Er c˛re e la raggione di Luciano Gentiletti




Luciano Gentiletti, romano, risiede da alcuni anni a Rocca Priora. Da pensionato, ha potuto dedicarsi a tempo pieno alla poesia che aveva trascurato per gli impegno quotidiani e di lavoro. Scrive quasi esclusivamente in dialetto romanesco che ha raffinato frequentando, da qualche tempo, l'Accademia Romanesca. Ha presentato le sue poesie in numerosi concorsi, ricevendo molti apprezzamenti e riconoscimenti.
 
Ha pubblicato, nel 2009 Rime de Roma e nel 2012 Er grillo chicchierone.
 
Nella raccolta Er còre e la raggione, Ed. Due colli  (TR) 2014 - fedele alla metrica e ai dettami dell'Accademia - l'Autore conferma la sua “vena”, fatta di belle immagini, concrete, e pensieri - come ama dire – su li fatti der monno; non dà risposte, non cerca speculazioni filosofiche o esistenziali: racconta la sua esperienza, “condita” dalla saggezza degli anni. Il resto, è perdersi nel mistero “come un fiume ch'affoga drento ar mare”.
 
Er mistero della vita
 
Quanno che vojo scappà via dar monno
me vado a rifuggià de sopra a 'n monte:
ce so li boschi...l'acqua de 'na fonte...
'na pace che te scenne ner profonno.
 
Sortanto si vai immezzo alla natura
ritrovi quer te stesso soffocato,
riacchiappi li valori c'hai scordato,
t'accorgi che stai drento a un'avventura.
 
T'abbasta guardà 'n fiore...l'animali...
e scopri che ce sta 'na vita sola:
c'è chi striscia...chi cammina...chi vola,
ma in fonno semo fatti tutti uguali.
 
Vorebbe da sapè perché ce stamo...
perché ce sta la pianta e l'anomale...
perché c'è chi fa er bene e 'n artro er male...
da 'dove semo usciti e 'nove annamo.
 
Quanno ch'è sera, attorno ar focolare,
guardo quer foco e fò volà er penziero:
l'anima mia se sperde ner mistero
come un fiume ch'affoga drento ar mare.
 
Non manca la nostalgia di chi sa che indietro non si torna; ma la poesia aiuta, con la nostalgia, a non perdere la coscienza di quel che siamo e a non disperdere “quer che vale”...tanto il tempo passa, anche quello attuale, anche  se non fa rumore, come faceva l'orloggio a cuccù.
 
 
Er tempo diggitale
 
C'è un orloggio che quanno fa cuccù
te dice che un'artr'ora se n'è annata,
mi nonna ce contava la giornata
tra li ricami e 'r sugo de ragù.
 
Quer monno lento mo nun ce sta più,
er tempo scappa...pare 'na ventata,
ogni memoria te viè cancellata:
er novo ariva e manna er vecchio giù.
 
Quer sòno antico ce l'ho drento a r còre,
ricordo de 'na vita più normale...
senza l'affanni... senza dové core.
 
Mo ciavemo l'orloggio diggitale:
er tempo passa senza fà rumore
er ner silenzio rubba quer che vale.
 
 
Altrove l'A. scrive sull'illusione che la tecnologia possa migliorare la vita:
 
L'alluvione
 
Er clima de 'na vorta se n'è annato,
L'Italia nun cià più le pioggiarelle,
quanno che piove, l'acqua è a catinelle:
gonfia li fiumi e rompe ogni fossato.
 
Oggi, però, sei un omo fortunato,
nun ciai bisogno de guardà le stelle,
ce so strumenti pe sarvà la pelle:
t'avviseno ch'er tempo s'è incazzato.
 
Quanno nun c'era 'sta tecnologia
er prete s'attaccava alla campana
e la gente scappava pe la via.
 
Mo che sai tutto da 'na settimana
e ciai ner cielo chi te fa la spia...
t'affoghi a casa drento  'na marana!
 
 
Non mancano momenti di affetti personali, occasione per ricordare che la vita è bella...
 
Quer giorno
(alla nipotina Sofia)
 
Sò 'n par de giorni che ciò 'na pupetta
abbraccicata ar collo, ogni momento.
Guardo 'sta vita cresce, a passo lento,
mentre che scopre er monno che je spetta.
 
A vorte me la tengo stretta, stretta,
perché nell'occhi sui c'è er sentimento,
ancora nu' lo sa der patimento:
la strada è lunga p'arivà a la vetta.
 
Un giorno, accoccolata sopra ar petto,
er còre suo sbatteva inzieme ar mio,
stava a dormì, pareva un angioletto.
 
'Sta sgrinfia co du' dita de gonnella
m'ha fatto penzà ar monno...ar cielo...a Dio:
la vita, quanno vò, ce pare bella!
 
 
Luciano Gentiletti, Er còre e la raggione  Ed. Due colli, 2014
 
 A cura di Maurizio Rossi
 
 
 2015-06-25