La poesia di Luigi Boccilli


Una Nota e una scelta di testi a cura di Loretta Peticca e Maurizio Rossi

Qualcuno ha detto di lui: “Tranviere di professione, Sociologo per vocazione, Poeta per amore”, tre prospettive che si completano: fonte economica la prima; ambito di studio e collaborazione con la Cattedra di Medicina Sociale dell'Università “La Sapienza”, la seconda; frutto di amore, la terza, coltivata dall'adolescenza ai giorni nostri.

La sua produzione è ampia e “a tutto tondo”, ispirata al Belli e pertanto quasi tutta, in dialetto romanesco; raccolta in varie sillogi (molte editate e molte “nel cassetto”): “Er paradiso Terestre” - “Sta Fede in cocci” - “Ar galoppo” “E' proprio 'na Repubbrica”- “A un doppo la Cur(i)a”...

Boccilli è poeta satirico e sferzante, che esprime la sua “romaneschità” (che non è un esercizio meramente linguistico, peraltro ben costruito, ma espressione di profonde radici romane e di un grande amore per Roma e la sua gente) spesso intingendo il pennino non solo nell'inchiostro, ma anche nell'acqua limacciosa del Tevere; capace di acuta e intelligente ironia, con tratti di umanità profonda e ricca, che fanno riflettere e non passano inosservati.

Le sue composizioni sono sonetti, a partire dal 2012 – come dice lui stesso - “caudati” , formati da due terzine endecasillabiche a rima alternata, in “coda” ai classici 14 versi; sviluppate con tecnica sapiente e linguaggio mai banale, che non indugia su un vernacolo “chiuso” o “di accademia”, bensì si adatta al lessico attuale, senza tuttavia “perdersi”.

La sua “Romaneschità”

 

IO SO' ROMANO

Io so' romano e, no, nu' lo millanto

io so' a dì poco inzin da l'Ottocento,

ciò Roma mia ner core e so contento,

perché Rometta è sempre un grande incanto.

 

E e' romanesco, poi, io l'aricanto,

cor dì le parolacce a cento a cento,

né me dispiace fallo e né me ne pento,

ma anzi, mejo assai, io me ne vanto.

 

Perché me so formato sur gigante

de li Poeti nostri – er granne Belli !...-

cor “Padre de li Santi” e de le “Sante”.

 

E si n've stanno bene st'acquarelli

che stò pe davve in modo assai graffiante,

allora un “Vaffa”...spero ciaffratelli.

 

La sua “filosofica umanità”

 

ER CECO

 

Cammina locco locco. Pe procede,

sfiora la tera e brancola a tentoni,

parpanno co le mano a cionnoloni

er vòto che l'avanza in ne l'incede.

 

E? ceco! Quarche vòrta po' succede!

T'appena ner vedello annà a tastoni,

sta immezzo a tanta gente a più mijono

eppuro è solo, roba da nun crede!

 

Così chi nun cià Fede è come un ceco,

abbrancola ner vòto, è tutto solo!

Se crede d'esse 'n dritto e va pe sbieco,

 

pe via che nun cià 'n piccio de consolo,

se interoga ma sente solo un' eco

che più l'arimbambisce in de sto sòlo!

 

 

La sua “ricerca di senso”

 

LO SPERANTE

 

“Ce sei, Signore, e dimme, indove stai?

E si ce sei perché Te sei anniscosto?

Da mo che Te sto appresso accosto accosto,

pe trovatte...ma nun Te trovo mai!

 

Guardo le stelle e dico, piucchemmai:

Ma certo c'ha da stacce in quarche posto

Chi ha fatto er tutto – e tutto ben disposto!-

da Roma all'atro monno e lì...a Shangai.

 

Dimme, ma che T'ho fatto che vòi damme

sto cruccio che me stressa e m'arovella

l'anima e  er core e, aforza de stressamme,

 

nun me la fa campà 'na vita bella?...

Ma dimme Tu vòi forse provocamme,

giocannoce co me a nisconnarella?

 

Lo sai Signò, Te vojo ma n'Te credo,

perché nun so Credente e né un Teatrante

e pòi sta certo ch'io nu' me ravvedo,

 

ar punto d'esse er peggio intollerante,

eppure nun Te nego: nun Te vedo?...

Ma Tu lo sai Signò, so 'no Sperante.”

 

PECORE E PASTORI

 

“Tanto pe incomincià me piaci un sacco,

quanno parli de turpe  incoerenza

fra un dì co un fa ch'è tutta un'indecenza

de Pecore e Pastori...poffarbacco!

 

Me piaci, sì, Francé, co st'antro attacco

che j'hai portato a tanta supponenza

fatta de paroloni e de impudenza,

che pare proprio quella de un vijacco!

 

Parli de mina... che ve scoppia in mano

dar tempo de li tempi e bè se sa

che ve fa perde tutto quer ch'è umano:

 

decoro e onore, vanto e dignità,

mentre che Tu te mostri antesignano

der bene e de 'na gran moralità.

 

Papa Francé, lo sai?...m'hai conquistato

cor modo tuo de fa...no già er Papocchio

né meno ancora un Pa(p)a  marcreato,

 

ma un Papa vero, senza er paraocchio

de chi fa véde bello e raffinato

puranco quer ched'è...'no scarabocchio”

 

...per concludere...

 

ER VECCHIO E LA SOLITUDINE

 

Ciò novantanni e forze, sì so tanti,

so tanti puro solo si li conti!

Si penzo ar tempo annato e fo raffronti,

mamma!...te devo dì, quanti rimpianti!

 

Semo giovani e famo l'aroganti,

spaccamo er monno, semo roodomonti

e doppo!...Doppo, Dio! Se famo tonti!...

Beh, che ve devo dì: fateve avanti!

 

V'aspetto? No, ve lasso! Ormai so' pronto

pe annà a dormì lì drento ar camposanto.

Ma intanto mo nun fateme l'affronto

de famme sentì solo e messo a un canto.

Finché ce stò, sippuro ormai ar tramonto,

teneteme co' voi, co voi  d'accanto!

 

A cura di Loretta Peticca e Maurizio Rossi