Ju core, ju munne, le parole di Pietro Civitareale


Recensione di Stefania Zitella

 Pietro Civitareale, Ju core, ju munne, le parole, Edizioni Cofine, Roma, 2013

Nella sua ultima raccolta di poesie in dialetto, Ju core, ju munne, le parole, Pietro Civitareale ci spiega che la scelta della lingua natia, ormai lingua della memoria, dato che egli ha lasciato la sua terra, il piccolo paese di Vittorito, nella Valle Peligna dell’entroterra dell’aquilano, più di cinquanta anni fa per non farvi mai più stabilmente ritorno, è ciò che rimane al poeta esule perché gli sia consentito “di restare legati alle nostre radici più profonde, facendo sì che la nostra identità antropologica non vada dispersa”.
Il libro si fa amare da subito per la possibilità che  ci offre di immergerci completamente nella natura ora virente ora cupa, spesso notturna, dove la luna è signora incontrastata, e di distaccarci dal convulso vivere odierno. La lingua materna veicola tale predisposizione della mente,  mettendoci così in comunione con il sentire del poeta.
Civitareale vive a Firenze, una delle città più suggestive al mondo e che egli deve certamente amare come la sua seconda patria, eppure nei suoi versi la città scompare, non lascia la minima traccia di sé. Il poeta lamenta  come una non appartenenza  (M’hai perdìute/ pe’ na veje che nen va/ da nescìuna parte./ Mmiezze a gente che té/ nu mode de fa’/ che nen riesce a capeje.)[1] e i suoi versi denunciano un bisogno autentico di silenzio,  di isolamento raccolto proiettato in un giardino che è immagine ricorrente nella sua poesia (Pure, dentre ajju giardéine/ na calme d’arie i fronne, na ciàire/ de chelìure, na vedìute ferme/ come quele de na cartuléine.)[2].
A tratti fiammeggia un’ardente malinconia per il paese lontano (Quattre chése,/ ciele i muntègne,/ na nfarenate de néve/ sopre alle piante,/ n’addore de partuhalle/ pe’ le veje,/ la bande mpiazze/ che’ le trombe gialle.)[3]… (D’estate ju paiàise/ meje sa de merìcuele./ Le sacce ca nen è ruosse,/ ca so’ quattre chése/ sparpajate ai péide/ de na muntagne, ma té/ la véuce de nu ciejje/ che se resbejje/ prieste pe’ cantà. […] Me recorde pìure/ ca ju ciele è azzurre,/ i le cecale càntene/ fine a sfìatarse,/ajju paiàise meje.)[4]  ma questo paesaggio così vivido, tanto da poterne avvertire i rumori, i profumi, i sapori, i colori, quasi in un frastuono di sensi vivissimi, è al contempo luogo tutto interiore, lo spazio dell’anima che il poeta cura proprio come un giardino per non dimenticare la sua identità, le sue radici, il suo essere più intimo ed autentico.
Predisponendoci al distacco, la sua poesia ci guida poi, senza paternalismi scontati, né il minimo sentore dell’ovvietà, anzi con cauta dolcezza, e con la profonda leggerezza che le è propria, a riflettere sulla dolorosa condizione esistenziale dell’uomo e qui la sua voce diventa corale, diacronicamente e sincronicamente, a quella delle voci della migliore tradizione poetica.
Egli denuncia la crudeltà indifferente del tempo che passa inesorabile (Tenàive nu specchie/addò ce vedàive nu munne/ chiare i fennìute/ Veje da fa,/ fiume da attraversà,/ muntègne da saje,/ciele da remerà./ I la lìuna piàine,/ che spuntàive tra le fronne/ come nu fìore./ Mo’ ce vàide a meje/ che m’accappe j’uocchie/ che’ la méne che treme)[5]… (I chiù né mme rassumijje/ alla terre, alla jerve, alle piante./ Magnate da i terle, me sfaréine,/ so’ ràine che scorre tra le dàite.)[6], i dolori che la vita ci riserva (Puterce sprefunnà/ pe’ nu mumiente i scurdamme/ de i delìure de la véite.)[7], i pensieri che ci affliggono (I le notte, mpizze ajju sprefunne/ de ju suonne, ju penzéire nen lente./ I come nu viérmene se turcéine/ i returcéine dentre alla mente)[8].
Ma egli sa anche indicarci il risarcimento a tanto dolore, il conforto che la vita ci può donare a fronte di un destino ineluttabile, e ciò non può che essere l’amore, che cos’altro? È l’eterno e atavico conflitto tra Eros e Thanatos: Civitareale sfronda tutto ciò che ci confonde, distrae, incatena e rimane l’essenza.
I suoi versi all’amata sono struggenti, densi di intimità (All’ampruvvéise/ èpre j’uocchie,/ chéle da ju liétte/ i jésce fore,/ ajju giardéine./ I’ te vienghe appriesse/ come nu nzunnéite./ Puorte na  vestajje/ bianche, longhe/ fine ai péide,/ i la chioma nàire taje/ recrope la lìune.)[9]… (Quande te uarde, ju core/ me zompe nganne come/ nu ciejje pazziariejje.)[10]… (Na vote sci d’acque,/ n’àutre de prete, d’arie n’àutre anchéure. […] Chiare de pelle,/ nàire de cijje,/ de ciele j’uocchie/ i de mare./ I  rose i gijje/ te scòppene/ tra i capijje)[11](I me piace penzà/ che tu me pienze)[12].
Natura panica, dolore e malinconia, amore sensuale, tutto inestricabilmente intrecciato in questi versi bellissimi. Ne scaturiscono come una sospensione, uno sbigottito ripensare, talvolta una dolcezza amara, talaltra un’amarezza dolce, e soprattutto il desiderio di rimanere in quel giardino di pioggia, di erbe molli, di profumi dolci, di rose spinose, di riflessi argentati, di montagne lontane. Dalla lettura della poesia di Civitareale si emerge come da una catarsi, riluttanti alle inutilità e aggrappati a poche solide certezze.
                       
Stefania Zitella
 
2015-06-25


[1] “Mi sono perso per una strada che non porta da nessuna parte. Tra gente che ha un modo di fare che non riesco a capire.” M’haje perdìute, vv.12-15, p.52.
[2] “Anche nel giardino una calma d’aria e di foglie, una cera di colori, una veduta immobile, come quella di una cartolina.” Ottobre,vv.6-9, p.11.
[3] “Quattro case, cieli e monti, una spruzzata di neve sugli alberi, un odore di arance per le vie, la banda in piazza con le trombe gialle.” Quattre chése, vv.1-8, p.55.
[4] “D’estate il mio paese sa di more. Lo so che non è grande, che sono quattro case sparse ai piedi di una montagna, ma ha la voce di un uccello che si sveglia presto per cantare. […] Mi ricordo pure che il cielo è azzurro, e le cicale cantano fino a sgolarsi, al mio paese.” Le merìcuele, vv.1-9, 20-24, p.53.
[5] “Avevo uno specchio dove vedevo un mondo chiaro e profondo. Strade da percorrere, fiumi da guardare, monti da scalare, cieli da contemplare. E la luna piena che spuntava tra le foglie come un fiore. Ora ci vedo me stesso che mi copro gli occhi con la mano che trema.” Ju specchie, p.37.
[6] “E più non somiglio alla terra, all’erba, alle piante. Mangiato dai tarli, mi sbriciolo, sono sabbia che scorre tra le dita.” Come na sumente, vv.9-12, p.49.
[7] “Poterci sprofondare per un attimo, e dimenticare i dolori della vita.” Puterce sprefunnà, vv.7-9, p.5.
[8] “E le notti, sul punto di sprofondare nel sonno, il pensiero non ti abbandona. E come un verme si torce e ritorce nella mente.” Ottobre, vv.10-13, p.11.
[9] “All’improvviso apri gli occhi, scendi dal letto ed esci in giardino. Io ti seguo come un sonnambulo. Indossi una vestaglia bianca, lunga fino ai piedi, e la tua chioma nera copre la luna.” La chioma nàire, p.34.
[10] “Quando ti guardo il cuore mi salta in gola, come un uccello che vuole giocare.” Puterce sprefunnà, vv.1-3, p.5.
[11] “Una volta sei d’acqua, un’altra di pietra, d’aria un’altra ancora. […] Chiara di pelle, nera di ciglia, di cielo gli occhi e di mare. E rose e gigli fioriscono tra i tuoi capelli.” Ma mo’ te ne vé, vv.1-3, vv.10-16, p.10.
[12] “E mi piace pensare che tu mi pensi” Me piace, vv.7-8, p.21.