la “restituisce” a caro prezzo, con hi fi, smartphone e automobili… anche per svergognare chi decanta, falsamente, la fortuna altrui

 

Na zizziripenna fece a la juna :

Che ffa ‘n-cim’esso ‘m-ezzu a tante stelle?

De certu t’ha basciato la furtuna!..”

La juna ‘i mannane la resposta:

È propriu veru, te la faccia tosta:

Tu t’appicci solu pe ‘u cudimentu

mintr’io allumu tuttu ‘u firmamentu!..” (La zizziripenna e la juna)

Una lucciola fece alla luna:/ “Che fai lassù in mezzo a tante stelle?/ Di sicuro ti ha baciato la fortuna!…”/ La luna le mandò la risposta:/ “E’ proprio vero, hai una faccia tosta:/ tu tu t’accendi solo per godere col maschio/ mentre io illumino tutto il firmamento!…/

 

Tutta questa falsità e malvagità, che pure denuncia e mette alla berlina, è insopportabile, tanto che confessa di “sentirsi appeso” ad un albero, quasi fosse lui il colpevole

 

Io me credea

de stane ‘m-paradisu

tra tanti angiulitti

e mille Santi…

mmece da ca’ tempu me sento appisu

a ‘narburu co’ ‘na corda a ju còju

 

a la manéra de i bricanti!.. (me sento appisu)

Credevo/ di stare in paradiso/ tra tanti angioletti/ e mille Santi…/ Invece da qualche tempo mi sento appeso/ ad un albero con una corda al collo// alla maniera dei briganti!..

 

E’ inevitabile allora riandare con la memoria al tempo de lo jocu e al tempo della Speranza, vissuta pur nella precarietà della propria condizione; ritornare al tempo di quelle poche sicurezze, tra cui quella dell’essenzialità

 

...

Erano tembi che s’area la tèra

eranu tembi che ce stea la quèra…

Pari e mari sia la state che u’ vernu

stéano mmani Jessa e ‘u Patretérnu… (Me revè a mmente)

Erano tempi che s’arava la terra/ erano tempi che c’era la guerra…/ Padri e madri sia d’estate che d’inverno/ stavano nelle mani di Lei (la Madonna) e del Padreterno…

 

...

E canno se sente fa’:

flo..flo...flop...flop…

vordi che la pulenna

è bella e ccotta…

 

Spasa a la spianatora

co’ cca’ provenna,

è pronta pe’ sfamà co ‘na bbotta

tutta la fameja

de nònnema Ceccotta. (La pulenna)

E quando si sente che fa:/ flo...flo….flop...flop…/ vuol dire che la polenta/ è bella che cotta// Distesa sulla spianatoia/ con qualche condimento,/ è pronta per sfamare in una volta sola/tutta la famiglia/ di mia nonna Ceccotta!//

 

Oppure, come in “ce stea ‘na vota” in cui l’Autore fa un lungo e minuzioso elenco dei mestieri- comprisi vji/ che non mme revencu a mmènte…- spariti in gran parte per la cultura e l’economia dell’usa e getta e per quelle degli ipermercati: con un saldo costi/benefici, non sempre a vantaggio di questi ultimi

 

...Ju macellaru scannea,

squartea e vennea la ciccia;

ju pecuraru tenea le pecora,

ju creparu tenea le crapi

ju inestraru facea le matte de jnestra

pe ffa i mattij pe le viti…

Ju potatore potea le pianti

ju cavallaru tenea i cavaji,

j-asenaru j-asini,

ju porcaru i porchi,

ju caciottaru le casciotte,

ju lattaru vennea lo latte… (Ce stea ‘na vota)

...il macellaio sgozzava/ squartava e vendeva la carne;/ il pecoraio aveva le pecore,/ il capraio aveva le capre,/ l’inestraio faceva i fasci di ginestra per legare le viti…/ Il potatore potava le piante/ il cavallaio aveva i cavalli/ l’asinaio gli asini/ il porcaro i porci,/ il caciottaro le caciotte di formaggio/ il lattaio vendeva il latte…/

 

l’elenco, vivacizzato dal dialetto, lungi dal voler un anacronistico e inutile ritorno al passato, induce a ristabilire un giusto rapporto tra l’uomo e gli animali, tra l’uomo e le cose, tra competenza e abilità; relazioni che prescindono, e non confliggono con l’uso intelligente delle macchine e dell’elettronica: questo è il messaggio nascosto tra i versi. Tant’è che, mentre il Poeta incita a tirarsi fuori da questo mondo, non può non riconoscere che la terra che abbracci non ti lascia: non puoi rinnegare la tua umanità ed il tuo legame con la natura

 

Fùji fùji/fujitenne/ da ‘stu munnu/ che pretenne;/ fuji fuji/ ‘n-te fermane/ damme retta/ ‘n-te ggirane…// Vesta tera/ è truppu bbassa/ se l’abbracci/ non te lassa,/ pe’ ‘nu verzu/ è mmare vera/ e ppe’ aru/ sèmpe quera.//

Fuggi fuggi

fuggi via

da questo mondo

che pretende;

fuggi fuggi

non ti fermare

dammi retta

non ti voltare…

 

...Questa terra

è troppo bassa

se l’abbracci

non ti lascia più

per un verso

è vera madre

e per un altro

sempre guerra (nemica). (Fuji fuji)

 

Alessandro Moreschini, Croste e mujiche, Tored, 2016

 

Maurizio Rossi

 

Pubblicato il 27 novembre 2017