Franco Pinto, a Ischitella, con affetto e con due poesie


La prima dedicata alla cittadina garganica e la seconda al grande indimenticabile Maestro Achille Serrao

Franco Pinto, poeta in manfredoniano e innamorato di Ischitella, per motivi di salute, non potrà essere presente fisicamente, come pure avrebbe fortemente voluto nell’incontro dei Poeti di Periferie del 17-18 e 19 marzo 2017.
Ma lo sarà virtualmente e con un documento significativo: Infatti, con la collaborazione di Mariantonietta Di Sabato e di suo fratello Raffaele, è stato predisposto un bel video in cui il poeta Pinto recita una poesia dedicata a Ischitella che riportiamo di seguito e un ricordo dell’incontro avvenuto a Ischitella con il grande poeta e maestro Achille Serrao
 
Ecco il video
 
 
 
Ed ecco il testo della poesia dedicata a Ischitella
 
FRANCO PINTO
 
Je ià ièsse de Schîtèlle
 
«Tò ada ièsse de Schîtèlle»
me dîcèvene da uagnône
quanne accundéve na sturièlle
ai cumbagne a lu candône.
«Tò ada ièsse de Schîtèlle»
m’hanne ditte po’ da grusse
e rîrèvene a crôpapèlle.
Je pa chèpe nd’a nu fusse.
«Tò ada ièsse de Schîtèlle»
rîpetôve... ne ngapôve... !?
e candechéve a ciucchetèlle.
Ma nu iurne arrîve a nôve:
«T’aspettéme quà a Schîtelle
pe na côse ca t’attocche.»
Jôve polve ammizze i stèlle
sènza manghe iaprì vocche.
Je ià ièsse de Schîtèlle
se mo’ l’ucchje mije ce mbonne
’nnanze a luche e gènda bèlle
ca tande danne e ninde vonne.
Si, ià ièsse de Schîtèlle
se ne nzó, ne m’u dîcîte
pe na piccula buscièlle
déte a n’ôme tèrre e vîte.
 
4 maggio 2005
 
TU DEVI ESSERE DI ISCHITELLA – «Tu devi essere di Ischitella» / mi dicevano da bambino / quando raccontavo una storiella / ai compagni all’angolo di strada. // «Tu devi essere di Ischitella» / mi hanno detto poi da adulto / e ridevano a crepapelle. / Io con la testa in un fosso. // «Tu devi essere di Ischitella» / ripetevo... non capivo...!? / e decantavo la morte. / Ma un giorno arriva la notizia: // «Ti aspettiamo a Ischitella / per una cosa che ti spetta.» / Ero polvere tra le stelle / senza neanche aprire bocca. / Io devo essere di Ischitella / se ora l’occhio mio si bagna / davanti a
luoghi e gente bella / che tanto danno e niente vogliono. // Si, devo essere di Ischitella / se non lo sono, non me lo dite / con una piccola bugia / date a un uomo terra e vita.
 
 
E per concludere il bellissimo ricordo dell'incontro con Achille Serrao
 
Ce vedîme, Sumà
 
Recurde de Achille Serrao, cumbagne améte
 
“Era de maggio”
Tó candive na sôre – je nde canusciôve angôre –
all’ombre da crôce de na chjise de Šchîtèlle pe na catarre e nu filarille de vôce ca u côre accarezzéve e l’aneme a chi te stôve a sènde ndèrre e ai stèlle tótte ngile da pôche accumbarîte. M’arrîcorde ca dîspettûse u vinde juchéve pi pagîne du spartîte, ma tó, cûme e nu bune marînére ammizze i botte u mére, attinde, ma no šcandéte, alla granne te ne si ’ssûte sènza dammagge.
Iôve de magge,
ma de n’ate anne. Stôve, assettéte sôpe i scugghje, ngatapîte a lègge au mére e au vinde nu libbre tûve quanne me so’ sendîte l’ucchje ngudde. Iàveze a chépe e che te vôte? Robbe da ne ngrôte! Rocchje d’alîce, sarde, scômbre, pisce de prôte e… – Madonne, cûme iôve bèlle! – na sîccîtèlle arrambîchéte pi cirre ai capille da mamme ca ce la tenôve strètte au pitte ca pa chépe fôre acque, me stèvene a sènde vocc’apirte, ngandéte. Fó tanne ca me so déte cônde de quande jîve granne, quande jîve mbortande pu mónne. Riuscive a “cucîné” u chiú cumblîchéte di piatte cûme se fosse paste e furmagge.
Iôve de magge
o forse giôgne, ne m’arrîcorde, ne nzacce, pèrò tènghe bune ’mbrèsse nd’a l’ucchje a facce c’ha fatte quanne, tra na spîne e nu bucchîre de vîne, t’è cunbîdéte citte citte a la rècchje ca se fosse néte fèmmene avrîje fatte vulendire razze pe tè, ma po’, viste u mbarazze ca ce iôve crejéte, me so’ precîpîtéte a dirte ca stôve pazzianne e nd’è fînîte chió de dîce ca cûme e iôme jive tutte quèdde ca je avôve sèmbe sunnéte de jèsse e ca nenn’ôve. U jurne apprisse u vulôve fé, ma jive partîte. Chi ragge!
A magge
uà turné la rôse, a šcoppe, a marghèrîte, a mîmôse, ma tó, no. Pe turné jûne uà parte apprîme e tó ne nzì mé partîte. Quèdde ca de tè ji partîte ji a scorze, nu sacche vacande mbracîdéte all’acque e u vinde, ma quèdde ca stôve da jinde, u frôtte, l’ha lasséte qua. L’ha semînéte jurne jurne stréta stréte, e i fiûre ca ho caccéte e ca uà caccé ne nganoscene môde o staggiûne, so’ sènza timbe. Magge, settèmbre o gennéje, sàbbete, dumènîche o lunedì, jurne o notte, iôre o mînûte de l’anne ca sîje, sarranne sèmbe frišche, nge asseccarranne méje.
Ce vedîme, Sumà.
 
Ci vediamo, Maestro: In memoria di Achille Serrao, caro amico. “Era di maggio” / cantavi una sera – io non ti conoscevo ancora – all’ombra della croce di una chiesa di Ischitella con una chitarra e un filo di voce che accarezzava il cuore e l’anima a chi ascoltava in terra, e alle stelle tutte da poco comparse in cielo. Mi ricordo che, dispettoso, il vento giocava con le pagine dello spartito, ma tu come un bravo marinaio tra i flutti del mare, attento, ma non spaventato, sei venuto fuori alla grande e senza danno alcuno. // Era di maggio, / ma di un altro anno. Ero seduto sugli scogli, intento a leggere al mare e al vento un tuo libro quando mi sono sentito degli occhi addosso. Alzo la testa e che vedo? Cose da non credere! Branchi di alici, sarde, sgombri, pesci di scoglio e… – Madonna quanto era bella! – una seppiolina arrampicata con i tentacoli ai capelli della mamma che la teneva stretta al petto con la testa fuori dall’acqua, mi stavano ad ascoltare con la bocca aperta, incantate. Fu allora che mi resi conto di quanto eri grande, quanto eri importante per il mondo. Riuscivi a “cucinare” il più complicato dei piatti come fosse pasta e formaggio. // Era di maggio / o forse giugno, non mi ricordo, non so, però mi è rimasta bene impressa negli occhi la faccia che hai fatto quando, tra un branzino e un bicchiere di vino, ti ho bisbigliato all’orecchio che se fossi nato donna sarei stato volentieri con te, ma poi, visto l’imbarazzo che si era creato, mi sono precipitato a dirti che stavo scherzando e non ho finito di dirti che come uomo tu eri tutto quello che avevo sempre sognato di essere e non ero. Avrei voluto farlo il giorno dopo, ma eri partito. Che rabbia! // A maggio / tornerà la rosa, il papavero, la margherita, la mimosa, ma tu no. Per tornare bisogna essere partiti e tu non sei mai partito. Quello che di te è partito è il guscio, un sacco vuoto fradicio di acqua e vento, ma quello che c’era dentro, il frutto, l’hai lasciato qua. L’hai seminato giorno per giorno lungo la strada, e i fiori che sono nati e che nasceranno non conoscono mode o stagioni, sono senza tempo. Maggio, settembre o gennaio, sabato, domenica o lunedì, giorno o notte, ora o minuto dell’anno che sia, saranno sempre freschi, non appassiranno mai. // Ci vediamo, Maestro.

 (Traduzione di Mariantonietta Di Sabato)

 Franco Pinto è nato nel 1943 a Manfredonia (FG) dove vive ed esercita l’attività di falegname. È autore di poesia e teatro. Ha pubblicato le raccolte di poesie U chiamatôre (Il chiamatore), Foggia, Bastogi, 1985; Nu corje dôje memorje (Una pelle due memorie), Il Sipontiere, Manfredonia, 2002; Méje cûme e mo’ (Mai come adesso), nel 2004 e nel 2009 Nvrà vigghje e sunne (Tra veglia e sonno), con Edizioni Cofine, Roma. Ha pubblicato anche ed i testi teatrali Vernucchje (Bernoccolo), Il Sipontiere, Manfredonia, (1990) e A pûpe (La bambola), Edizioni del Golfo, Manfredonia,1991