Quattro poesie inedite di Pietro Civitareale




Ecco quattro poesie inedite di Pietro Civitareale dalla raccolta Préime che ve' le schìure”
 
 
LA CASE
 
La case nen te' chiù
né porte i né fenestre
e i ciéjje ce ìntrene
i ce jéscene come
se nen ce stesse chiù.
 
La zappe i la fàuce
 se so' arruzzenéite
dentre ajju giardéine
ch'è deventate nu ntréiche
de fojje i de réme.
 
Pure ju cane s'è fatte
viecchie i ciòppeche
quande me ve' appriésse.
 
 
LA CASA. La casa non ha più né porte né finestre e gli uccelli vi entrano e vi escono come se non esistesse più. La zappa e la falce sono coperte di ruggine nel giardino,che è diventato un groviglio di foglie e di rami. Anche il cane è invecchiato e zoppica quando mi viene dietro.
 
 
NU GIARDÉINE DE LÌUCE
 
Che bellezze
ju ciele massàire!
Nen ce sta la lìune,
ma n'ajje me' viste
tante stelle
i accuscì lucente.
 
Uarde i reuarde,
ma j'uocchie
ne vàstene pe' vedajje,
tutte quante,
stu giardéine de lìuce
che se stènne
sopre de niue.
 
Ajju stesse tiémpe,
na meravìjje
i nu sgumiènte
 
 
UN GIARDINO DI LUCE. Che bellezza il cielo stasera! Non c'è la luna, ma non ho mai visto tante stelle e così lucenti. Guardo e riguardo, ma gli occhi non bastano per vederlo, per intero, questo giardino che ci sovrasta. Allo stesso tempo, un incanto e uno sgomento.
 
 
LA VÉUCE
 
Ne so' passate d'ènne
da quande ce semme lassate!
È nu piezze ch'ajje
smisse de cuntarie.
Eppure la véucia tajje
me la recorde anchéure.
 
É come nu sìune leggére,
nu zùffele de viénte,
nu colpe de scénne,
ju respéire de nu cìtele.
 
I spisse me ve' a truvà.
La notte specialmente,
mentre stiénghe ad aspettà
de calàrmene ajju suonne.
 
 
LA VOCE. Ne sono passati di anni da quando ci siamo lasciati! E' un pezzo che ho smesso di contarli. Eppure ricordo ancora la tua voce. E' come un suono lieve, un soffio di vento, un battito d'ali, il respiro di un bambino. E spesso viene a trovarmi. La notte specialmente, mentre sto aspettando di prendere sonno.
 
 
I  QUESTE VASTÀIVE
 
Te vedàive passà ogni juorne,
ma jéje nen tenàive ju curagge
de farte nu cenne, de dirte na parole.
 
Éive accuscì belle che la lengue
me deventàive de prete i le parole
me se fermèvene nganne.
 
Ma te uardàive i tu me uardéive.
I queste, queste soltante, vastàive.
 
 
E CIO' BASTAVA. Ti vedevo passare ogni giorno, ma non avevo il coraggio di farti un cenno, di dirti una parola. Eri così bella che la lingua diventava di pietra e le parole si arrestavano nella gola. Ma ti guardavo e tu mi guardavi. E questo, questo soltanto, bastava.
 
 
Pubblicato il 5 dicembre 2016