Cantunera Sciroccu di Salvatore Bommarito


La Prefazione di Salvatore Di Marco e una scelta di poesie

 Salvatore Bommarito ha recentemente pubblicato la sua seconda raccolta di poesie Cantunera Sciroccu (Cantone Scirocco), Pungitopo, 2016. Il libro è stato presentato il 17 dicembre scorso a Balestrate (PA)

La raccolta di esordio di Bommarito fu Vinnigna d’ummiri (Vendemmia d’ombre), edita da Cofine nel 2012. Con questa silloge inedita si era classificato secondo al Premio Cittadi Ischitella - Pietro Giannone. 

Qui di seguito riportiamo la bella prefazione a Cantunera Sciroccu di Salvatore Di Marco.E una nostra piccola scelta di poesie.
 
Scrivere poesie per Salvatore Bommarito – appena giunto alla seconda silloge di liriche pubblicate – è praticare una vera e propria fede: da non intendere –è bene chiarirlo – in senso propriamente religioso o addirittura fideisticamente, ma ‘laicamente umano’, cogliendo e significando la cifra esistenziale dell’uomo di oggi all’interno della sua realtà. Tuttavia un leggero e soffuso alone di religiosità cristiana riposa sullo sfondo dell’intera raccolta di versi, senza per questo essere dal poeta esplicitamente reso manifesto. Sicché la poesia – ma si può estendere alla più generale poetica dell’autore – in quanto si pone come espressione del reale mondano, terreno, intanto è dato come un autentico atto di verità. Possiamo, dunque, parlare di un vero e proprio umanesimo del reale e del vero.
Ritroviamo infatti, in  Bommarito, una veritas (umana, non trascendente) la quale – riflesso lirico della più alta e ideale verità – scende tuttavia naturaliter nella interiorità profonda del poeta, e con gli occhi e cuore rinnovati gli mostra o forse piuttosto gli rivela, il mondo concreto della realtà. Ecco un esempio: il vento di scirocco, il fuoco, contrassegni tipici della realtà siciliana, costituiscono gli archetipi – tra gli altri –  della poetica di Bommarito, e ne riscontriamo il senso in questo brano:
 
Prima u focu ’un parrava e s’arrunchiava tuttu. Si mittìa vasciu vasciu p’un fàrisi vìdiri… E s’u sciroccu u stricava n-terra ’un si putìa chiù catacògghiri… Quannu n’arricampàvamu allaccaruti, c’a facci niura e c’u tanfu ’i fumu nti robbi, ’un ni spicciava chiù ’i parrari… Ô patri ogni tantu n’u sunnàvamu cch’i manu supra u braceri. Dicìa ca nnu postu unn’era u focu ’un la finìa chiù ’i quariarlu. Tantu ca nostra matri pinsàu ô nfernu. Ma… mentri camiava u furnu, na vota â stissa ci dicìa:  “cu appi focu campau”.
 
Ecco la realtà che Bommarito innalza ai livelli del dettame poetico, ed è la realtà (lo ripeto) che tutti noi viviamo ogni giorno, quella che interiorizzata diventa esperienza, formazione del temperamento, concezione del mondo, il nostro più ripostoe velato modo di essere. Ed è da questa area interiore che sgorga nel poeta la poesia con i suoi contenuti e i suoi linguaggi. Si tratta, in ultima analisi, di quei siti creativi che troviamo nei componimenti poetici di questa silloge dove si articolano, in una permanente coniugazione tra memoria e presente, tra l’essere e il tempo nei suoi sottintesi richiami heideggeriani, i luoghi nativi riemersi dalle stagioni della fanciullezza e dell’adolescenza, le persone con le quali il poeta ha interagito, la famiglia attraverso le sue stesse trasformazioni nel tempo; la casa, gli oggetti, i personaggi e gli aneddoti del paese nativo, i dolori e le gioie, le speranze, i sogni, i progetti: insomma, ogni sfaccettatura dell’anima trasferita nel ‘modus poetandi’. E non solo, ma soprattutto nel dialetto. In quel dialetto che nasce dal «volgar eloquio» di pasoliniana manipolazione, e divenuto vero e proprio linguaggio della poesia, sua veste lirica, sua radicale significazione.
Ecco, è proprio entro questi illimitati perimetri dello spirito, della mente, della creatività, che il nostro poeta ne riscopre i tratti semantici in questi versi: Accussì nta sta passiata ‘i palori / mi currìanu appressu / e ’un mi lassaru chiù.
Né il poeta se ne separa. Ecco così sinteticamente delineato il percorso poetico del Bommarito: il recupero della parola elevata a dignità di poesia, che lo accompagna per tutto il suo percorso poetico. E se teniamo conto che ci troviamo davanti alla parola dialettale, allora il dettato e le varianti del suo linguaggio offrono alla parola un valore nuovo. In altri termini, il dialetto da lingua della poesia diventa anche lingua della realtà. Sicchè è naturale disvelare il senso recondito della idea (del sentimento) di Bommarito il quale vive la poesia come un permanente ‘atto di fede’. È allora questo questo il ‘segreto’ di tutta la poetica del nostro autore, dell’essere poeta e ‘narratore’ di verità concrete raccolte nel suo mondo? Nessuno potrebbe esserne certo –  neppure in chiave psicologica – ma abbiamo indubbiamente individuato il sentiero dove transita la ‘ragione lirica’ di Bommarito. Non a caso le poesie di questa raccolta sono spesso brevi (o più articolate)  ‘narrazioni’ talvolta soffuse di malinconia, talaltra di nostalgia: si legga Ballatedda ’i meli e ’i feli dove la vita sembra di tanto in tanto smarrire le sue rosee coloriture, si fa scena e scenario, attimo di smarrimento mentre u munnu n’ascutava a frevi.
Concludendo, con questa sua seconda raccolta di poesie Salvatore Bommarito si inserisce sulla ribalta della poesia dialettale nuova di questo secolo, con il contrassegno della originalità e della autenticità.
 
Salvatore Di Marco
 
 
PALORI CA ’UN MI LÀSSANU
 
Accuminciài quannu me matri junceva i manu a na [
lampa
nca sparagnannu palori jisava a so casa…
ma ju circava d’arricchìrimi
e partìa c’un panaru,
arricugghennu palori pureddi
ca niscìanu l’unghia p’un pèrdisi nta fudda.
 
Accussì nta sta passiata i palori
mi currìanu appressu
e ’un mi lassaru chiù
e p’un perdirli l’avìa a cunurtari
dàrici a manciari
farli trippiari nta me casa
jìrici appressu ntu focu d’u sciloccu
o nta tannura d’u mmernu,
nca sulu allura m’arrispunnìanu
sbampannu a cìnniri
o arricintànnumi cu na vacilata d’acqua.
 
Palori ca ’un mi làssanu attruvai
ca misi a pènniri ê trava dâ me casa
e certi voti mi ni scinnu na rappuzza
e n-cocciu m’abbasta pi cunurtàrimi u spinnu,
ma autri voti scìnninu suli
comu u chiummu
pi tagghiàrini a facci
e ni fannu addisiari a morti
p’arrisittàrini.
 
 
PAROLE CHE NON MILASCIANO. Cominciai quando mia madre univa le mani a un lume / poiché risparmiando parole costruiva la sua casa… / ma io cercavo di arricchirmi / e partivo con un paniere, / raccogliendo parole povere / che sfoderavano le unghia per non perdersi tra la folla. // Così in questa passeggiata le parole / mi correvano appresso / e non mi lasciarono più / e per non perderle dovevo confortarle / dare loro da mangiare / farle ballare nella mia casa / andarci dietro nel fuoco dello scirocco / o nel focolare dell’inverno, / poiché solo allora mi rispondevano / svampando la cenere / o risciacquandomi con un rovescio d’acqua // Parole che non mi lasciano ho trovato / che ho appeso alle travi della mia casa / e a volte me ne scendo un grappolino / e un acino mi basta per confortarmi il desiderio, / ma altre volte scendono sole / come il piombo / per tagliarci la faccia / e ci fanno desiderare la morte / per rasserenarci
 
 
CANTUNERASCIROCCU
 
All’accurzu ci poi jìri,
tagghiannu u tempu ca ti cadìu ’i mmanu
o strincènnulu cu palori assintumati
ntu ficatu…
c’arrimìnanu i vuredda e annègghianu a jurnata,
ma ’un nèscinu pirchì nuddu l’arricogghi.
 
Nca jucannu, a chiù tinta cantunera n’attuccàu
o a megghiu…
c’a vulirla scannaliari p’i quartari ciaccati,
all’acqua d’u puzzu ’un cià mannassi…
mancu sula a putìssimu lassari
pirchì ’i notti na fudda ’i spinzirati
a cunorta e scaccanìa.
 
Ma ci leva u pani ’i mmanu
e u nutricu chianci.
 
CANTONE SCIROCCO. Per la via più breve ci puoi andare, / tagliando il tempo che ti è caduto dalle mani / o stringendolo con parole imbalsamate / nel fegato… / che fanno muovere gli intestini e annebbiano il giorno, / ma non escono / perché nessuno le raccoglie. // E giocando, il più brutto cantone ci è toccato / o il migliore… / che a volerlo punire per le brocche incrinate, / all’acqua del pozzo non lo manderei… / nemmeno solo lo potremmo lasciare / perché di notte una folla di spensierati / lo conforta e ride. // Ma toglie dalle sue mani il pane / e il neonato piange.
 
 
L’AJU VISTU FARI
 
L’aju vistu fari a ricotta…
quannu l’arrimìnanu e pari ca ’un acchiana,
pirchì u seru ’i notti ’un s’appi a ripusari
e mancu u focu ci potti
a fàrici canciari pinzata.
 
Accussì a puisìa,
a coci ma a criatura ’un senti ammuttuna…
certi voti mancu l’arma ci abbasta
e l’arriminamu ammàtula,
pirchì sulu quannu ci cummeni assumma.
 
E quasi ’un ci criremu quannu
c’u mmiràculu…
ni jinchemu i fasceddi.
 
L’HO VISTO FARE. L’ho visto fare la ricotta… / quando la mestano e sembra che non sale, / dato che il siero di notte non s’è riposato abbastanza / e nemmeno il fuoco ha potuto / farci cambiare idea. // Così la poesia, / la cuoci ma la creatura non sente solleciti… / certe volte nemmeno l’anima le basta / e la mescoliamo invano, / perché solo quando le conviene viene a galla… // E quasi non ci crediamo quando, / col miracolo… / ci riempiamo le fiscelle.