Cristareddu appuiatu nto ventu di Patrizia Sardisco


Nota e scelta di poesie di Anna Maria Curci

La poesia di Patrizia Sardisco, in particolare quella scritta nel suo dialetto monrealese, ha il potere di restituirmi lo spirito e il dettato di Madre lingua di Rose Ausländer: «Mi sono tramutata in me/ di attimo in attimo/ smembrata fatta a pezzi/ sul sentiero di parole/ madre lingua/ mi ricompone/ mosaico di persone» (qui nella mia traduzione). Parola terra materna, sì, con la presa in carico, i segni nella carne e i solchi negli occhi di camminate per i sentieri impervi di una lingua madre, radicata nell’anima e sradicata ormai nella realtà sempre matrigna, con i tesori strappati a mani nude, che ora ne riportano le escoriazioni, con i frutti di immersioni compiute nella coscienza del rischio e del confine sottilissimo tra “pausa del respiro” come opportunità di riflessione e apnea fatale. Non c’è spazio, qui, per la concessione alla moda vezzosa e al fascino esotico del dialetto.

Ciascuno di questi testi, inediti come pubblicazione a sé stante e finalisti al Premio Ischitella-Pietro Giannone del 2014, sono il frutto di una felice (piena, vissuta, ricercata e trovata) unione tra voce partorita dal grembo della Madre lingua e pensiero critico, che scevera e discerne.

 

 Anna Maria Curci

 

***

Ancilu di mari

Chiossà po’ sunnu ‘i jorna pi circari
‘nzoccu pirdisti ‘u jornu ca nascisti

‘U beni canusciuto, l’acqua linna
ca ti sunava ‘i gricchi ‘a notti funna.

Cori assuppatu ‘i mari, era tu resca
tu era granciu, senza sapiri funnu

Tu era pisci, ancilu di mari
cull’ali aperti allucintati ‘i suli

 

 

Angelo di mare - Di più saranno i giorni per cercare/ ciò che hai perduto il giorno che sei nato/ il bene conosciuto, l’acqua leggera/ che ti suonava negli orecchi a notte fonda./ Cuore imbevuto di mare eri una lisca/ eri un granchio senza conoscere fondale/ tu eri pesce, angelo di mare/ Con le ali aperte rilucenti di sole

*

A matri vuci

Natavi leggiu, e leggia leggia ‘a vuci
S’ppuià comu lapa ‘ncapu ‘i rosi
Nto specchiu d’acqua d’i to’ casi

Vuci di matri e figghia
Vuci di granni e nica
Vuci di vini e ràrica c’afferra

Nza s’iddu ‘i pensi o ‘iddu t’i scurdasti
S’addivintaru scrùsciu nt’e to’ gricchi
I murmurii agghiuttuti cu to’ nomu

Nomu di figghiu e patri
Nomu di re e picciotto
Nomu di vini e ràrica c’afferra

S’appuià comu lapa ncapu i rosi
A matri vuci ca spinicìa ‘u to’ nomu
E ti vattiò vaviannut’a facciuzza

 

 

La madre voce - Nuotavi leggero, e leggera leggera la voce/ si appoggiò come ape sulle rose/ nello specchio d’acqua delle tue stanze/ Voce di madre e figlia/ voce di adulta e bambina/ Voce di vene e radice che attecchisce/ Chissà se li ricordi o li hai dimenticati/ se sono diventati rumore nelle tue orecchie/ I mormorii ingoiati col tuo nome/ Nome di figlio e padre/ nome di re e ragazzo/ nome di vene e radice che attecchisce/ Si appoggiò come api sulle rose/ la madre voce che sorreggeva il tuo nome/ e ti battezzò bagnando di saliva le tue gote

*

Pani cunzatu

Attintavi cu l’occhi chiusi, e l’acqua
ti cuntava. D’a terra, di cristiani
di jorna antichi e biaggi di ritornu

e l’acqua ti cuntava
di per’aliva c’addiventa ogghiu

Tu era, e ‘nostramenti addivintavi,
sanu e sminzatu, a bbista e ammucciatu
un pizzuddicchiu ‘i munnu e tutt’u cielu

e l’acqua ti cuntava
d‘u mari a ssiccu c’addiventa sali

Attintavi cu l’occhi chiusi, e l’acqua
t’allivitava pani all’annu novu.
Na muddichedda òi , e una dumani

pani cunzatu, cu l’ogghiu e cu sali

 

 

Pane condito - Prestavi orecchio con gli occhi chiusi, e l’acqua/ ti narrava. Della terra, della gente/ dei giorni antichi e dei viaggi di ritorno/ e l’acqua ti narrava/ di alberi d’ulivo diventati olio/ Tu eri, e intanto diventavi/ intero e dimezzato/ visibile e occultato/ un pezzetto di mondo e tutto il cielo/ e l’acqua ti narrava/ del mare a secco che diventa sale/ Ascoltavi con gli occhi chiusi, e l’acqua/ ti lievitava pane all’anno nuovo/ Una briciola oggi, e una domani/ pane condito, con l’olio e col sale

*

To’ matri

Ma sugnu iu c’afferru
nnulenza pi capiddi
Ca sbattu u pruvulazzo i sutta i vrazza
Cu l’ali aperti ncielu
cu l’ali aperti svintulìu ‘i vini

u diavulu dicìa:
tu no, p’i tìa ‘un c’è nenti
rirìa u diavuluni
affucatu ‘i catarru
mi zirrichiava ‘i carni c’a lamera

‘U diavulu dicìa tu no, e rirìa.
Siminava nnulenza ‘intra di mìa.

Ma sugnu iu ca cci scacciavu a testa
Matri Maronna Matri d’u Signuri
Figghia di Ddiu, to’ matri. E po’ chiù nenti.

 

 

Tua madre - Ma sono io che prendo/ indolenza per i capelli/ che sbatto la polvere da sotto le braccia/ con le ali aperte in cielo/ con le ali aperte sventolo le vene/ Il diavolo diceva: tu no, per te non c’è nulla/ rideva il diavolaccio/ strozzato di catarro/ mi lacerava le carni con lamiere/ Il diavolo diceva tu no, e rideva./ Seminava indolenza dentro me/ Ma sono io che gli ho schiacciato la testa/ madre madonna madre del Signore/ Figlia di Dio, tua madre. E poi più nulla.

*

Cristareddu

U focu c’addiventa petra dura
E tu sì comu a iddu, abbruci e crisci
Focu c’abbampa ‘u voscu
Petra chi funna a terra

E po’ s’arruspigghià ‘a Muntagna nìura
Smaniusa di cuntarinni u so’ cuntu
Vuci ca ntrona ntesta
Vucca c’agghiutti ‘u cielu

E quannu si zittìu pusau ‘u tempu
mutu un minutu prima d’u to chiantu
longu ciatu nfasciatu _ viaggiu curtu
d’i me’ primuna e’ tue. Agghiurnò

si puliziau ‘u cielu comu si Ddiu
si n’avissi addunatu. Cristareddu
appuiatu nto ventu _ va luntanu
e puru si ti chiamu ‘un ti vutari

 

 

Piccolo gheppio - Il fuoco che diviene pietra dura/ e tu sei come lui, bruci e cresci/ fuoco che incendia il bosco/ pietra che fonda la terra/ E poi si svegliò l’Etna nera/ smaniosa di raccontarci la sua storia/ Voce che tuona in testa/ bocca che ingoia il cielo/ E quando tacque pose il tempo/ muto un minuto prima del tuo pianto/ lungo fiato fasciato – breve viaggio/ dai miei polmoni ai tuoi. Si fece giorno/ si pulì il cielo come se Dio/ se ne fosse accorto. Piccolo gheppio/ poggiato sul vento – va’ lontano/ e anche se ti chiamo non ti voltare

***

Su Cristareddu appuiatu nto ventu Patrizia Sardisco scrive:

«Questo quaderno è la documentazione non esaustiva di un affioramento, l’esposizione di un substrato roccioso di gioia e dolore che nessuna degradazione meteorica è stata ancora in grado di alterare: sono i colpi di vanga su una personalissima mitologia del materno posta in tensione con i fantasmi del desiderio e della negazione della maternità, con tutta la tremenda dolcezza che, sul piano esperienziale, se n’è sprigionata.
Il campo lessicale di questa mitologia giace poco contaminato sulla mia lingua materna, nel sonoro del mio repertorio più privato, nel parlato assolato che mi accende i giorni dell’infanzia. Ho compreso solo dopo aver scritto che nessun’altra parola avrebbe potuto portare in superficie questa materia, usando l’italiano avrei semplicemente detto altro, forse altrettanto vero e onesto, ma inesorabilmente altro.
Ho compreso che, per me, il dialetto è lo strumento del rivangare, l’affondo nella terra di un oggetto lucido e affilato capace di smuoverla e di portarne in aria e luce una parte nobile della sua complessa commistione minerale.
Non è uno strumento tenero, il dialetto, ma possiede la grazia della precisione che scongiura l’ingiuria alla memoria.
E il rivangare è un gesto necessario e non casuale, una ecolalia virtuosa della presa interna delle cose che mentre si dice si ricomprende, un sollevare e respingere, un rimodulare che intercetta il più giusto ascolto, la più devota pietas.»

 

_____________

Patrizia Sardisco è nata a Monreale, dove tuttora vive. Laureata in Psicologia, specializzata in Didattica Speciale. Lavora in un Liceo di Palermo. Scrive in lingua italiana e in dialetto siciliano. Sue liriche e alcuni racconti brevi compaiono in antologie, riviste e blog letterari. A tutt’oggi la sua produzione poetica risulta interamente inedita.

 

Pubblicato il 5 aprile 2016