Pippo Di Noto




[SICILIA]

Vittoriese, classe 1963, Pippo Di Noto è poeta bilingue. Operatore culturale, collabora con varie scuole per la realizzazione di progetti sul dialetto siciliano e sull'Haiku.

Ha pubblicato tre raccolte in dialetto siciliano:  I trafichi ra nanna (Ed. Ci.Di.Bi., Ragusa, 1990); Rimmi, pueta. (Ed. Iblea Grafica, Ragusa, 1991); Siti di Paci (Ed. Quaderni del Giornale di Poesia Siciliana, Palermo, 2004): In lingua italiana ha pubblicato nel 1997 la raccolta Primo giorno di scuola (Ed. Iblea Grafica, Ragusa, 1997).

Suoi testi sono stati inseriti in varie antologie e riviste letterarie. L'autore è inoltre presente in vari siti della rete.

Di lui hanno scritto, tra gli altri, Stefania Elena Carnemolla, Lina Riccobene Bancheri, Salvatore Di Marco, Emanuele Schembari. E' vincitore dei Premi “Città di Marinea,” “I. Buttitta” di Favara e “M. Gori” di Ragusa.

(Aggiornato il 29-06-2007)

Le poesie di Pippo Di Noto


Manu ri patri

Ccu li mo’ manu

figghju

vuogghju sdirraricari

la ramigna

ca crisci na la terra

senza fàrini scròpiri

l’azzòlu…

 

Ccu-cchisti manu

picciriddu miu

vuogghju spitrari

i cori râ gghenti

ca anu l’uocci

mpannati

ri sbrizzi ri sancu…

 

Curagghiu.

Ppi-nzima

ca si puonu taliari.

Manu ri patri…

Manu senza fancu.

 

 

MANI DI PADRE - Con le mie mani/ figlio/ voglio sradicare/ la gramigna/ che attanaglia la terra/ non mostrandoci / l’azzurro// Con queste mani/ bambino mio/ voglio spietrare/ i cuori di coloro/ che hanno occhi appannati/ da stille di sangue// Coraggio. /Finché / potranno esser viste/ mani di padre / mani senza fango.





Otta d'amuri

Petra nìura nnô mari

Capicchiu ri minna ri matri

L’isula ri la fantasia

Ca cci stai comu figghju ri rre

Attigghiatu rê sciuri rô vientu

Acculantatu ri l’unni râ luna

Annacatu rê vrazza rô suli

Quannu ti strinci forti la fimmina to’.

 

OTTAVA D’AMORE - Pietra nera nel mare / capezzolo di seno materno / l’isola della fantasia / che ci vivi come figlio di re / Solleticato dai fiori del vento / bagnato dalle onde della luna /  cullato dalle braccia del sole / quando ti stringe forte la donna tua.





Tibet

Sintemu, alivoti, bisognu

di siri mpuntiddu

spirdutu nnô spazziu

c'ascuta, 'nsilenziu,

li veri palori,

ciusciati dô ventu,

ca percia li carni

e 'mpriaca a murudda,

dda-ssupra ntô Tibet.

E ddocu, capemu

ca nzoccu circamu

l'avimu intr'e nui.

TIBET - Sentiamo, talvolta, il bisogno / di essere un punto / nel cosmo / che ascolta, in silenzio, / le vere parole, / soffiate dal vento, / che penetra dentro la carne / e ubriaca la mente, / là in alto, sul Tibet. / E lì, comprendiamo / che ciò che cerchiamo / è dentro di noi.