Francesco Granatiero




[PUGLIA]

Francesco Granatiero è nato a Mattinata (FG) nel 1949 e vive a Rivoli (TO) dove lavora come medico di laboratorio.

Dopo alcune plaquettes di poesia in lingua, ha pubblicato numerose raccolte di poesia nel dialetto del suo paese di origine: All’acchjitte (1976), U iréne (1983), La préte de Bbacucche (1986), Énece (1994), Iréve (1995), L’endice la grava (1997), Scúerzele (2002), Bbommine. Fiori d'asfodelo (2006). E’ presente in importanti studi e antologie (Dell’Arco, Chiesa-Tesio, Brevini, Spagnoletti-Vivaldi, Serrao, Bonaffini).

Dall’86 al ’92 si è occupato del coordinamento editoriale della collana “Incontri” diretta da Giovanni Tesio per Boetti & C. Editori, in cui hanno visto la luce volumetti dei maggiori poeti dialettali del secondo Novecento.

 

Le poesie di Francesco Granatiero


Fuqualite

a Giovanni Tesio

 

Vreccite, quatragnite,

crustéme jarse o mbósse,

bbianghite, tèrra rósse

o néreje, fuqualite,

 

puzzuléme, irassite,

tèrre, tèrre óue ce nfósse

lu uèrme, tèrra iròsse

o fine, óue me mettita

 

mettite - cerevíedde

vòcche úecchie còreje còre

veddiche ógne vedíedde -

 

tèrre - níende tavute -

ije quanne'èje che me móre

me n'héjja fé n'assute.

 

TERRA DI SELCI - Terra sassosa, terra argillosa, / crostame arido o umido, / magreta, terra rossa / o nera, terra di selci, // terra calcarea, grasceta,  /terra, terra dove s'infossa / il lombrico, terra grossa / o minuta, dovunque // mi mettiate - cervello / bocca occhi cuoio cuore / ombelico artigli budella - // terra - niente bara - / io quando muoio devo / farmene un'abbuffata.





Contòure

Nu stambescé: Na nùule.
Li mmòsche cavaddine
ch'u staffine la còute
cacce...
                    Aneme de lòute
se te sciacque la facce
sbruffe mbòrme nu mule.

 

CONTORA - Uno scalpitare. Una nuvola. / Le mosche cavalline / che lo staffile della coda / scaccia... // Anima di fango / se ti lavi la faccia / sbruffi come un mulo.





Chi vóle l'óve

U panaríedde a u vrazze

e ll'óve nde la pagghie,

Ndòneje Cheruzze a stagghie

vórle nd'a vicche e cchiazze:

 

«L'óve, chi vóle l'òve!»

Paròule chièine, tónne,

che l'ajénghiene, o pònne,

l'àreje fine a llu sòule.

 

CHI VUOLE UOVA - Il paniere al braccio / e le uova nella paglia, / Antonio Cheruzze senza posa / grida in vicoli e piazze:  // «Uova, chi vuole uova!» / Parole piene, tonde, / che la riempiono, o possono, / l'aria fino al sole.
 





Funére

E ttíene la mastrije

lu stafelére, ndréte

ndréte véje, a llu ngènete

lu munne, a lla mascíje

 

d'u uagnòune ch'aggire

la róte, de le curle

che spacche la paròule

- lu vurle - quanne tire

 

cuddu spéje o cummitte

legnòule trúene tràndele

o cróne lambe e ttrúene

de fúeche  abbúene abbúene

o stracque de stè citte

sfierre a lla tèrre, a u sòule,

pe la jónne cumbitte

de jastèime e ddespiette.

   

FUNAIO. - Ed hai la maestria / del funaio, indietro / indietro vai, al germe / del mondo, alla magia // del ragazzo che gira / la ruota, della trottola / che spacca la parola / - l'urlo - quando tiri // lo spago o torci / tiranti per buoi alberi cavalli / o corona di lampi e tuoni / d'immotivato fuoco // o stanco di silenzio / sferri alla terra, al sole, / con la fionda dei confetti / di bestemmie e dispetti.
 





Vricce

Préte de mére, vriccia

lònghe e ttónne, l'allisce

aggiòcca ce allustrisce,

c'all'úecchie mije ce appicce

e nzacce s'è cchiú ttónne

o jèje cchiú a ppónda lisce

ma cèrte - assènza jónne -

cchiú pprónde ce vé fficce

  

pe ll'úrte de nu càlece

nd'u quagghie de la mòreje

nd'u mmedudde la càlece

che ngènne nd'la memòreje.

 

CIOTTOLO. - Pietra di mare, ciottolo / ovale, lo limo / perché diventi lustro, / perché agli occhi mi si accenda // e non so se è più rotondo / o è più a punta smussa / ma certo - senza fionda - / più pronto a colpire // con l'urto di un calcio / nel coagulo della morchia / nel midollo della calce / che brucia nella memoria.