Sotto il cielo pił largo del mondo. Trenta poeti dauni


Un'antologia di poeti del '900 della provincia di Foggia

L’11 febbraio 2016 presso la sede dell’Associazione Culturale Provo.Cult, in via San Nicola n. 14 a San Giovanni Rotondo, è stato presentato, in anteprima assoluta, il numero 14 dei Quaderni dell’Orsa (direttore editoriale Michele Piscitelli), edito dalla casa editrice salentina Besa di Livio Muci. Sotto il cielo più largo del mondo. Trenta poeti dauni, è di fatto è un’antologia di altrettanti poeti della provincia di Foggia curata da Raffaele Niro insieme a Canio Mancuso, Livio Muci, editore di Besa editrice.

I trenta poeti dauni del 1900 antologizzati sono: Marino Piazzolla, Francesco Paolo Borazio, Cristanziano Serricchio, Joseph Tusiani, Emanuele Italia, Antonio Cignarella, Giuseppe Bernardo Annese, Giovanni Scarale, Maria Teresa Savino, Michele De Padova, Michele Urrasio, Emilio Coco, Giovanni Dotoli, Vincenzo Luciani, Francesco Granatiero, Antonio Stuppiello, Sergio D’Amaro, Enrico Fraccacreta, Claudio Damiani, Caterina Davinio, Enza Armiento, Vito M. Bonito, Elina Miticocchio, Salvatore Ritrovato, Marco Franco D’Astice, Lucio Toma, Antonio Vigilante, Sergio Pasquandrea, Antonio Bux, Marco Rinaldi.

Gli autori sono presentati con sintetici interventi critici di: Sergio D’Amaro, Alberto Fraccacreta, Antonio Lillo, Luciano Niro, Plinio Perilli, Salvatore Ritrovato, Paolo Saggese, Cosma Siani, Lucio Toma, Pasquale Vitagliano.

Il libro è arricchito pure da foto di: Matteo Antonacci, Raffaele Battista, Nicola Loviento, Nicola Ritrovato, Mirko Saracino, Alberto Torchiaro.

I trenta poeti antologizzati sono per la grande maggioranza viventi, e otto hanno meno di cinquant’anni. Insieme rappresentano un secolo di poesia, dal Novecento a oggi, e provengono tutti dal territorio dauno. In molti non vivono stabilmente là dove sono nati e guardano a questi luoghi con occhi molto diversi l’uno dall’altro oppure non vi guardano affatto, in nome di una non appartenenza rivendicata o semplicemente vissuta come normale nella realtà globale dei nostri tempi. Cinque scrivono anche o solo in dialetto.
Stili, linguaggi, temi sono diversissimi. Ad accomunarli è solo questo criterio geografico: essere nati in Capitanata nel XX secolo. Ma, dice Sergio D’Amaro nella sua breve e puntuale prefazione, “il confine della Daunia è un criterio di comodo, ha una sua utilità didattica, ma non può dirsi certo che abbia una rispondenza reale con quanto davvero sta succedendo nel mondo globalizzato di oggi”.
E, come rilevano i curatori, “nel volume sono quasi assenti i riferimenti al paesaggio geograficamente inteso, come memoria della terra perduta o vissuta; non ci sono vedute oleografiche di una Daunia inesistente.
C’è però un’altra specie di paesaggio, elaborato in interiore homine, cioè il sentimento del luogo in cui si è o si vorrebbe essere”. Ne viene fuori così una specie di Daunia dell’altrove.
“E alla fine – sottolinea Raffaele Niro - può essere che conoscere i poeti nostri conterranei sia un altro modo per conoscere la nostra terra. L’ennesimo che i Quaderni dell’Orsa sperimentano. I luoghi sono creature millenarie. Può non bastare una vita a comprenderli a fondo. Se poi si tratta di luoghi vari e vasti come i nostri… La Daunia dal Subappennino porta al Gargano e fino alle Isole Tremiti passando per la spianata del Tavoliere, comprende isole e promontori, monti e colline, laghi e mare, fiumi e torrenti, pianura e grotte carsiche, per parlare solo delle emergenze geografiche che abbiamo calpestato e ci hanno riempito gli occhi e trascurando le vicissitudini storiche e linguistiche di cui siamo impastati, i dati economici e sociologici che ci hanno condizionato, e tutto il labirintico giacimento di credenze e valori che è sepolto dentro di noi. L’impresa di conoscerli a fondo è titanica. Si deve affrontarla necessariamente un pezzetto alla volta per provare ad afferrare qualche bandolo di questa composita matassa. La poesia può essere uno dei questi”.

Sotto il cielo più largo del mondo. Trenta poeti dauni, a cura di Canio Mancuso e Raffaele Niro, I quaderni dell’Orsa, n. 14 – Febbraio 2016, Besa editrice
 

Pubblicato il 10 marzo 2016