Poesie di Stefano Rovinetti Brazzi


In dialetto bolognese nella varietą rustica della pianura nordorientale

Pubblichiamo qui di seguito alcune poesie in dialetto bolognese di Stefano Rovinetti Brazzi. La lingua è il bolognese nella varietà rustica della pianura nordorientale. L’autore adotta la cosiddetta ortografia lessicografica moderna (olm) i cui fondamenti sono illustrati in http://bulgnais.com/grafia.html.
Nella traduzione Rovinetti Brazzi ha introdotto spesso costrutti e termini propri dell’italiano regionale che sono ricalcati sul dialetto e di questo rendono accessibili al lettore non emiliano la caratura del testo originale.
Rovinetti Brazzi insegna latino e greco al liceo Galvani di Bologna, e al pomeriggio anima un corso di dialetto bolognese per i suoi studenti. Autore del libro di poesie Venerazione per un verso d'anatra, scritto nel suo dialetto di San Gabriele di Baricella, nello stesso dialetto ha tradotto Saffo
Negli ultimi tempi ha pubblicato due traduzioni dalle Scritture in dialetto bolognese: Le traduzioni non sono state condotte su una precedente versione italiana, ma direttamente sui testi antichi. I Vangêli dal Nadèl, tradotti da Stefano Rovinetti Brazzi, a cura di Francesco Pieri, presentazione di S. Ecc. Mons. Ernesto Vecchi, Pendragon, Bologna, 2013, e Cantico dei Cantici (Canta däl Canti), traduzione dal greco in dialetto bolognese di Stefano Rovinetti Brazzi, traduzione dall’ebraico in italiano di S. Em. Card. Gianfranco Ravasi, a cura di Aldo Jani Noè e Enrico Pagani, Maglio Editore, S. Giovanni in Persiceto (BO), 2015.

Längue ad veritè

Längue ad veritè
scuêṡi sänze nómm e grände
fòre dal óss dal tänp
in bŏcche al Sgnŏur
ch’in dialátt al c’cŏrr sänpar;
e adès ai é al mî silänzi
una vŏuṡ ch’la têṡ,
la vôl la veritè,
idê dal Sgnŏur ch’la vîv ind al dialátt,
etêran, sänpar, änc s’al môr,
o fôrsi pròpi par quáll,
parché änc a têṡar ai é la sô vŏuṡ
ind al silänzi ai é tótt al tänp
vŏuṡ dal Sgnŏur, vŏuṡ ch’la s arcôrde,
e mé a m arcôrd in lî
acsé sänze al tänp
ch’am é d avîṡ d avâiral pêrs
lé atâiṡ al Sgnŏur ch’l á détt al tänp “Tâche”.

LINGUA DI VERITÀ - Lingua di verità / quasi senza nome e grande / fuori dall’uscio del tempo / nella bocca di Dio / che in dialetto parla sempre; / e adesso c’è il mio silenzio / una voce che tace, / vuole la verità, / idea del Signore viva nel dialetto, / eterno, sempre, anche se muore, / o forse proprio per quello, / perché anche a tacere c’è la sua voce / nel silenzio c’è tutto il tempo / voce del Signore, voce che si ricorda, / e io mi ricordo in lei / così senza il tempo / che mi sembra d’averlo perso / lì, vicino al Signore che ha detto al tempo: “Incomincia”.

Bât al män Sgnŏur

Bât al män Sgnŏur
rédd e c’cŏrr
ch’a sintän la vŏuṡ
dal tô silänzi
e stramèż a i sän nó
ch’ind la tô bŏcche avêrte
a stän da séntar
la vŏuṡ ad tótt;
e lasêi c’cŏrrar
ch’a pinsèri as têṡ
e ai têṡ al Sgnŏur,
e a vlâir e a n vlâir brîṡe
a savâir e a n savâir pió
ai ŏ vésst dla żänt zighêr
pr an séntri pió.
Mo al Sgnŏur l é al sulfanèr
dal mŏnnd e ind al sŏu män
dl etêran al vŏuṡ nòstri
a n i pirdän pió.

LINGUA DI VERITÀ - Lingua di verità / quasi senza nome e grande / fuori dall’uscio del tempo / nella bocca di Dio / che in dialetto parla sempre; / e adesso c’è il mio silenzio / una voce che tace, / vuole la verità, / idea del Signore viva nel dialetto, / eterno, sempre, anche se muore, / o forse proprio per quello, / perché anche a tacere c’è la sua voce / nel silenzio c’è tutto il tempo / voce del Signore, voce che si ricorda, / e io mi ricordo in lei / così senza il tempo / che mi sembra d’averlo perso / lì, vicino al Signore che ha detto al tempo: “Incomincia”.

Bât al män Sgnŏur

Bât al män Sgnŏur
rédd e c’cŏrr
ch’a sintän la vŏuṡ
dal tô silänzi
e stramèż a i sän nó
ch’ind la tô bŏcche avêrte
a stän da séntar
la vŏuṡ ad tótt;
e lasêi c’cŏrrar
ch’a pinsèri as têṡ
e ai têṡ al Sgnŏur,
e a vlâir e a n vlâir brîṡe
a savâir e a n savâir pió
ai ŏ vésst dla żänt zighêr
pr an séntri pió.
Mo al Sgnŏur l é al sulfanèr
dal mŏnnd e ind al sŏu män
dl etêran al vŏuṡ nòstri
a n i pirdän pió.

BATTI LE MANI SIGNORE- Batti le mani Signore / ridi e parla / che sentiamo la voce / del tuo silenzio / e in mezzo ci siamo noi / che nella tua bocca aperta / stiamo a sentire / la voce di tutti; / e lasciateli parlare / che a pensarci si tace / e tace il Signore, / e a volere e a non volere / a sapere e a non saper più / ho visto gente piangere / dal non sentire più. / Ma il Signore è il robivecchi / del mondo e nelle sue mani / d’eternità le voci nostre / non le perdiamo più.

Par mî pèdar

Quásste l’é la poeṡî
ad quänd ai taché
a murîr mî pèdar
ch’al sré i ûc’
sänze arspŏnndr a inción
ai quâtr ad lói
dl ân pasè a basŏure
mo al stêve mèl
da sucuänt dé
e a ciaménn al prît
e la nòt prémme ai fó
cal grän scarvänt col trŏn
vŏus dal mî magŏn
e l i gêve
“A sŏn gnó a purtèrat
ind i ûc’ dal Sgnŏur
a váddr i tû da qué
e an i é pió gnént da fèr
e âmen, t î bèle in vátte
al óss sänt ch’al dîṡ al tänp
‘Fáirmat’”, e a m insugné
mî pèdar ch’al gnêve in só
dal dŏu tŏrr vêrs Palâz
e al m á détt “Andággne?”
mé l savêve ch’l êre
môrt da pôc änc s’ai êre
drî a durmîr e a i ŏ détt ad nŏ
col magŏn parché l îre ló
e parché ai ŏ pòre,
a sént al Sgnŏur
ch’l um ciâme e l dîṡ
ch’a n pòs bra stèr acsé
s’a vói dvintèr cunpâgne ló;
e quänd mî pèdar
dŏpp al mî nŏ
l é andè d lóng änc un pôc
e al s é prilê
e l é turnè indrî
stramèż ala żänt
sänze dîrum gnént
a sŏn avanzè lé
cunpâgne un patalócc
ch’a i sŏn avanzè mèl
d avâiri détt ad nŏ.

PER MIO PADRE - Questa è la poesia / di quando iniziò / a morire mio padre / che chiuse gli occhi / senza rispondere a nessuno / il quattro luglio / dell’anno scorso nel tardo pomeriggio / ma stava male / da alcuni giorni / e abbiamo chiamato il prete / e la notte prima ci fu / quel gran temporale col tuono / voce del mio dolore / e gli diceva / “Sono venuto a portarti / negli occhi del Signore / a vedere i tuoi da qui / e non c’è più niente da fare / e amen, sei già alla soglia / dell’uscio santo che dice al tempo / ‘Fermati’”, e ho sognato / mio padre che veniva su / dalle due torri verso Palazzo d’Accursio / e mi ha detto “Andiamo?” / io lo sapevo che era / morto da poco anche se stavo / dormendo e gli ho detto di no / con dolore perché era lui / e perché ho paura, / sento il Signore che mi chiama e dice / che non posso restare così / se voglio diventare come lui; / e quando mio padre / dopo il mio no / ha continuato ancora un po’ / e si è girato / e è tornato indietro / in mezzo alla gente / senza dirmi niente / sono rimasto lì / come un patalucco / perché ci sono rimasto male / a avergli detto di no.

pubblicato il 2 dicembre 2015