Prima i dppe de lu ninte. Raggine i senteminde n-cerca de veret di Evandro Ricci




 Sènza mì stèsse, a vòte

pare me tròve sule
sènza nu desidèrie;
giuvenutte, hai credute
a nu ddì misteriuse
sènza fède secura.
A la periferì de tutte,
a nu ngròce de l’ànema
sènza scarce de là
nì p’ammònde u p’abballe.
N-campagna me cunfòrta
ju repuse a na prèta,
na furmica uperaia,
file fine de jèrva,
rescìrtela a ju sole,
ju cante de frenguijje.
Strègne m-mène nu fiure,
pènze a la vita mè
a la vita de fiure.
M’abbasta sta jurnata
pure pe ju dumane.
Ju sòle tra ju còre
nen sempre ce se fèrma.
Mò pènze bianghe i nire,
sule se scrive virse
me sònne ji culure:
pare de camenè
che’ ji pide de vitre
pe cercà le paròle
i fàvule de vita.
 
(Senza me stesso, a volte/ pare mi trovi solo/ senza un desiderio;/ da giovane ho creduto/ ad un dio misterioso/ senza fede sicura./ Alla periferia di tutto,/ in un incrocio dell’anima/ senza squarci di là/ né in su o in giù./ In campagna mi conforta/ il riposo su di una pietra,/ una formica operaia,/ un filo sottile di erba,/ una lucertola al sole,/ il canto di un fringuello./ Stringo in mano un fiore,/ penso alla vita mia/ alla vita del fiore./ Mi basta questa giornata/ anche per il domani./ Il sole nel cuore/ non sempre ci si ferma./ Ora penso in bianco e nero,/ solo se scrivo versi/ mi sogno i colori:/ pare di camminare/ con i piedi di vetro/ per cercare le parole/ e le favole della vita. (pp.56 e 57)
 
L’ultima raccolta di liriche di Evandro Ricci, nel dialetto di Secinaro, paese della Valle Subequana in provincia dell’Aquila, è imprescindibile dal titolo: Prima i dòppe de lu ninte. Raggiòne i senteminde n-cerca de veretà, “Prima e dopo il nulla. Ragione e sentimento in cerca di verità” (Ed. Qualevita, 2016). L’opera accoglie ben 251 poesie, scritte di fila su due colonne, una per la traduzione in lingua, quasi senza soluzione di continuità, senza titolo, ma contraddistinte dal numero del componimento e il primo verso in neretto. Viene quasi automatico pensare ad un flusso di coscienza. Il poeta, sostanzialmente solo, dona tutto se stesso al lettore, quasi nell’anelito di trarre le fila di un’esistenza, posta fra il prima e dopo il nulla appunto.
Tutta l’opera è pervasa da contrasti cui il poeta a volte si ribella, a volte si abbandona arrendevole: vita e morte, amore e dolore, luce e ombra, ricerca di Dio e sua negazione, ricordi dolci e amara attualità, giovinezza e vecchiaia. Il paesaggio è il paesaggio caro a Ricci, la Valle, ma potrebbe essere qualsiasi luogo montano della Terra o addirittura un luogo tutto interiore, se occasionalmente non facesse la sua comparsa l’unico toponimo troppo caro al poeta: il Sirente, maestoso monte, quasi gigante gendarme della Valle. Anche il paese è un luogo - non luogo, rarissime le presenze umane, la vita è tutta vegetale, ora malinconicamente notturna, ora festosamente diurna ma, anche qui, la costruzione a contrasto non si fa attendere. A volte il sole è nu sòle che pate “un sole che soffre” (v.30, componimento 9, p.21), nu sòle attrestète “un sole intristito” (v.8, componimento 13, p.24), altrove Ji règge de ju sòle/ se fanne pèrle d’ure/ tra felère de vigne “I raggi del sole/ si fannoperle d’oro/ tra filari di vigna” (vv.1-3, componimento 23, p.28). Parimenti abbiamo la luna vestita/ cumma spòsa felice/ recupèrta d’arginde “luna vestita/ come sposa felice/ ricoperta d’argento” (29-31, componimento 28, p.31) di fronte a ju còre de ju munne/ è trafitte da l’òmbra/ de na pàlleda luna “il cuore del mondo/ è trafitto dall’ombra/ di una pallida luna” (vv. 26-28, componimento 48, p.41). E tale gioco di contrasti, nei quali l’anima sempre irrequieta di Evandro è in balia, potrebbe costruirsi a scacchiera con quasi tutti gli elementi che compongono le liriche. Il poeta lo dice a chiare lettere nel titolo della raccolta: Raggiòne i sentiminde n-cerca de verità, ma all’uomo non è dato di trovare la verità assoluta in questo nostro umano percorso tra il prima e il dopo del nulla, per chi non dà pace alla sua anima con il conforto delle fede religiosa.
Eppure l’amarezza di Evandro trova sempre una risposta positiva, tutta umana, a questa condizione: è l’amore, carnale, fraterno, spirituale, l’amore in tutte le sue forme che ci è concesso in questa nostra vita; Nu fiore chiama j’ape/ pine de desidèrie,/ la pòrta d’anzia aèpre/ l’anema de la carne/ che stìmpera l’amore/ de calla castetà,/ è la llusiòne etèrna/ de la mmurtaletà,/ l’auta cunzulazione/ nen fa sentì dulòre “Un fiore chiama l’ape/ pieno di desiderio/  la porta dell’ansia apre/ l’anima della carne/  che stempera l’amore/ di calda castità,/ è l’illusione eterna/ dell’immortalità/  l’alta consolazione/ non fa sentire dolore” (vv. 4-13, componimento 248, p.154).
Ma il poeta è anima tormentata e, continuamente, alle soluzioni ricercate seguono dissoluzioni di quelle risposte, di quella momentanea pace, fino a quando forse egli comprende che è proprio di quella momentanea pace che l’uomo deve fare tesoro, come il poeta lascia dire ai suoi versi nella lirica in apertura della presente riflessione.
Il libro di Evandro Ricci ha inoltre un pregio notevole: proprio perché i suoi versi scorrono come un fiume in piena,  proprio perché il poeta ci apre il suo cuore, il suo animo tormentato in un inesorabile flusso di coscienza, come si è detto,  le poesie sono godibili sia nel loro scorrere progressivo, sia singolarmente, aprendo casualmente il libro. Tutto scorre, ma tutto è unico, spunto di meditazioni in cui l’uomo contemporaneo non può non riconoscersi. E per questo convince anche l’uso del dialetto, lingua materna che fluisce senza filtri, che sgorga pura dal cuore,  non ancorata ad un passato rimpianto, ad un mondo che scompare, ma lingua prima e primaria che accompagna i tormenti esistenziali, le ribellioni del cuore, la ricerca della verità, prima e dopo del nulla, del poeta.
 
Stefania Zitella
 
Pubblicato 21 dicembre 2016