Lino Marconi e Aurora Fratini, i vincitori del Premio Salva la tua lingua locale 2015


Il primo nella sezione poesia edita, ha preceduto Pier Franco Uliana e Stefano Marino, la seconda nella sezione poesia inedita, Daniele Gaggianesi e Carlo Falconi

Il 22 gennaio 2016 nella Sala della Protomoteca in Campidoglio sono stati assegnati i premi del concorso nazionale Salva la tua lingua locale.

Nella sezione poesia edita il vincitore è stato Lino Marconi con Ritrat de ’n pensér, Campanotto, Pasian di Prato (UD), 2014 (dialetto bresciano), 2° Pier Franco Uliana, Il Bosco e i Varchi, Dario De Bastiani, Vittorio Veneto, 2015 (dialetto veneto nella parlata del Cansiglio), 3° Stefano Marino, Mùffura, Interlinea Edizioni, Novara, 2013 (dialetto Reggio Calabria).
Altri finalisti sono stati: Carla Spinella con Kùe tin fonìmmu, ti ène fonì tìs Kalavria, Ed. Apodiafazzi, Reggio Calabria, 2015 (dialetto greco-calabro), Renzo Favaron, Balada incivie, tartufi e arlechini, L’arcolaio, Forlì, 2015 (dialetto veneto), Massimo Meluzzi, Adès a scòr me (Adesso parolo io), Soc. Ed. “Il Ponte Vecchio, Cesena, 2013 (dialetto romagnolo), Gianfranco Miro Gori, E’ cino la gran bòta la s-ciupteda, Fara Editore, Rimini, 2014 (dialetto romagnolo), Gabriele Alberto Quadri, Ra cucagna e i gelsomin, Ed. del Sette di Quadri, Cagiallo Capriasca (Ticino), 2015 (dialetto lombardo-ticinese).

Nella sezione poesia inedita la vincitrice è stata Aurora Fratini, dialetto di Sambuci (Roma), 2° Daniele Gaggianesi, dialetto milanese, 3° Carlo Falconi, dialetto romagnolo della Valle del Santerno.
Altri finalisti sono stati: Giovanni Benaglio, dialetto veneto della periferia di Verona, Domenico Bertoncello, dialetto veneto, Bassano del Grappa (VI), Cettina Caliò, dialetto siciliano, Paternò (CT), Lia Cucconi, dialetto emiliano di Carpi (MO), Mariagrazia Dessì, sardo di Dolianova (CA), Michele Lalla, dialetto abruzzese, Lino Marconi (dialetto lombardo, Chiari (BS), Francesco Scaravaglione, arbereshe di Spezzano Ionico, Nevio Spadoni, dialetto romagnolo di Ravenna.

UNA SCELTA DI TESTI DEI VINCITORI

 

Lino Marconi

Lino (Angelo) Marconi è nato nel 1929 a Chiari (BS), dove risiede. Diplomatosi al Liceo Classico Arnaldo di Brescia, si è laureato in Medicina e Chirurgia con specializzazioni in Anestesiologia e Medicina Legale. È autore di 14 pubblicazioni scientifiche. Ha pubblicato numerose plaquette con poesie in dialetto, tra le quali Tra ’l Mela e le Castrine (1980), Tremarì (1981), Aissebé (1984), La goga (1990), Lüzaröla (1992), Müsicant de paes (1998), Calsinàs (2000), Sintér (2005), La bega (2008), Il canto dell’oca (2010), Turnà dal mar a ria (2012), Ritrat de ’n pensér (Campanotto, Udine, 2014

La spusa del vent

L’è stat ai pè del mónt
endô la strada la se slarga
e pò, dopo la svólta, ’n mira,
la s’endrissa vers al pónt,

là ghó ’ncontrat
en de ’n cald dopodisnat,
l’ombrea de té sicüra,
contra l’altra figüra
che la öl parì ’n bigat.

Córne i tò bras
sota la pèl de velüt
(timida scórsa, ma
de ruer la bóra)
a rampegà za üs
sura ram de sarésa
e dindulà là ’nsim,
e fas spusà dal vent
dent a ’n mond
töt tò, de fantasia,
che ’l te parìa, alura,
ön striament.

LA MOGLIE DEL VENTO – È accaduto ai piedi del monte, / dove la strada si allarga / e di fronte poi, dopo la curva / si raddrizza verso il ponte, // io ho incontrato là / in un caldo pomeriggio, / la tua immagine, sicura, / contro l’altra figura / che vuol sembrare una crisalide. // Rocce le tue braccia / sotto la pelle di velluto / (timida scorza, ma ceppo di rovere) / già avvezza ad arrampicarsi / sui rami del ciliegio, / e dondolare lassù, / e farsi sposare dal vento / in un mondo / tutto tuo, di fantasia, / che a te sembrava, allora, / un incantesimo.

 

Pier Franco Uliana

Pier Franco Uliana è nato a Fregona (TV) nel 1951, risiede a Mogliano Veneto, svolge l’attività d’insegnante. Ha pubblicato varie raccolte di poesia nel dialetto veneto del Bosco del Cansiglio: Sylva –ae (s.i.p., Treviso 1985), Troi de Tafarièli (“Fondazione Corrente”, Milano 2001), Amor de osèi (De Bastiani Editore, Vittorio V.to 2007), Fontana Paradise (De Bastiani Editore, 2011), La casa, la léngua e l’armelinèr (Vittorio Veneto,Tv, Dario De Bastiani, 2013); in lingua italiana: Lo specchio di Rainer (2000), Siderea aex mundi (2009), Pizzoc Panopticon (2012); Racconti selvatici (2013). Ha inoltre pubblicato: Canséi-Cansiglio. Radici del toponimo (2005); Toponomastica cansigliese (2014); Ingens sylva. Cansiglio dentro e dintorno (2009, 2014), Dizionario del dialetto di Fregona (2015).

[9]

Ndé i faghèr se fà ìndes del tènp,
che ’l passa via ẑenzˆa assar un recòrđo
se nò quel de voler brincar al cel,
ndé le frànbole ṣgionfe đe unbrìa e sol
le stà là a picolon sora al gevret,
o ndove l’é stat deciṣo đe vìver
par servir solche raṣon e đolor,
o morir picà al peẑ che l’à piantà
al pare, o ndove ’l troi ’l finis chi sà
ndé, là la stà la voẑe che par quant
salvàrega la parla ẑènẑa fùfigna,
come quan se scoltéa al cant de le fémene
che le metéa đo le fagherine.

Dove i faggi si fanno indice del tempo, / che passa senza lasciare un ricordo / se non quello di voler afferrare il cielo, / dove i lamponi gonfi d’ombra e sole / stanno a penzoloni sopra il leprotto, / o dove si decise di vivere / per servire solo ragione e dolore, / o morire impiccato all’abete che piantò / il padre, o dove il sentiero finisce chissà / dove, lì sta la voce che per quanto / selvatica parla senza inganno, / come quando si ascoltava il canto delle donne / che mettevano a dimora le piante di faggio.

 

Stefano Marino

Stefano Marino È nato a Reggio Calabria nel 1936. Dal 1961 vive a Milano, dove si occupa di ricerca e laboratoristica medica. Scrive in dialetto reggino, ma nella sua lingua sono presenti fonemi della provincia omonima, da cui provenivano i suoi genitori, e dell’area dello stretto, Messina compresa. Ha pubblicato nel 1992 Umbri, con presentazione di G. Tesio (Boetti & C. Editori, Milano). Nel 2001, Parrasulu-Parlasolo, per la collana “Biblioteca Mediterranea”, diretta da P.L. Ávila e G. Depretis con l’introduzione di quest’ultimo (Edizioni dell’Orso, Alessandria 2003, Premio Nazionale Biagio Marin). Nei cinquantatre testi di Mùffura (2013), riemerge il suo mondo, con la originalità di colore e la ricchezza fantastica mediterranea che l’autore si porta dentro. È inserito in numerose antologie tra cui: Via Terra antologia di poesia neodialettale, a cura di A. Serrao; Il pensiero dominante. Poesia Italiana 1970-2000, a cura di F. Loi e D. Rondoni.

II

T’abbrazzu mari, e fujist’i mia,
mercùriu niru a ll’orru ’llampratu,
e puru, sentu chi mi pigghi sanu,
comu scìḍḍichi chetu nzin’ê mussa,
e si mai finitu rent’a ll’occhiu,
comu mi lassi jiri nta tò acqua,
e mi ngagghi cu fundu senza luci,
chi fa’ sintiri randi e sbarroga
p’a tò possanza carma, patri meu;
ma nt’o tò nfinitu lustru ri luna,
ri llundi lemmi e curti nt’ê nnicchi,
cha rrema mbenta cu nu at’i ventu,
sunnu murra e murra r’occh’i luci
ri ḍḍ’arma curda e ri Palestina,
chi so cìnniri a ll’est lampïannu,
e mi vàrdanu st’occhi nta nu sognu,
ri citt’arrùnchiu ri sbarrogu fattu,
e spìanu, espìandu, u picchì
non nc’è nuḍḍu diu mu voli ’ssiri,
e sti vampi su’ sempi ’cchiu smaniusi,
smuvuti, r’a cardacìa ri stiḍḍi.

T’abbraccio mare, e mi sei scappato, / mercurio nero dilatato all’orlo/ eppure, sento che mi prendi tutto, / come scivoli piano alle labbra, / e sei raso all’occhio mai finito, / come mi lasci andare nella tua acqua, / e m’intrappoli col fondo senza luce, / che impaurisce e fa sentire grandi, / per la tua forza calma, padre mio; / ma nel tuo infinito rischiarato di luna, / nelle nicchie delle onde stracche e corte, / che la corrente inventa con un fiato di vento, / sono banchi e banchi di occhi di luce / di quell’anima curda e di Palestina, / le cui ceneri mandano bagliori ad est, / e mi guardano quest’occhi in un sogno, / di taciuta attesa di meraviglia fatta, / e chiedono, espiando, il perché / non c’è alcun dio che voglia esistere, / e queste vampe sono sempre più inquiete, / smosse, dal malessere delle stelle.


Aurora Fratini

Aurora Fratini è nata a Roma, dove vive e lavora. Ha scritto poesie in dialetto romanesco e sambuciano ancora inedite. È presidente dell’Associazione culturale Terzo Millennio di Sambuci (fondata nel 2000) che ogni anno, nel mese di agosto, rappresenta in piazza di Corte, presso il Castello Theodoli, una commedia originale in dialetto o in lingua. È autrice, regista e sceneggiatrice delle commedie già rappresentate: La buona Novella, …e quanno la Rosina se marita…, ’A pantasema ’egliu casteglio, Amore bulli e pupe de’ rione (in dialetto romanesco), ’A pila ’ndronata, ’A Mandragora

Ciammaruchigliu

Avocchi ’mbo’ sicché
tuccittu miccu
ajo truvatu maddema’
agliu lettu.
Mmezzu scucciatu,
’ngiammaruchigliu
de vigli cuscì micchi
c’agliu saccuccigliu
ce sguazza’
che mangu ’nzareccoglinu
– ’nzervinu a gnisciunu –
se lascinu alla guazza a sonna’ nzonnu
sciornu e scinnicatu.
Ciammaruchigliu meo
tengo pavura
e sfracella’ alle vetora,
i jusciu finu finu
ndo’ me carea’ e me scarea’
a ssa vida, vigliu
c’angora
t’arengolli pe ndo’
te sta abbia’.
Vurìa lassatte anna’
ma nu me fidu,
caqquandu me scumbari
alla via nova e mette perdu.
Tengo pavura, sci,
caqquandu… mette svoli…
e nun zi’ piune.

LUMACHINA - Ma guarda un po’ / che briciola piccina / ho trovato stamane / nel letto. / Mezza rotta / una lumachina / di quelle così minute / che nella taschina / stanno larghe / che nemmeno si raccolgono / (non servono ad alcuno) / si lasciano sulla rugiada / a sognare un sogno / matto e sgangherato. / Mia lumachina / ho paura / di frantumare tra le dita / l’esile guscio fino / dove mi caricasti e da dove mi scaricasti / a questa vita, quello / che ancora ti accolli / verso dove stai andando. / Vorrei lasciarti andare, / ma non mi fido, / ché all’improvviso mi scompari / per il sentiero sconosciuto / e mi ti perdo. / Ho paura, si, / che… ecco, mi svanisci… / e non sei più.

 

Daniele Gaggianesi

Daniele Gaggianesi (1983) è nato e cresciuto a Corsico, da padre milanese e madre marchigiana. Nell’infanzia impara dai nonni paterni il dialetto milanese, nonostante il loro divieto di parlarlo “per parì minga on paesan”, per non sembrare volgare. Dopo il liceo scientifico, si diploma come attore alla Scuola d’Arte Drammatica P. Grassi e si laurea in lettere moderne all’Università di Milano. Attore di prosa, da qualche anno porta avanti l’attività di poeta e cantastorie in milanese.

Pissada de Natal

Sorpresa! Concentraa chì per pissà,
fiss sul serc’ de luna pièna del scàrich,
saraa sù in sto cess d’on’altra città: frucch!
’Sto Natal l’ha tiraa l’ultim ràntegh.

E capissi pròppi nò se son mi.
Se son ’sto coo refless dedree in sul specc,
dai stellinn de dentifris sècch s’ciarii,
o el boff de ’sta musichetta in del frecc.

Son mì el babbo Natal ’dree anmò a sonà
dal palazz in faccia, tra i luminari
a intermittenza, sòtta el cellofàn?
Pensér prima de girà el calendari:
boffass semper ’st’areador incrostaa
el mè jingle bell metallich a l’ari.

PISCIATA DI NATALE - Sorpresa! Concentrato qui per pisciare, fisso sul cerchio di luna piena dello scarico, chiuso in questo cesso di un’altra città: frucch! / Questo Natale ha tirato l’ultimo respiro. // E proprio non capisco cosa io sia. Se sono questa testa riflessa dietro nello specchio, schiarita dalle stelline di dentifricio secco, o il soffio di questa musichetta nel freddo. // Sono io il babbo Natale che ancora suona dal palazzo di fronte, tra le luminarie a intermittenza, sotto il cellofan? // Pensiero prima di girare il calendario: soffiasse sempre questo areatore incrostato il mio jingle bell metallico all’aria.


Carlo Falconi

Carlo Falconi, nato nel 1975, vive a Imola. Ha pubblicato le raccolte in lingua Albùmida (2002), Il brillo parlante (2004), Uscita di sicurezza, poesie dagli anni zero (2010) e Guerra incivile bianca (2014), ultima raccolta scritta col poeta e amico Gabriele Xella. In dialetto romagnolo, due le pubblicazioni all’attivo: Blëc, poesie nel dialetto della vallata del Santerno (2008) e E’ cruséri (2013).

2 Agosto 2015

Bulôgna la s’ è farméda
nèch st’ ãn la piaza
in pèt a la staziõ’
l’è tôta pina: zẽnt bandìri, fiùr in ogni chẽnt,
e pù la rabia, e’ cumézi, l’ indignaziõ’,
e’ bsôgn ed verité, quichdõ’
ch’ e pianz incóra

Mo e’ fat l’ è sèmper quèl,
u n’ se sa chi èl sté
In verité l’ è cumpagna
a quan’ che õ’ l’ è bëch,
tôt il sa, mo u n’ se pò
brisa dì, e nuêtar no,
u m’ dispiés, a sẽn i bëch

2 AGOSTO 2015 - Bologna si è fermata / anche quest’anno la piazza / di fronte alla stazione / è tutta piena: gente / bandiere, fiori dappertutto, /poi la rabbia, il comizio, l’indignazione, / il bisogno di verità, qualcuno / che piange ancora // Ma la questione è sempre la solita, / non si sa chi sia stato / In verità è come / quando uno è cornuto, / tutti lo sanno, ma non si può / mica dire, e noi altri, / mi dispiace, siamo i cornuti