Turchin, poesie zeneixi di Alessandro Guasoni


Recensione e scelta di poesie di Maurizio Rossi

Nato a Voltri nel 1958, Alessandro Guasoni è sempre vissuto nel ponente genovese. Scrive dal 1973 in lingua genovese. Ha pubblicato diversi libri di poesia e prosa, tra cui: A poula e a luna, 1997; Antegoe, 2005; Grammatica genovese in tasca (con F. Toso), 2010.

L’azzurro è quel ritaglio di chiarore che vedi tra i tetti...Solo che si impiega tanto a questo mondo per essere uomo, mandare a memoria tante regole, divenire qualcuno, che quel pezzo di cielo si stropiccia e sbiadisce. Così poi, ti ci vuole altrettanto...per imparare di nuovo ad essere nessuno, affinché all’ultimo l’incerata azzurra sia nuovamente tesa...”

Così Guasoni presenta sé stesso e il suo libro “Turchin”: c’è già tutto il suo mondo poetico e la sua Poesia, rara per immagini e per bellezza; profonda, senza vagare per caverne oscure; leggera, senza volare via per essere dimenticata. Mare, cielo e vento, creature dell’aria e dell’acqua, vele distese nel sole, sono la tela sulla quale il Poeta dipinge sentimenti multiformi e originali e domande che nascono dal profondo del cuore

 

Caroggio de veie

 

Vegni a-a barca chi parte,

passa in sce l’aegua fonda,

donde ne parla a la bionda

luna de antiche carte.

 

Brasse mescian a-o scuo,

donde s’incroxa e voxe;

portàn cianin a-a foxe

d’aena e sa o corpo nuo.

 

Da-o caroggio de Veie

se parte verso o mondo,

pe-o ce do mattin riondo,

pe-o rosso cheu de seie.

 

Caravaggei de avventue,

veie che xeua sotti,

san a-o vento corri

verso grende avertue.

 

Damme a man; pe l’andamme

re portiò à euggi streiti;

lasciù in erto, in sci teiti,

o so pa chìo l’acciamme.

 

Vico Vele

Vieni alla barca che parte,/ passa sull’acqua profonda,/ dove ci parla la bionda/ luna di antiche carte.// Braccia muovono al buio,/ dove s’incontrano le voci;/ portano piano alla foce/ il corpo nudo di sabbia e di sale.// Da Vico Vele/ si parte verso il mondo,/ per il cielo del mattino rotondo/ per il rosso cuore delle sere.// Cavalieri di avventure,/ vele che volano sottili,/ sanno correre al vento/ verso grandi aperture.// Dammi la mano per il viottolo/ ti porterò ad occhi chiusi;/ lassù in alto, sui tetti,/ il sole sembra chiamare.

 

Non solo Poesia, è una scena viva che risuona di voci, di grida, di odori e chiama verso grandi aperture dove le vele corrono al vento; altrove ali bianche...”sembrano chiudere le porte grigie smisurate del cielo” e portano messaggi di ricordi e riaffiorano luoghi dimenticati. C’è in questa Poesia il desiderio d’infinito e il bisogno di dare confini al proprio essere e alla propria vita: libertà che in fondo sgomenta

 

Messagge de l’obliansa

 

Messagge de l’obliansa, un pa d’ae gianche

 

navegan de tra e nuvie e pa che saeran

e pòrte grixe stramesuae do ce;

co-a tremmaxon de campanette d’oo

o so o vegnià doman: m’arrampiniò

sciu pe ‘n sente strexio, a-o slitaio,

scin a-a cà co-e so muage scilenciose;

o sciou do ma o ghe pòrta e nuvie stanche

che ghe raxonan de radde ascordae

e lasciù peuan parla di anni passae,

senza affermase mai, canto stondaio.

 

Messaggeri d’oblio

Messaggeri d’oblio, un paio d’ali bianche/ navigano tra le nubi e sembrano chiudere/ le porte grigie smisurate del cielo;/ con il tremito di campanelle d’oro/ il sole verrà domani; mi arrampicherò/ da solo, per un sentiero riarso,/ fino alla casa con i suoi muri silenziosi;/ l’alito del mare le porta nuvole stanche/ che le discorrono di rade dimenticate/ e lassù possono parlare di anni trascorsi,/ senza fermarsi mai, canto lunatico.

 

Altre volte il partire, l’andare oltre, si fa desiderio di volare, invidia- quasi- di quelle “corde tese nell’aria che vibra” di uccelli che l’aria fa risuonare e giocano con i venti e con il sole

 

 

Còrde teise

 

Còrde teise inte l’aia ch’a sobrilla

netta de ce e de zinae; oxelli

scòlli, ch’ei l’avvantaggio de xeuà

a-o ciaeo d’otunno, o d’uverno tardio,

quande porriò mai ese comme viatri?

 

Sciòlli, che bottezzae da ‘n fi à l’atro,

sempre ciù in aero e fa e beffe a-e borrasche,

tanto tra e nuvie o so o l’aggueita e viatri

cercae à ciappalo in sa e in là co-i becchi…

 

Corde tese

Corde tese nell’aria che vibra/ netta di cielo e orizzonti, uccelli/ sciocchi, che avete il privilegio di volare/ alla luce d’autunno, o d’inverno tardivo,/quando mai potrò essere come voi?// Scocchi, che saltate da un filo all’altro,/ sempre più in alto e fate boccacce alle burrasche,/ intanto tra le nuvole il sole fa capolino e voi/ cercate di ghermirlo con i becchi qua e là…

 

Il vento, che non manca sulla riviera ligure, è protagonista in Guasoni, dilata il mondo e diviene tempo che evoca i ricordi e tutto rappresenta e rende presente; diviene infinito, e le “anime dei giorni antichi” attendono e scrutano, come uccelli dal nido, l’istante in cui spiccare il volo e perdersi. Le memorie dell’infanzia si intrecciano ai ricordi di una religiosità “dei vecchi tempi” dove campane e cielo tiepido e turchino proteggevano dalle inquietudini che ora il vento-tempo ridesta

 

O vento o l’inscia o mondo

 

O vento o l’inscia o mondo; in sce so ae

se score abbrettio i diai, taccae e sottane

di angei e di santi, sciù pe-e scae

de l’aia, in cimma a l’onda de campane

 

di vgi tempi; aloa o raso turchin

inte ‘n abbrasso teio o n’avvardava,

a luxe da zoentù sensa confìn

a-e baleustrae de marmo a ne ciammava,

 

che inte ‘na frasca sensa morte ne aspetan,

a-e tore solitaie, a-e muage erte,

a-i vorti, a-e loge che into so se quetan,

perdue inte ‘n seunno de grandixe averte.

 

E anime di antighi giorni ammian

de tra e nuvie pe-o tempo ùmio infinio,

bacca do ce, e into grande so respian,

anniciae into scilenscio do seu nio.

 

Il vento gonfia il mondo

Il vento gonfia il mondo; sulle sue ali/ si rincorrono alla rinfusa i diavoli, attaccati alle sottane/ di angeli e di santi, su per le scale/ dell’aria, in cima all’onda delle campane// dei vecchi tempi; allora il raso turchino/ in un abbraccio tiepido ci proteggeva,/ la luce della gioventù senza confini/ alle balaustre di marmo ci chiamava,// che in una carezza immortale attendono,/ alle torri solitarie, agli alti muri,/ alle volte, alle logge che si acquietano nel sole,/ perse nel sogno di aperte grandezze.// Le anime dei giorni antichi guardano/ tra le nuvole per il tempo morbido infinito,/ padrone del cielo, e nel gran sole respirano,/ raccolti nel silenzio del loro nido.

 

La magia di questi versi fa sì che tutto sia liquido, mutevole, si riveli in sostanze e forme altre: così il vento diviene tempo, l’aria che sale si fa scala, la gioventù è luce senza confine, i giorni passati sono uccelli nel nido che respirano nel sole... Chi legge viene rapito egli stesso “nell’onda delle campane” che scandisce l’ora “profonda”, tempo senza tempo, l’oggi “sospeso” in cui si abbandonano i pensieri e si ascolta il canto di uccelli, il vibrare dell’ora nella “luce di miele”

 

L’oa

 

T’eu mesuà a prefonditae de l’oa?

Fanni roso into cheu, scassa i penscei,

e o so libeo into spacio o s’arrogoa;

sensa arrivà à doman, o lascia o vei.

 

I oxelli cantan tra e ramme da villa,

là vexin a-e borrasche averte in ce

e inte sta voxe o teu tempo o sobrilla

ancon ‘na votra inta luxe d’amè.

I giorni che l’è staeto so’ ancon vivi

inte stradde a-o tramonto da rivea,

co de mògane, tra partence e arrivi,

inti frixi di pòrteghi che ghea

 

e che n’à ammiu da zoeni; ò fòscia niatri

no gh’eimo, à passagià pe quelle creuse,

à vive e antighe stae son staeti di atri,

atri an visto i portae, i costi de reuse;

 

oua che niatri i ammiemmo, a seu memoia

a se fa nòstra, a se vegne a mesccià

con l’ordio de giornae da nostra istia

e ane pa vea, sciben ch’a l’é inventà.

 

Patroin do mondo, oxelli co d’arzento,

de longo in viaegio tra i zinae da taera,

sotta a ae do destin faeto de vento,

scignoi di monti, gorfi, nuvie a-a sbaera.

 

L’ora

Vuoi misurare al profondità dell’ora?/ Fa’ largo nel tuo cuore, cancella i pensieri,/ e il sole libero nello spazio rotola;/ senza arrivare al domani, abbandona lo ieri.// Gli uccelli cantano tra i rami della villa,/ là presso le burrasche aperte in cielo/ e in questa voce il tuo tempo vibra/ ancora una volta nella luce di miele.// I giorni che furono sono ancora vivi/ nelle strade al tramonto della riviera,/ color mogano tra partenze e arrivi,/ nei fregi dei portoni che vi erano/ e che ci guardarono quando eravamo giovani; o forse noi/ non c’eravamo, a passeggiare per quelle stradine,/ a vivere le antiche estati furono altri,/ altri videro i portali, i cespugli di rose:/ ora che noi li guardiamo, la loro memoria/ si fa nostra, viene a mischiarsi/ con l’ordito dei giorni della nostra storia/ e ci sembra vera, sebbene inventata.// Padroni del mondo, uccelli color argento,/ sempre in viaggio tra gli orizzonti,/ sotto le ali del destino fatto di vento,/ signori dei monti, golfi, nubi sparsi.

 

La Storia- un po’ snobbata a scuola- il Tempo che si fa memoria, è in noi, nel filo sottile che ci lega a chi ci ha preceduto e ha vissuto le strade della città degli uomini; la memoria del passato si intreccia con l’oggi e quasi non sappiamo più se siamo reali o dentro un sogno di ieri: allora è necessaria una rivoluzione, un tornare al nido, all’inizio del tempo, per “costruire l’infinito” in un succedersi di giorni di gioia e di dolore, non legati alla giovinezza o alla vecchiaia, ma semplicemente liberi dal tempo perché necessari alla costruzione della storia “nel respiro di Dio”...perché “così è”

 

Revolucion

 

Revolucion, ghe dimo da figgeu,

ma a vea revolucion con niatri a vive

e a meue; paxe a s’inadia de pe-e rive

do sciumme ch’o se spanze d’into cheu.

 

Trai sarxi a scuggia lenta verso o ma

quella revolucio che diggo mi,

chi mette un termo netto tra mi e ti,

e a s’asseeunna do mondo chi saià.

 

O vive e o dua ciaschidun momento,

o va de longo pe l’eternitae,

drento o peu aveighe deu ò felicitae,

ma o seu resegonda o l’à zà redento.

 

Prefondemmo inte l’aegua ciaea da reua,

grendi rescioi tra e nuvie e e scae de l’aia:

de là muagia, a voxe solitaia

de ‘n oxello, in sce tutta a taera veua.

 

Pevolucio veu di vegni in derè

a-o commenso do tempo, e de da-o nio

di anni, construe torna l’infinio,

erchi e palaci into respiro de Dè.

 

Eterno do, eterno godimento,

contunnian comme ‘nte corrieu de spegi;

no forniscian, no no son zoeni ni vegi,

no comensan, e son zà santi drento.

 

 

Rivoluzione

Rivoluzione, dicevamo da ragazzi,/ ma la vera rivoluzione con noi vive/ e muore; quieta s’avvia tra le rive/ del fiume che si spande dal cuore.// Tra i salici scivola lenta verso il mare/ quella rivoluzione che dico io,/ che pone un confine netto tra me e te,/ e sogna il mondo che sarà.// Ogni momento vive e perdura, / procede per tutta l’eternità,/ dentro di sé può avere duolo o felicità,/ ma il suo ripetersi lo ha già redento.// Sprofondiamo nell’acqua limpida della ruota,/ grandi spiragli tra le nubi e le scale dell’aria:/ oltre il muro, la voce solitaria/ di un uccello, su tutta la terra vuota.// Rivoluzione vuol dire tornare/ all’inizio del tempo, e dal nido/ degli anni, costruire nuovamente l’infinito,/ archi e palazzi nel respiro di Dio.// Eterno dolore, eterno godimento,/ continuano come in un corridoio di specchi;/ non finiscono, non sono giovani né vecchi,/ non cominciano, e già interiormente sono santificati.

 

Rivoluzione è trovare un posto nel mondo, unico, irripetibile: il Poeta lo trova nella e per la Poesia, che sconvolge gli equilibri personali e sociali, spingendo verso nuovi orizzonti di autenticità e verità. Il Poeta- secondo Pessoa – è un “fingitore”, ma solo nel senso di nascondere e parzialmente svelare il suo sentire, spesso senza volerlo. Ciò che il Poeta sente è autentico: è il mondo che ha conosciuto con i cinque sensi del suo animo e non può fare a meno di comunicare; eppure resta qualcosa di non detto perché non conosciuto fino alla radice. Anche nella Poesia di Guasoni, nelle sue immagini vive, nei suoni veri, c’è “un oltre” un orizzonte che continuamente induce a sciogliere le vele e a navigare.

 

Alessandro Guasoni, Turchin. poesie zeneixi 2005-2016, ed. ZONA, Genova, 2016

 

Maurizio Rossi

 

pubblicato il 10/9/2017